Galadanzatalenti (5° edizione)

0
230
Condividi TeatriOnline sui Social Network

TALENTI DA VEDERE ED APPREZZARE

Cinque accreditate compagnie di balletto e un “Duo” sono i protagonisti della V edizione del “Galadanzatalenti”, l’evento promosso dall’Associazione Culturale “D’Angel-Angeli della Danza e dello Spettacolo” che si terrà venerdì 23 gennaio al Teatro della Tosse di Genova e sabato 24 al Teatro Civico di La Spezia. Due serate organizzate con il contributo della Regione Liguria e il patrocinio della Provincia e Comune di Genova e del Comune di La Spezia per sostenere “la nuova danza giovane” italiana ed europea in un confronto alla pari e con un programma che prevede nuove creazioni e/o rivisitazioni del repertorio.

Un’occasione per mettere in luce le potenzialità tecniche ma anche le capacità di interpretare stili e linguaggi differenti di danzatori talentuosi, guidati da direttori capaci e consapevoli di lanciare un importate messaggio: “l’art – ovvero la danse – avant tout“. E questo specie in un momento in cui non è facile riconoscere il ruolo che la danza e il balletto possono avere nel futuro lavorativo e professionale di chi sceglie l’arte tersicorea. Arte spesso negletta o considerata un’ingombrante appendice da Enti o Fondazioni che, salvo rare eccezioni, avrebbero il compito – e anche il dovere – di supportarla.

Ma al di là di queste considerazioni, quello che conforta è la caparbia volontà di associazioni, compagnie, teatri, istituzioni, di proporre spettacoli di qualità ed arricchire l’offerta per “danzomani” e neofiti radunando ‘mini corpi di ballo’ composti da giovani e preparati elementi.

Al Teatro della Tosse di Genova e al Teatro Civico di la Spezia si esibiscono il Balletto di Siena, l’agguerrita formazione di Marco Batti, direttore artistico e coreografo del BdS, un organico formato da ballerini classici “under 23”, che propone coreografie neoclassiche e contemporanee firmate dallo stesso Batti fra cui Grand Suite Classique, Verdiana, Butterfly, Reshimu, Lucifero. Gli fa eco lo storico Balletto di Torino, diretto da Loredana Furno con la prima assoluta estratti da In Chopin, una coreografia di Marco De Alteriis, e il volitivo Balletto di Milano, diretto da Carlo Pesta, con un “pas de deuxdalla Cenerentola di Giorgio Madia e il duetto En écoutant du Schumann di Emanuela Tagliavia, mentre la ‘classicissima’ Compagnia Cosi-Stefanescu porta l’assolo Doina e Natura: passo a due di Stefanescu.

Dalla Francia arriva l’interessante Cannes Jeune Ballet capitanato dall’étoile Paola Cantalupo che balla Concerto: primo movimento, una creazione di Katarzyna Gadaniec e Marco Cantalupo, e dal Cirano il Duo # 2 di Crhistopfe Garcia. Infine Federica Maine, solista di MaggioDanza, in coppia con Lorenzo Terzo, presenta il coinvolgente ed elegante Prélude à l’aprés-midi d’un Faune di Davide Bombana.

LEAVE A REPLY