Jessica Pratt in concerto

0
303
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoOrchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Soprano Jessica Pratt

Direttore Jader Bignamini

———-

Per i melomani sarà una (doppia) occasione da non perdere, per nessun motivo”: parola di Jader Bignamini. Il direttore associato de laVerdi infatti – in procinto di partire per Mosca, dove lunedì 8 dicembre dirigerà al Conservatorio Čajkovskij un concerto straordinario per il centenario della Prima Guerra Mondiale – giovedì 4 (ore 20.30) e sabato 6 dicembre (ore 20.00) guiderà all’Auditorium di Milano l’Orchestra sinfonica Giuseppe Verdi in un programma all’insegna del Belcanto italiano attraverso Rossini, Bellini, Verdi e Donizetti.

Sul palco di largo Mahler, guest star della doppia serata il soprano australiano Jessica Pratt, unanimemente considerata una delle maggiori interpreti del repertorio classico-operistico a livello mondiale, al debutto con laVerdi e che il grande pubblico ricorderà per l’esibizione al Concerto di Capodanno del 2012 al Teatro La Fenice di Venezia.

Nutrito il programma: si comincia con Rossini (Guglielmo Tell, Sinfonia; Tancredi, “Come dolce all’alma mia”), per proseguire con Bellini (Norma, Sinfonia; I Puritani, “O rendetemi la speme…Qui la voce sua soave…Vien, diletto, è in ciel la luna”); intermezzo sinfonico con una chicca a tutto tondo: la rara Sinfonia de L’Africaine di Giacomo Meyerbeer, seguita dall’aria “Oh beau pays” da Les Huguenots, omaggio al compositore tedesco nel 150° anniversario della morte. Terza e ultima parte del programma di nuovo all’insegna del grande repertorio operistico italiano, con Verdi (Luisa Miller, Sinfonia; Rigoletto, “Caro nome”) e Donizetti, con un altro cameo quale la Sinfonia di Roberto Devereux, per chiudere con “Il dolce suono…Ardon gl’incensi…Spargi d’amaro pianto” da Lucia di Lammermoor, cavallo di battaglia di Jessica Pratt.

Giovedì 4 (ore 18.30, Foyer della balconata, ingresso libero), Enrico Reggiani terrà la prima di due conferenze, dal titolo Lo Shakespeare di Čajkovskij, in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano, dedicate alla presenza del Bardo nella musica del compositore russo, in vista dei concerti del 19 e 21 dicembre. Temi dell’incontro saranno La Tempesta e Amleto.

(Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler; orari apertura: mar – dom, ore 14.30 – 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, www.laverdi.org, biglietti euro 35,00/25.00,/20,00/15,00).

————

Programma

Troviamo due grandi interpreti nel programma del prossimo concerto. Il direttore Jader Bignamini non ha bisogno di presentazione, tanto è conosciuto a tutti noi per essere stato parte dell’Orchestra Verdi ed esserne salito poi sul podio. Da lì ha iniziato un carriera in teatro e in sala da concerto che dall’Italia si è estesa ai grandi centri internazionali. Eccellente interprete del repertorio sinfonico, avremo modo di apprezzarlo anche in quello operistico, nel quale la sua esperienza sta crescendo in modo vorticoso. Sentiremo la sua lettura di alcuni capolavori del repertorio orchestral-teatrale, con sinfonie d’opera di Verdi, Bellini, Meyerbeer, Donizetti.

Bignamini sarà inoltre impegnato a sostenere la voce di Jessica Pratt, altra interprete che ben conoscono gli appassionati d’opera del mondo intero. Inglese di nascita, australiana di formazione, nell’ultimo decennio ha conquistato il pubblico della Scala e del Festival rossiniano di Pesaro, del Covent Garden di Londra, dell’Opera di Zurigo e di tanti altri luoghi. Si è specializzata in ruoli di soprano di coloratura e di belcanto in generale. È in questo suo repertorio d’elezione (Rossini, Bellini, Meyerbeer, Donizetti) che esordirà nell’atteso appuntamento a laVerdi.

Enzo Beacco

————–

Biografie

Jader Bignamini, Direttore. Apprezzato per il forte carisma e la personalità dirompente, nonché dotato di preparazione e raffinatezza musicale fuori dal comune, affina e sviluppa le sue doti tecniche e artistiche nell’ambito dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, dove già nel 1997, a soli 21 anni, viene scelto dal Maestro Riccardo Chailly come clarinetto piccolo dell’ensemble sinfonico. L’attività più recente lo vede collaborare nel 2009 ha con il Teatro San Carlo di Napoli, con l’Orchestra dell’Arena di Verona e naturalmente con  l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, con la quale nel 2010 è impegnato tra l’altro nella registrazione per Sky TV in prima esecuzione mondiale del brano Spirito Eroico del compositore Di Iorio, colonna sonora ufficiale delle Olimpiadi invernali di Vancouver. Nel 2010 è nominato Direttore Assistente dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e in questo ruolo prepara laVerdi nell’esecuzione integrale delle sinfonie di Mahler per i direttori ospiti della Stagione Sinfonica 2010/2011 dell’Auditorium di Milano. È del 13 Marzo 2011 il debutto alla direzione dell’Orchestra nella Quinta Sinfonia di Mahler, e solo otto giorni più tardi, il 20 marzo, dirige il concerto per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia in diretta televisiva, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in visita ufficiale a Milano. Sempre nel 2011 dirige all’Auditorium San Domenico di Foligno la verdiana Messa di Requiem con l’Orchestra Sinfonica e il Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, mentre nella chiesa di San Marco a Milano per MiTo 2011 esegue la Missa Solemnis di Liszt e per MiTo 2012 la Messe solennelle di Berlioz. Nell’aprile 2012 è nominato Direttore Associato dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, esibendosi, nell’ambito della Stagione Sinfonica dell’Orchestra, in un concerto incentrato sulla grande musica sinfonica russa, che ha avuto come brano cardine Quadri di un’esposizione di Modest Musorgsky. Bignamini ha chiuso “Una Estate con la Musica 2012”, la prima stagione estiva de laVerdi, dirigendo, a fine agosto, Carmen di Bizet in forma di concerto, e ha inaugurato la XX Stagione sinfonica dell’Orchestra all’Auditorium di Milano, il 13 settembre 2012, accompagnando la violinista Francesca Dego nell’esecuzione del Concerto per violino e orchestra n. 2 di Prokof’ev. Nel novembre 2012 ha guidato l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in una trionfale torunée in Russia, con due concerti a Mosca (Sala Grande del Conservatorio Čajkovskij) e San Pietroburgo (Cappella Accademica di Stato). Il 31 dicembre 2012 ha diretto il Concerto di Capodanno alla guida della Osaka Symphony Orchestra, con un programma tutto italiano, ospite alla Biwako Hall di Otsu per il suo debutto in Giappone. Seguono i debutti sinfonici in Giappone alla Biwako Hall di Otsu, in Brasile al Teatro Municipal di Sao Paulo, a Palermo con l’Orchestra Sinfonica Siciliana e a Firenze col Maggio Musicale. 

Inaugura poi il XXXIX Festival della Valle d’Itria con Crispino e la Comare, la XX Stagione Sinfonica de laVerdi con un programma verdiano e il Festival Verdi 2013 a Parma con Simon Boccanegra, a seguito del quale gli viene offerto dal Teatro Regio un invito triennale per il Festival. 

Tra gli impegni recenti e futuri, oltre ai numerosi appuntamenti sinfonici con laVerdi, tra i quali il verdiano Requiem, l’Inaugurazione della Stagione della Filarmonica del Comunale di Bologna con i Carmina BuranaLa bohème al Municipal di Sao Paulo (Brasile) e al Teatro la Fenice di Venezia, L’elisir d’amore ad Ancona, Tosca al Comunale di Bologna, La forza del destino al Festival Verdi di Parma, Cavalleria rusticana e L’amor brujo al Teatro Filarmonico di Verona, Madama Butterfly al Teatro la  Fenice, e ancora La bohème al teatro Filarmonico di Verona nel novembre 2014.

Jessica Pratt Soprano. Australiana, nel 2007 debutta all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e nel gennaio del 2008 ottiene una borsa di studio come artista stabile presso la Wiener Staatsoper dove successivamente debutta, diretta da Christian Thielemann. Segue il debutto presso al Teatro Comunale di Bologna nella Lucia di Lammermoor, opera che rappresenta uno dei suoi cavalli di battaglia, riproponendo il ruolo, tra l’altro, all’Opernhaus di Zurigo, al Teatro Carlo Felice di Genova, al Teatro La Fenice di Venezia, al San Carlo di Napoli, a Tel Aviv e alla Deutsche Oper di Berlino.

Si è inoltre esibita al Covent Garden di Londra (Regina della notte ne Il flauto magico), Teatro de la Maestranza di Sevilla (Gilda in Rigoletto accanto a Leo Nucci), a Lima (Matilde ne Guillaume Tell accanto a Juan Diego Florez), all’Opera di Reims (Giulietta in I Capuleti e i Montecchi), al Rossini Opera Festival (Adelaide di BorgognaCiro in Babilonia), a Garsington (Armida), al Caramoor Festival (Ciro in Babilonia), Festival della Valle d’Itria (Giovanna d’Arco di Verdi), alle Terme di Caracalla (Gilda), all’Opera di Roma (Cunegonde in Candide), al Teatro Regio di Parma (Gilda con Leo Nucci) e al Teatro Petruzzelli di Bari (Amina in La Sonnambula).

Tra gli impegni del 2013/2014 si segnalano Gilda ne Rigoletto a Padova, Inès nell’Africaine di Meyerbeer per l’inaugurazione della nuova stagione del Teatro La Fenice di Venezia, Musetta in La Bohème a Salerno, Lucia di Lammermoor al Teatro al Teatro alla Scala di Milano e alla Nederlandse Opera di Amsterdam; i debutti nei ruoli di Violetta in La Traviata alla Victorian Opera di Melbourne e Zenobia ne Aureliano in Palmira al Rossini Opera Festival di Pesaro. A giugno 2014 ha debuttato in un concerto a Tokyo.

Tra gli impegni della stagione 2014/2015 spiccano i debutti nei ruoli di Cleopatra in Giulio Cesare al Teatro Regio di Torino e Amenaide in Tancredi all’Opera di Losanna; Donna Anna in Don Giovanni e Giulietta in I Capuleti e i Montecchi al Teatro La Fenice di Venezia, Elvira in I Puritani  a Firenze, Lucia di Lammermoor al Festival Granda, concerti all’Auditorium di Milano, all’Opera di Bonn e al Wigmore Hall di Londra. 

A maggio 2013 ha ricevuto il prestigioso premio internazionale La Siola d’Oro Lina Pagliughi.

 

LEAVE A REPLY