Oratorio per Eva

0
208
Condividi TeatriOnline sui Social Network

secondo step dal progetto Transiti Humanitatis

da un’idea di Nello Calabrò e Roberto Zappalà

coreografia e regia Roberto Zappalà

interpreti Compagnia Zappalà Danza

danza e collaborazione Maud de la Purification

al violino Giovanni Seminerio

voci Quintetto Zefiro

inoltre in scena dieci corpi in transito: amatori selezionati dal pubblico, che parteciperanno ad un laboratorio intenso di 3 giorni prima dello spettacolo

musiche originali Giovanni Seminerio

altre musiche Claudio Monteverdi, Madrigali (dal libro II Non si levava ancora l’alba novella, E dicea l’una sospirando allora, Non m’è grave il morir)

luci, scene e costumi Roberto Zappalà

realizzazione scene e costumi Debora Privitera

direttore tecnico Sammy Torrisi

produzione e tour manager Maria Inguscio

una produzione compagnia zappalà danza – Scenario Pubblico international choreographic centre Sicily

il progetto Transiti Humanitatis è realizzato in collaborazione con Teatro Garibaldi/Unione dei Teatri d’Europa (Palermo), Impulstanz (Vienna), Teatro Comunale di Ferrara

con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Siciliana

nuova creazione | prima assoluta

———–

All’interno del progetto Transiti Humanitatis, Oratorio per Eva è la creazione che Roberto Zappalà dedica appunto a Eva, figura simbolica per eccellenza. L’Eva biblica, al contempo prima donna e madre dell’umanità, diventa, senza soluzione di continuità, la danzatrice che la porta in scena e la donna di oggi; in un “racconto” in prima persona, che si fa, suo malgrado, specchio di una condizione  ancora non pacificata e di quotidiana violenza. 

Oratorio per Eva è, dopo Invenzioni a tre voci, la seconda tappa del progetto Transiti Humanitatis, un percorso che avrà come stazione d’arrivo, ad inizio 2016, la produzione I am beautiful.

Creazione per sola danzatrice, violino e un ensemble di voci barocche, il transito in questione parte da una dichiarata e onesta riformulazione di un vecchio progetto sulla sofferenza del corpo rivisto da una diversa angolazione e prospettiva, sia scenica che concettuale.

Con la figura di Eva, al contempo personaggio biblico e emblematica prima donna, danzatrice e donna di oggi, si vuole “raccontare” una nascita che è sofferenza e liberazione, dolore e consapevolezza, bellezza e affermazione di sé; un passo ulteriore per tracciare un aspetto fondamentale dell’umanità e della sua bellezza.

Un parto che dal paradiso porta al caos dell’umanità, in una genesi di secondo grado dove la vera nascita di Eva e dell’umanità è quella del dopo la cacciata dal paradiso terrestre; è quella della consapevolezza, della parola e del racconto.

La danza si impossessa delle parole di Mark Twain, tratte da Il diario di Eva, che sfumano in maniera impercettibile in quelle della danzatrice/interprete, per incorporarle letteralmente in sé, facendole diventare corpo in movimento.

Attraverso una danza spigolosa ma anche tenera, dolce e anche violenta, scopriamo gli smarrimenti e le paure, i dubbi e le certezze di un’Eva simbolica e reale che si trasfigura nella danzatrice che la interpreta / rappresenta, e nella donna; in ogni donna. In ognuno.

DATE:

3/4/5 dicembre 2014 | Teatro Odeon, Vienna – per Impulstanz Specials

(debutto italiano, Catania/Scenario Pubblico 12/13/14 e 20/21 dicembre 2014)

TRANSITI HUMANITATIS / Passaggi, attraversamenti, viaggi, incroci, incontri.

Il nuovo progetto creativo di Roberto Zappalà, “transiti humanitatis” si articola in più fasi.

La creazione produzione I am beautiful con debutto previsto inizio 2016 al Teatro Comunale di Ferrara, sarà il punto d’arrivo di un percorso iniziato nel 2014. Il punto di partenza del progetto è costituito da alcuni passaggi/performace convenzionalmente chiamati “transiti” e che sono presentati al pubblico in vari episodi. “Transiti” dove l’“umanità”, quella dell’umanesimo, degli “studia humanitatis” che nel quattrocento indicavano gli studi letterari volti a formare la persona, divengono, nella traduzione di Roberto Zappalà, gli “studia” del corpo e del gesto trasfigurati in un universo coreografico che cerca di mettere il corpo quale elemento fondante e transito ineludibile di un “nuovo” umanesimo.

La bellezza evocata ed esplorata, nella nuova creazione di Roberto Zappalà per la compagnia Zappalà danza ha come fonte d’ispirazione, con un paradosso solo apparente, l’immobilità eterna e assoluta della pietra (del gesso).

Quella di Rodin e della sua opera. È la bellezza del corpo del danzatore/trice a partire dal quale tutto incomincia e nel quale tutto si consuma ed esaurisce.

Per Roberto Zappalà mettere a nudo il corpo, ovviamente non solo nel senso letterale, equivale a mettere a nudo il cuore umano, (per tornare a Baudelaire), e farlo attraverso una lingua che ha la sua grammatica e la sua sintassi nei nervi e nelle giunture, nei fremiti e nei sussulti del corpo.

Il corpo può diventare così la mappa per decrittare la società, ed è attraverso la corporeità, il paradosso del suo “universale narcisismo”, che l’uomo si rivela e rivela il suo posto nella società.

L’intenzione è quella di provare con la danza a raccontare la corporeità e l’identità umana, e cosi la sua bellezza.

Convinti che, come dice Stendhal: per conoscere l’uomo basta conoscere sé stessi, per conoscere gli uomini bisogna frequentarli e che occorre avere un corpo per trovare un’anima (Soltanto di Jan Twardowski)

Il progetto è sviluppato in diversi step, sviluppati in residenza in collaborazione con alcune strutture, e sono proposti al pubblico come “transiti”. Il primo step per tre danzatrici, Transiti humanitatis#1/ invenzioni a tre voci, è debuttato il 15 giugno 2014 al Teatro Garibaldi/Unione dei Teatri d’Europa a Palermo.

 

LEAVE A REPLY