Lucia di Lammermoor

0
229
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIl Presidente della Repubblica Sergio Mattarella assisterà domani, martedì 31 marzo, alla “prima” della “Lucia di Lammermoor” di Donizetti, ultima regia di Luca Ronconi. Il Capo dello Stato sarà ricevuto, al suo arrivo al Teatro Costanzi, dal Sindaco di Roma e Presidente della Fondazione, Ignazio Marino, e dal Sovrintendente Carlo Fuortes.

C’è grande attesa per il debutto di questo nuovo allestimento della “Lucia di Lammermoor”. Il progetto è stato realizzato dai collaboratori storici di Luca Ronconi, il regista recentemente scomparso: Gianni Mantovanini (luci), Gabriele Mayer (costumi), Margherita Palli (scene), Ugo Tessitore (regia). Sul podio dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma il Maestro Roberto Abbado.

Tra gli ospiti di domani sera al Teatro dell’Opera per la “prima” di “Lucia di Lammermoor”: onorevole Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia e delle Finanze; S.E. Reinhard Shafers, ambasciatore di Germania; Nicola Piovani; Marco Bellocchio; Giorgio Barberio Corsetti; Giancarlo De Cataldo, magistrato e scrittore; Malika Ayane; Corrado Augias, giornalista e scrittore; Pierfrancesco Pinelli, commissario straordinario del Governo per le Fondazioni lirico-sinfoniche; Francesco Prosperetti, soprintendente dei Beni Archeologici; Giorgio Lattanzi, vice presidente della Corte Costituzionale; Carlo Visconti segretario generale della Corte Costituzionale; Giovanna Marinelli, assessore alla Cultura del Comune di Roma; Silvia Scozzese, assessore al Bilancio del Comune di Roma; Lidia Ravera, assessore alla Cultura della Regione Lazio; Claudio Parisi Presicce, soprintendente dei Beni Culturali del Comune di Roma; on. Gianni Letta; Franco Bernabè, presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo; Aurelio Regina, presidente della Fondazione Musica per Roma; Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia; Francesco Liberati, presidente della Banca di Credito Cooperativo; gen. Tullio Del Sette, comandante generale Arma Carabinieri.

LEAVE A REPLY