META – Meeting of European Theatre Academies

0
338
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Filippo Manzini
Foto di Filippo Manzini

Nasce a Firenze la prima edizione di META – Meeting of European Theatre Academies, seminari, conferenze, workshop e spettacoli sui metodi delle pedagogie teatrali insegnati nelle più importanti accademie d’Europa. Dal 4 al 9 luglio prenderanno casa al Teatro della Pergola la RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra, l’Accademia d’Arte Drammatica ‘Ernst Busch’ di Berlino e la Scuola Internazionale di Teatro ‘Jacques Lecoq’ di Parigi, insieme con l’Accademia Teatrale di Firenze. La manifestazione, diretta da Pietro Bartolini, è realizzata dalla Fondazione Teatro della Toscana, in collaborazione con il Centro Culturale di Teatro.

Una preziosa occasione di apprendimento, crescita, scambio e confronto per studenti e professori di teatro, ma anche un importante appuntamento per tutti gli appassionati. È la prima edizione di META – Meeting of European Theatre Academies e si articolerà in conferenze di approfondimento teoriche sulle problematiche delle metodologie teatrali e in workshop pratici dove gli allievi di Inghilterra, Germania, Francia e Italia lavoreranno insieme, sotto l’attenta guida dei docenti, per sperimentare lo stato dell’arte della pedagogia teatrale europea.

Dal 4 al 9 luglio il Teatro della Pergola sarà l’aula scolastica in cui insegneranno personalità d’eccezione: Edward Kemp, direttore della RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra, con Joe Windley docente di tecnica vocale, Harry Fuhrmann e Michael Keller esponenti del ‘Bertolt Brecht’s Method’ dell’Accademia d’Arte Drammatica ‘Ernst Busch’ di Berlino, Pascale e François Lecoq, figli del grande attore e mimo Jacques Lecoq e insegnanti alla Scuola Internazionale di Teatro di Parigi a lui intitolata, come anche Carlos Garcìa Estévez. Gianluca Iumiento, direttore del dipartimento di recitazione della KHIO – Accademia d’Arte Drammatica di Oslo, e Pietro Bartolini, direttore dell’Accademia Teatrale di Firenze, faranno il punto sugli ultimi sviluppi della ricerca nel campo dell’insegnamento dell’arte interpretativa.

 ——–

LE ACCADEMIE: RADA – ACCADEMIA REALE D’ARTE DRAMMATICA DI LONDRA, ACCADEMIA D’ARTE DRAMMATICA ‘ERNST BUSCH’ DI BERLINO, SCUOLA INTERNAZIONALE DI TEATRO ‘JACQUES LECOQ’ DI PARIGI, ACCADEMIA TEATRALE DI FIRENZE.

La RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra è uno dei più importanti centri d’insegnamento al mondo di recitazione e tecnica teatrale. Tra i suoi ex alunni ci sono Sir Kenneth Branagh, Ralph Fiennes, Sir Anthony Hopkins, Alan Rickman, Oona Chaplin e Clive Owen. Edward Kemp la dirige dal 2007.

Fondata da Max Reinhardt, la ‘Ernst Busch’ di Berlino unisce all’insegnamento della recitazione il teatro di figura, la regia e la danza. Harry Fuhrmann ha lavorato in molti teatri in Germania, portato le sue rappresentazioni in Nepal e India, e insegnato a Wellington e a Melbourne, Australia. Per 20 anni Michael Keller ha preparato attori per il teatro, il cinema, la televisione ed è entrato in contatto con tutti i più conosciuti artisti tedeschi.

La Scuola Internazionale di Teatro ‘Jacques Lecoq’ di Parigi è diventata negli anni un punto d’incontro e di scambio culturale, in cui la fusione delle diverse culture si riflette sull’insegnamento e la ricerca teatrale. L’obbiettivo è quello di realizzare un teatro ‘giovane’, che ponga l’accento sull’aspetto fisico della recitazione. Anche scenografa, Pascale Lecoq tiene workshop in Francia e all’estero ed è direttrice del Dipartimento pedagogico della Scuola intitolata a suo padre Jacques, con cui hanno studiato e lavorato lei, il fratello François e Carlos Garcìa Estévez. François Lecoq ha fatto parte di numerosi festival teatrali e tenuto seminari, letture e dimostrazioni in tutto il mondo. Carlos Garcìa Estévez è artista internazionale con base ad Amsterdam, attore, regista, insegnante specializzato nella Commedia dell’arte contemporanea e nell’utilizzo delle maschere.

Infine, a far gli onori di casa ci sarà l’Accademia Teatrale di Firenze, scuola di recitazione fondata da Pietro Bartolini, in collaborazione con il Comune di Firenze. Bartolini ha studiato come attore negli anni Ottanta alla famosa ‘Bottega di Vittorio Gassman’ e con Orazio Costa. Ha lavorato come attore, regista di teatro, produttore di documentari e drammaturgo. Dopo un lungo periodo come attore professionista in grandi compagnie teatrali italiane e straniere (è stato diretto anche da Peter Stein) ha fondato la sua scuola a Firenze. Ormai attiva da più di vent’anni, offre corsi di recitazione per ragazzi e adulti: il programma di quattro anni di studi include seminari di dizione, testi classici, teatro in inglese, regia, danza, canto e laboratorio cinematografico.

 ——–

GLI SPETTACOLI: GOLDONI, PHILOKTEK, VOYAGE À TRAVERS UNE PÉDAGOGIE, ANDROMACHE

Dopo la sessione di seminari, workshop e conferenze, la sera, alle 20.45, ogni accademia porterà sul palco della Pergola uno spettacolo realizzato con i propri giovani attori, nella loro lingua d’origine.

Lunedì 6 luglio l’Accademia Teatrale di Firenze presenta Goldoni, creato appositamente per il Meeting. Estratti delle Memorie e da altre opere di Goldoni serviranno a evidenziare gli aspetti fondamentali della recitazione tradizionale italiana, dalla Commedia dell’Arte fino alla ‘riforma’ attuata dal grande autore veneziano.

Martedì 7 luglio sarà la volta della ‘Ernst Busch’ di Berlino con Philoktet di Heiner Müller (in tedesco). La guerra di Troia non è ancora conclusa, dopo quasi dieci anni e innumerevoli vittime. La sola speranza per i greci di vincere è ritrovare il famoso arco di Filottete, che non manca mai il bersaglio. Filottete, infatti, non è mai arrivato a Troia: durante lo scalo a Tenedo, fu morso a un piede da una vipera nel corso di un sacrificio. La ferita diventò ben presto così infetta da emanare un puzzo insopportabile e Ulisse convinse gli altri capi ad abbandonarlo a Lemno, allorché la flotta passò vicina a questa isola. Ora, Neottolemo e lo stesso Odisseo vengono incaricati di recuperarlo: il primo si fingerà nemico del secondo per conquistarsi la fiducia di Filottete e rubargli il prodigioso arco. Heiner Müller mostra, con drammatica chiarezza, tre punti di vista politici contrastanti: i tre eroi greci rappresentano gli archetipi del ‘funzionario’, del ‘moralista’ e dell’ ‘uomo vulnerabile’. I bisogni dell’individuo sono in contrasto con le esigenze del bene comune. In questa guerra di visioni del mondo contrastanti non esiste una soluzione, per questo anche la più docile delle creature può ricorrere alla violenza.

Voyage à travers une pédagogie (in francese), mercoledì 8 luglio, sarà lo spettacolo della Scuola Internazionale di Teatro di Parigi, un viaggio attraverso la pedagogia di Jaques Lecoq. Studenti provenienti da Australia, Francia, Canada, Italia, Inghilterra, Spagna e Norvegia, si esibiranno, utilizzando il corpo come loro lingua principale, enfatizzando la sua importanza nel contesto drammaturgico, anche con l’aiuto di alcune maschere.

Gli ultimi a salire sul palco della Pergola saranno gli allievi della RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra, giovedì 9 luglio, con un testo di Racine tradotto in inglese dal direttore dell’Accademia Edward Kemp, Andromache. Racine lo scrive a soli 27 anni: il suo avvento è una novità radicale nella drammaturgia del Seicento, il suo stile puro e intenso al tempo stesso definirà la cultura francese per secoli. Troia è ormai caduta, ma la vita deve andare avanti sia per i vittoriosi che per gli sconfitti. Negli angoli più remoti della Grecia, nel palazzo del defunto Achille, è stata forgiata una fatale catena di amori non ricambiati. Oreste, figlio del potente re Agamennone, è ossessionato da Ermione, figlia di Elena di Troia, innamorata però di Pirro, figlio di Achille, che è invece alla mercé di Andromaca, la vedova di Ettore, il grande eroe che Achille ha ucciso. Quando il re dei Greci ordina a Oreste di consegnargli il figlio di Andromaca, l’Antico Mondo minaccia di esplodere in un nuovo conflitto.

 ——–

META – Meeting of European Theatre Academies / Programma

Per accedere agli incontri e agli spettacoli i posti sono limitati, occorre registrarsi mandando una mail a ludovica.accademia@virgilio.it.

 ———

sabato 4 luglio

****

ore 10.30 – 13 Saloncino

Seminario per introdurre gli spettacoli che verranno presentati durante il Meeting, tenuto da Pietro Bartolini (Accademia Teatrale di Firenze) ed Emanuele De Luca (Università di Parigi ‘La Sorbona’).

 ****

ore 15 – 17 Saloncino

Workshop sulla recitazione tenuto da Pietro Bartolini (Accademia Teatrale di Firenze).

 ——-

lunedì 6 luglio 20.45 Sala Grande

Accademia Teatrale di Firenze

GOLDONI

basato sulle Memorie e altre opere di Carlo Goldoni

diretto da Pietro Bartolini

cast Andrea Vangelisti, Alessandro Torricini, Sebastiano Spada, Leonardo Casalini, Augusto Ricci, Giovanni Mugnaini, Giulia Barca, Giulia Cowie, Chiara Martini, Ester Sigillò, Maja Ceccarelli, Laura Pinato, Marianna Coffari, Costanza Salvini, Fiammetta Testi, Beatrice Ceccherini, Teresa Poggiali, Flavia Tecleme

scenografia Tiziana Acomanni

 ****

martedì 7 luglio

Ore 9 Salone de’ Dugento, Palazzo Vecchio

Cerimonia di apertura, saluto delle Istituzioni (Maria Federica Giuliani, Presidente della V commissione consiliare cultura e sport del Comune di Firenze) e partecipazione dei rappresentanti delle Accademie invitate al Meeting.

 ****

ore 11 – 13 Saloncino

Workshop sulla recitazione tenuto da Pietro Bartolini (Accademia Teatrale di Firenze).

 ****

ore 13 – 14

Pausa pranzo

 ****

ore 14 – 18 Saloncino

Workshop sulla recitazione tenuto da Herry Fuhrmann e Michael Keller (Accademia d’Arte Drammatica ‘Ernst Busch’ di Berlino).

 ****

ore 20.45 Sala Grande

Accademia d’Arte Drammatica ‘Ernst Busch’ di Berlino

PHILOKTEK

di Heiner Müller

regia di Marcel Kohler

cast Philipp Kronenberg, Nils Rovira Munoz, Gabriel Schneider, Sebastian Schneider, Nils Strunk

 ——-

mercoledì 8 luglio

ore 9 – 11 Saloncino

Seminario sulla letteratura d’insegnamento della tecnica teatrale tenuto da Pietro Bartolini (Accademia Teatrale di Firenze) e Emanuele De Luca (Università di Parigi ‘La Sorbona’).

 ****

ore 11.15 – 13 Saloncino

Seminario sul metodo recitativo della Scuola Internazionale di Teatro ‘Jacques Lecoq’ di Parigi tenuto da Pascal e François Lecoq e da Carlos Garcia Estevez.

Gianluca Iumiento (KHIO – Accademia d’Arte Drammatica di Oslo): “Introduzione all’Accademia Khio e al suo ruolo nel contesto norvegese. Nuova branca della ricerca teatrale: Tecnica d’interazione”.

****

ore 13 – 14

Pausa pranzo

 ****

ore 14 – 18 Sala Grande

Workshop sulla recitazione tenuto da Pascal e François Lecoq e da Carlos Garcìa Estévez (Scuola Internazionale di Teatro ‘Jacques Lecoq’ di Parigi).

****

ore 20.45 Sala Grande

Scuola Internazionale di Teatro ‘Jacques Lecoq’ di Parigi

VOYAGE À TRAVERS UNE PÉDAGOGIE

Lettura/dimostrazione

regia di Pascal Lecoq, François Lecoq e Carlos Garcìa Estévez

cast Pascal Lecoq, François Leconte, Carlos Garcia Estevez, Ingrid Liavaag, Petra Casale, Chloe Martin, Clara Henry
———

giovedì 9 luglio

ore 9 – 11 Saloncino

Workshop sul “Metodo di Orazio Costa” con Marco Giorgetti (Direttore Generale della Fondazione Teatro della Toscana, Teatro Nazionale), Pier Paolo Pacini e Marisa Crussi del Centro di Avviamento all’Espressione – Scuola del Teatro della Toscana.

 ****

ore 11.15 – 13 Saloncino

Seminario sul metodo recitativo dell’Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra tenuto da Edward Kemp e Joe Windley.

****

ore 13 – 14

Pausa pranzo

****

ore 14.00 – 18.00 Saloncino

Workshop sulla recitazione tenuto da Edward Kemp e Joe Windley (RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra).

****

ore 20.45 Sala Grande

RADA – Accademia Reale d’Arte Drammatica di Londra

ANDROMACHE

di Jean Racine

regia di Edward Kemp

cast Joe Idris-Roberts, Peter Mulligan, Freddie Meredith, Will Apicella, Stephanie Martini, Kathryn Wilder, Rosie Sheehy, Taha Haq

LEAVE A REPLY