Sogno di una notte di mezza estate

0
213
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi William Shakespeare

con Pierre Adeli, Ali Grusell, Adam Ferguson, Lee Hanson, Adam J. Jefferis, Will Thomas McFadden, Mary Ellen O’Donnell, Molly Mignon O’Neil, Monica Quinn, Pedro Shanahan, Bob Turton, Sabra Williams, Jilian F. Yim

e i musicisti Dave Robbins, Mikala Schmitz

regia di Tim Robbins

produzione The Actors’ Gang

———-

Il teatro è fare l’artista in modo onesto, il luogo dove ricaricarmi, ritrovare energia, motivazioni, contenuti”.

Il teatro più del cinema tocca nel profondo le emozioni e l’intelletto delle persone. E io ho capito che è più importante illuminare di verità 400 persone che dire bugie a milioni.

Queste sono dichiarazioni rilasciate in un’intervista da Tim Robbins che non lascia dubbi sul suo rapporto con il teatro.

Universalmente noto come attore cinematografico pluri-premiato (Oscar per Mystic River di Clint Eastwood e migliore attore al Festival di Cannes per The Player di Robert Altman) e come regista di Dead Man Walking, Tim Robbins ha in realtà profonde e lontane radici nel teatro: nel 1981 ha fondato a Los Angeles la sua Compagnia The Actors’ Gang che continua a produrre spettacoli e a lavorare, con una forte vocazione sul fronte sociale, con i carcerati, con i giovani e con i bambini che provengono da situazioni di disagio. Con un occhio di riguardo a Shakespeare e alla Commedia dell’Arte, di cui sono indagati soprattutto l’aspetto graffiante e la componente sovversiva che ne avevano segnato le origini.

E’ con un doppio intento che Tim Robbins e i suoi attori approdano per la prima volta a Milano: prima di tutto presentare Il sogno di una notte di mezza estate, il loro ultimo spettacolo rappresentato in Italia solo a Spoleto lo scorso anno e contemporaneamente condurre un workshop rivolto in particolare a giovani attori (ma non è richiesta una competenza specifica), applicando il metodo di lavoro della compagnia, definito The Style, che consiste in un approccio di tipo fisico al teatro per arrivare poi a indagarne il senso e i meccanismi più profondi.

Durante le tre settimane circa di permanenza in città, Tim Robbins si avvicinerà alla realtà teatrale milanese attraverso una visita all’Arlecchino in scena al Piccolo Teatro, all’Atelier della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli e al carcere di Bollate per conoscere da vicino la realtà italiana in un ambito in cui la compagnia lavora sovente.

———-

Lo spettacolo

Questo tra i testi di Shakespeare è uno dei miei preferiti, ci sono così tanti strati di verità, falsità, sogno, realtà, magia e inganno. Una disputa coniugale mette a soqquadro l’intera realtà e dalla confusione che ne è generata scaturiscono comportamenti scandalosi e selvaggiamente divertenti”. Così si esprime Tim Robbins sul Sogno di una notte di mezza estate.

Un mondo surreale fatto di fate e incantesimi, amanti stregati, in cui la regina delle fate perde la testa per un asino… Una realtà capovolta che torna in ordine grazie alla magia nel giro di una notte. The Actors’ Gang, diretta dal regista Tim Robbins e da Cynthia Ettinger, co-direttore artistico, ci fa rivivere tutto l’incanto del bosco creato da Shakespeare, con musiche originali eseguite dal vivo attraverso una fisicità e un approccio pieno di energia nella magica lingua di Shakespeare.

———-

The Actors’ Gang

Negli oltre trent’anni di attività, la Actors’ Gang ha prodotto più di cento spettacoli, presentati capillarmente negli Stati Uniti e con tour internazionali che hanno toccato i cinque continenti.

La compagnia è stata creata nel 1981 da un gruppo di giovani artisti con l’intenzione di dare vita a un teatro capace d’intrattenere in modo intelligente.

Sotto la guida del suo direttore artistico, Tim Robbins, la compagnia fornisce un ambiente creativo e stimolante ad artisti dal background più eterogeneo, che collaborano nella più totale libertà. Tra le produzioni più recenti citiamo: 1984 di George Orwell, Tartuffe, Embedded, The Trial of the Catonsville Nine, The Guys e The Exonerated, che sono stati presentati negli Stati Uniti e nel mondo intero, da Londra ad Atene, da Madrid a Barcellona, fino a Bogotà, Hong Kong, Melbourne e Buenos Aires.

Attraverso i nostri spettacoli, i programmi educativi e le tournée cerchiamo di creare un collante sociale nelle comunità per cui ci esibiamo, come solo il teatro è in grado di fare. Produciamo spettacoli che sentiamo possano contribuire a un dialogo vivo sulla nostra società e cultura, pur non dimenticando che il primo scopo del teatro è quello di intrattenere. (Tim Robbins)

———-

Teatro dell’Arte

Viale Alemagna, 6 – 20121 Milano

tram 1, 19, 27 – autobus 57, 61, 94

M 1 e 2 Cadorna Triennale

BikeMi 33

la sede è accessibile alle persone con disabilità

———-

orari spettacoli

20.30

———-

biglietti

#gold

35,00 / € 32,00 intero, € 32,00 / € 30,00 convenzionati, € 24,50 / € 22,50 under 30,

17,50 / € 16,00 over 65, € 10,00 / € 8,00 under 14 anni

———-

biglietteria Teatro dell’Arte

tel. 02 72434258

biglietteria@crtmilano.it

orari di apertura: dal martedì al venerdì 14.30>18.30

sabato 11>15
———-

biglietti on line

http://www.midaticket.it

con l’opzione print-at-home si ha diritto a presentarsi in teatro all’orario d’inizio dello spettacolo
———-

info

www.crtmilano.it

www.triennale.org

facebook.com/CRTMilano

twitter.com/CRT_milano

 

LEAVE A REPLY