L’anima della folla

0
233
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoNasce “L’Anima della Folla”, lo spettacolo musicale/teatrale interattivo che rende il pubblico in sala il vero “direttore d’orchestra” della performance musicale.

Lo spettacolo è ideato dagli OSSI DURI, ed è realizzato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo che ha selezionato l’iniziativa nell’ambito di Scene allo sBando.

Prova aperta: lunedì 15 giugno, ore 18, Aula Magna del Politecnico di Torino. Ingresso libero.*

Prima dello spettacolo: lunedì 28 settembre, Aula Magna del Politecnico di Torino.

* ATTENZIONE: la prova è aperta, sino ad esaurimento posti. Il pubblico è invitato a portare il proprio smartphone.

Ogni spettacolo dal vivo necessita di una qualche forma di conduzione, di “regia”… Il pubblico è assuefatto ad un ruolo passivo: le sue modalità di interazione con lo spettacolo dal vivo si limitano all’applauso o poco più.

La netta separazione dei ruoli che trasforma il pubblico in spettatore (dal lat. spectare «guardare») nell’attuale Era dell’Interazione è fortemente responsabile del progressivo disinteresse della collettività – e soprattutto dei più giovani – verso tale forma di attività culturale.

Per contrastare questo declino è urgente infrangere l’invisibile barriera fra ciò che avviene sul palcoscenico e ciò che avviene fuori da di questoesso, creare un flusso di informazioni fra le parti in gioco, realizzare le condizioni per un “ascolto” reciproco che porti a fare del pubblico in sala il “conduttore” di quanto vi avviene.

Questa affermazione può sembrare eccessivamente rivoluzionaria e ambiziosa. In realtà, le attuali tecnologie sono ormai tali da poter consentire la creazione di un sistema a basso costo per la rilevazione e la gestione delle decisioni del pubblico in tempo reale, durante lo sviluppo della performance.

Si immagini ad esempio un concerto che preveda l’improvvisazione. In tale contesto, il pubblico potrebbe decidere l’avvicendamento degli strumenti solisti e degli strumenti accompagnatori, potrebbe esprimere una preferenza sulla durata degli assoli, sull’intensità e sul colore, potrebbe intervenire anche sull’ordine delle sezioni del brano realizzando quindi un arrangiamento collettivo in tempo reale.

Oppure, più semplicemente, il pubblico potrebbe scegliere delle immagini alle quali i musicisti possono ispirare la creazione degli assoli e del tessuto di accompagnamento.

O ancor più semplicemente, decidere l’avvicendarsi dei vari brani in scaletta, sulla base della percezione di quanto è già stato eseguito.

Esempi di interazione a cui si può facilmente arrivare unendo un sistema composto da access point, web server e vari terminali video sul palco ai dispositivi portatili ormai largamente diffusi come smartphone, tablet e computer.

L’idea è di per sè applicabile a qualunque contesto artistico in cui l’artista accetti di prevedere dei punti di interazione con il pubblico, che siano “comprensibili” e di grande impatto.

Gli ideatori, dal canto loro, hanno scelto di ispirarsi al movimento Futurista, la più incisiva corrente artistica del 900, caratterizzata da una sfrenata sensibilità verso la ricerca ed il progresso. Basti pensare alle parole del musicista futurista Francesco Casavola che in un manifesto del 1924 dicevaproclamava:

Il jazz-band rappresenta, oggi, l’attuazione pratica, sebbene incompleta, dei nostri principi: la individualità del canto dei suoi strumenti, che riuniscono per la prima volta elementi sonori di differente carattere; la persistenza dei suoi ritmi, decisi e necessari, costituiscono la base della musica futurista. Diamo a ciascuna voce, nel canto, una individualità libera, improvvisatrice: dall’insieme non prevedibile, nei rapporti improvvisi ed inevitabili, avrà vita il canto nuovo, ricco e profondo come l’anima della folla.

Il canto nuovo, ricco e profondo come l’anima della folla” è proprio ciò che si vuole fare emergere realizzando una performance che preveda una stretta interazione con il pubblico sia a livello di processo creativo che di performance.

Per questo motivo si è pensato ad uno spettacolo musicale/teatrale interattivo in chiave rock, elettronica e jazz, basato su un’opera del futurista Francesco Balilla Pratella intitolata “La teoria della musica”. Quest’ultima, inizialmente concepita con una funzione puramente didattica, costituisce ancora oggi interessante materia di studio per gli studenti dei Conservatori Italiani, grazie alla sua intrinseca modernità.

La prima prova aperta del concerto-interattivo Futurista “L’Anima della Folla”, fra i vincitori del bando di Compagnia di San Paolo “Scene allo sBando 2014”, avrà luogo lunedì 15 giugno, presso l’Aula Magna del Politecnico di Torino alle ore 18, e si avvarrà di tecnologie elaborate ad hoc dall’ Istituto di Ingegneria dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (IEIIT) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). La prima performance si terrà, nella stessa sede, il 28 settembre. In tale occasione, il concerto sarà arricchito da una multivisione basata su elementi di arte Futurista e da macchine sonore molto coerografiche, per dare all’intera performance una dimensione quasi teatrale.   

 ——-

OSSI DURI – Il progetto Ossi Duri nasce il 4 dicembre 1993 per iniziativa di quattro (allora) ragazzini fan dell’appena scomparso Frank Zappa, da sempre loro mentore musicale.

Della lezione impartita da Frank Zappa, gli Ossi Duri hanno fatto proprie la volontà di unire nella propria musica l’umorismo, l’ironia dei testi e la complessità degli arrangiamenti. E questo lo ritroviamo sia quando ripropongono il repertorio zappiano, sia quando si dedicano alla composizione di materiale originale o approcciano il repertorio dei grandi artisti italiani degli anni ’60 – ’70.

La passione per Zappa ed il suo particolare approccio musicale ha favorito due importanti incontri che si sono trasformati in collaborazioni live ed in studio: Elio ed Ike Willis – vocalist e chitarrista di Frank Zappa dal 1978 al 1988 – col quale sono stati protagonisti di numerosi concerti, anche oltre confine.

Il comune sostrato di ironia e goliardia li porta a conoscere e condividere il palco anche con Freak Antoni (Skiantos), Claudio Bisio, Rocco Tanica, Alberto Camerini, mentre il grandissimo amore per la musica ‘ben suonata’ li ha avvicinati e portati a collaborare con musicisti quali Marco Minneman, David Surkamp, Riccardo Balbinutti, Fabio Giachino, Gianni De Nitto, Furio Di Castri, oltre ad altri ‘fidati’’ collabortori di Zappa quali Mike Keneally e Napoleon “Murphy” Brock.

Agli Ossi Duri si affiancano, per “L’Anima della Folla”, Marco Tardito (clarinettista e compositore delle musiche futuriste), Giuseppe Virone (trombettista e ingegnere che si occupa della parte informatica), Alberto Borio (trombonista), Marco Tardito (clarinettista e compositore delle musiche futuriste) e Paola Roman (attrice), Riccardo Ternavasio (creazione della multivisione in collaborazione con lo studio fotografico IMMAGINARE di Bra) e Marta Massano (creazione scenografia e costumi).

 ——-

Compagnia di San Paolo – La Compagnia di San Paolo sostiene lo sviluppo di « ricerca scientifica, economica e giuridica ; istruzione ; arte ; conservazione e valorizzazione dei beni e delle attività culturali e dei beni ambientali; sanità ; assistenza alle categorie sociali deboli» – i quali sono oggetto di un approccio sempre più integrato, in grado di rispondere alla complessità dei temi della modernità. L’Area Arte, Attività e Beni Culturali riconosce il ruolo strategico del patrimonio culturale, asse portante della ricchezza di ogni territorio, quale elemento da cui avviare politiche di sviluppo che possano incidere positivamente sulla qualità della vita delle comunità. Il patrimonio culturale è concepito come riserva quasi inesauribile di risorse in grado di migliorare il presente e indirizzare la costruzione del futuro, un deposito della memoria e delle identità da preservare che si pone con un ruolo di generatore di senso, contenuti e stimoli.

L’azione della Compagnia si svolge attraverso erogazioni e progetti gestiti direttamente dalla propria struttura e tramite i propri enti strumentali.

 ———-

Istituto di Ingegneria dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (IEIIT) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) – IEIIT (Institute of Electronics, Computer and Telecommunication Engineering) è un istitutoorgano del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), istituitofondato nell’ottobre 2001 con l’obiettivo di svolgere ricerca scientifica e tecnologica qualificata nel settore dell’ingegneria dell’Informazione e delle Telecomunicazioni in collaborazione con enti di ricerca e università nazionali e straniere. L’Istituto è costituito da sei sedi, ognuna con le proprie specializzazioni e competenze tecnologiche, ma la sede principale è situata presso nel campus delil Politecnico di Torino.

Le specifiche competenze del personale dell’I.E.I.I.T. consentono di svolgere ricerche avanzate a carattere multidisciplinare nel settore dell’ICT. Molte attività di ricerca dell’Istituto sono svolte nell’ambito di contratti di ricerca con istituzioni scientifiche nazionali e internazionali, con enti pubblici ed industrie private, in collaborazione con molti docenti e ricercatori delle Università e dei Politecnici presso i quali l’Istituto ha sede.

Contributi significativi si annoverano nei settori delle reti telematiche, sistemi di comunicazioni wireless, sistemi di elaborazione “real time”, visione artificiale, propagazione, sorgenti laser, tecnologie micro e nano elettroniche, sistemi di controllo, robotica, sistemi complessi, e apprendimento automatico.

 ———-

Associazione Polincontri del Politecnico di Torino – Polincontri, associazione per chi studia e lavora al Politecnico di Torino, ispira lo stile del tempo libero proponendosi da 20 anni come contenitore di Cultura, Spettacolo, Intrattenimento, Sport e altro ancora…

Grazie alle numerose attività organizzate e ai progetti intrapresi, il CRAL del Politecnico di Torino, si è sempre più rafforzato e ora è solido punto di riferimento per gli oltre 1900 soci.

L’esaltante esperienza dello sport, dei viaggi, della musica e dell’arte, trasforma l’associazione in un’avventura sempre nuova e in continua evoluzione.

Il Polincontri non è solo divertimento, l’Impegno Sociale, infatti, caratterizza momenti di incontro attraverso associazioni locali e enti impegnai nel campo della solidarietà.

Si ringrazia Ugo Nespolo per la grafica.

LEAVE A REPLY