IF / Invasioni (dal) Futuro*002 (2° edizione)

0
211
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Jacopo Quaranta
Foto di Jacopo Quaranta

un progetto di lacasadargilla / Lisa Ferlazzo Natoli, Alessandro Ferroni, Alice Palazzi, Maddalena Parise, Simona Patti con la collaborazione di Roberta Zanardo

a cura di Lisa Ferlazzo Natoli

con Caterina Carpio, Simone Castano, Tania Garribba, Arianna Gaudio, Fortunato Leccese, Emiliano Masala, Alice Palazzi, Roberta Zanardo

e con Simone Barraco, Silvio Impegnoso, Lorenzo La Posta, Anna Mallamaci

e la partecipazione straordinaria di Vinicio Marchioni

paesaggi sonori e musiche di Gianluca Ruggeri

in collaborazione con Gabriele Coen, Ivano Guagnelli e Gianni Trovalusci

progetto video Luca Brinchi e Daniele Spanò con la collaborazione di Maddalena Parise

testi a cura di Silvana Natoli e Graziano Graziani

direzione tecnica Gianluca Tomasella

regia del suono Umberto Fiore

assistenti al progetto Margherita Mauro e Francesca Zerilli

———–

Dall’8 al 12 settembre l’invisibile bellezza dell’Auditorium di Mecenate, capolavoro dell’archeologia romana nascosto nel quartiere Esquilino, diventa palcoscenico per la seconda edizione di IF / Invasioni (dal) Futuro*002, breve ciclo lunare fatto di storie, immagini e suoni dalla fantascienza.

Una singolare istallazione/performance per cinque serate tra letteratura, musica e teatro, alla scoperta di mondi possibili e “altri” da immaginare. Sulla scena le pagine di autori come Adams, Bradbury, Brown, Clarke, Dick, Scott Card, Lem, Sheckley e Simak. Racconti inediti, grandi romanzi e piccoli gioielli ancora sconosciuti della letteratura di fantascienza, sveleranno e abiteranno l’Auditorium di Mecenate attraverso il corpo e la voce di un gruppo stabile di artisti che, serata dopo serata, accoglie interpreti giovanissimi, professionisti affermati, e un protagonista d’eccezione Vinicio Marchioni.

Ad accompagnare lo spettatore nelle suggestive atmosfere lunari, un preludio per immagini disegnato sulle tre pareti dell’antico Ninfeo di via Merulana, una narrazione visiva e sonora che ne trasforma l’aspetto in una sorta di trasmettitore spaziale millenario. Dagli oblò meccanici appaiono mondi fantastici ogni volta diversi, popolati da creature polimorfe, animali immaginari e strani oggetti volanti. Mentre paesaggi desertici, lunari e sottomarini si sovrappongono alle gradinate e alle nicchie affrescate dell’Auditorium di Mecenate dando vita a scenari di mondi alieni provenienti da un universo futuro.

IF /INVASIONI (dal) FUTURO*002 prende il via martedì 8 settembre (ore 18.30) con Astronave51, spettacolo di Caterina Carpio e Alice Palazzi, tratto dal romanzo di fantascienza per bambini Nick e il Glimmung di Philip K. Dick. Sempre dedicato al pubblico dei giovanissimi, il laboratorio per bambini da sei a dieci anni, Verso l’infinito e oltre, intorno ai temi e alle storie della fantascienza.

Mercoledì 9 settembre (ore 20.45) appuntamento con Canti della Mutazione, una serata di racconti alla scoperta della scrittura priva del terrore dell’ignoto e del non-umano di Arthur Clarke ne I prossimi inquilini. Si prosegue con il racconto profetico de Il magazzino dei mondi nei toni paradossali di Robert Sheckley; per attraversare il singolare e commovente arrivo degli alieni sulla Terra nelle pagine di Dei mortali di Orson Scott Card; e ancora La Sentinella in cui Fredric Brown ci fa credere che a parlare sia un umano per poi scoprire che il protagonista è tutt’altro. Infine, le visioni impossibili di Philip K. Dick ne La formica elettrica, dove un androide è lo strumento per riflettere sulla natura della realtà.

Si prosegue giovedì 10 settembre (ore 20.45) con Radio Recall, un’altra serata di racconti che porta in scena Il prezzo del pericolo in cui Robert Sheckley anticipa lo spettacolo dei reality show dove la posta in gioco è la vita umana; La terza spedizione e Cadrà dolce la pioggia del maestro della fantascienza Ray Bradbury che svela le insidie nascoste dietro la rassicurante quotidianità della vita. E infine Le bambinaie con la narrativa filosofica, sottile e inquietante di Clifford Simak.

Venerdì 11 settembre (ore 20.45) l’esilarante Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams, un’occasione per rivivere l’odissea spaziale di un gruppo d’irriverenti e stravaganti viaggiatori in giro per la galassia alle prese con vicende e incontri surreali.

A chiudere la rassegna, sabato 12 settembre (ore 20.45), una storia di commiato, Solaris di Stanislav Lem. Sarà Vinicio Marchioni a dare voce e corpo all’avventura di Chris Kelvin, ultimo astronauta arrivato sul pianeta Solaris, unico immenso oceano che sembra possedere strani poteri e una ‘natura psichica’. Una riflessione sui fantasmi d’amore, sull’identità e la coscienza, sulla presenza di realtà aliene e sui limiti della conoscenza.

Tutte le storie sono raccontate, lette, ascoltate, passate di voce in voce da un gruppo stabile di attori: Caterina Carpio, Simone Castano, Tania Garribba, Arianna Gaudio, Emiliano Masala, Fortunato Leccese, Alice Palazzi, Roberta Zanardo, Simone Barraco, Silvio Impegnoso, Lorenzo La Posta e Anna Mallamaci. A concertare immagini e parole, il lavoro di musiche e paesaggi sonori con percussioni e sintetizzatori di Gianluca Ruggeri con la collaborazione solistica di Gabriele Coen (clarinetto e sassofoni), Ivano Guagnelli (tastiere) e Gianni Trovalusci (flauti e midi devices). Un progetto sonoro che ridisegna lo spazio con rumori di sonde e tempeste magnetiche, trasmissioni radio interrotte da jingle retrò, un sistema di stratificazione musicale che si muove da accenni di musica classica, come interferenze radar, per sfociare nell’elettronica della più interessante produzione contemporanea.

IF / Invasioni (dal) Futuro *002 rinnova per il secondo anno l’impegno alla diffusione e all’incontro della varietà di linguaggi e di diverse espressività artistiche con lo scopo di valorizzare il patrimonio archeologico e culturale della città di Roma. Inserita nella programmazione ESTATE ROMANA 2015, la manifestazione è realizzata con il sostegno di Roma Capitale in collaborazione con Siae, al fine di contribuire alla fruizione di questo luogo d’arte ampliandone il valore e l’interesse pubblico. Il progetto, a cura di Lisa Ferlazzo Natoli, è ideato da lacasadargilla/Lisa Ferlazzo Natoli, Alessandro Ferroni, Alice Palazzi, Maddalena Parise, Simona Patti con la collaborazione di Roberta Zanardo e, in collaborazione con il Teatro di Roma diretto da Antonio Calbi e con Pav.

———-

NFO Auditorium di Mecenate-Largo Leopardi 22 – Roma (Angolo via Merulana)

ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria tel. 320.3927599 I e_maillacasadargilla@gmail.com

Calendario: dall’8 al 12 settembre

Orari: 8 settembre ore 18.30 I dal 9 al 12 settembre ore 20.45 I

laboratorio per bambini 10 settembre dalle ore 16.30 alle 18.30

———-

PROGRAMMA

Martedì 8 settembre, ore 18.30

ASTRONAVE51 – uno studio

tratto da Nick e il Glimmung di Philip K. Dick

Età 6-10 anni. Spettacolo finalista Premio Scenario Infanzia 2014

di Caterina Carpio e Alice Palazzi

con Caterina Carpio, Fortunato Leccese e Alice Palazzi

suoni Alessandro Ferroni

immagini Maddalena Parise

costumi Benedetta Rustici

Nick vive sul pianeta Terra, ormai ricoperto di palazzoni di cemento, la popolazione è cresciuta a dismisura, il cibo scarseggia, non c’è quasi più lavoro e gli insegnanti hanno talmente tanti studenti da dover tenere lezioni in videoconferenza. Ma, la cosa peggiore è che gli animali domestici sono diventati illegali. Che cosa può fare Nick per salvare il suo coniglio se non partire verso altri mondi? L’Astronave51 è lì ad attenderlo. E anche il Pianeta dell’Aratro e le insolite creature aliene che lo abitano.

ASTRONAVE51 propone Verso l’infinito e oltre, un laboratorio dedicato a bambini dai sei ai dieci anni, intorno ai temi e alle storie della fantascienza, giovedì 10 settembre dalle ore 16.30 alle 18.30. Un’occasione per immaginare e scrivere insieme al giovane pubblico le tante conclusioni possibili dell’avventura spaziale di Nick e del coniglio Tito alla scoperta di un pianeta lontano e delle strane creature che lo abitano.

Attraverso il gioco e l’immaginazione e la lettura di alcuni testi di grandi scienziati e divulgatori come Stephen Hawking e Margherita Hack si tenterà di rispondere ad alcune domande quali: come ci si muove in assenza di gravità? Come potrebbe parlare un alieno? Si può entrare in un buco nero? Corpo e voce, carta e colori, materiali di riciclo e scarto, per immaginare e costruire costumi e navicelle spaziali, per creare alieni ed esploratori dell’universo, per fantasticare su come Nick sconfiggerà il Glimmung e la sua oscurità.

———-

Mercoledì 9 settembre, ore 20.45

CANTI DELLA MUTAZIONE

Orson Scott Card, Arthur Clarke, Fredric Brown, Philip K. Dick, Robert Sheckley

direzione musicale e percussioni Gianluca Ruggeri

clarinetto e sassofoni Gabriele Coen

con Simone Castano, Tania Garribba, Arianna Gaudio, Fortunato Leccese, Alice Palazzi e Roberta Zanardo

La scrittura ironica, priva del terrore dell’ignoto e del non-umano di Arthur Clarke ne I prossimi inquilini; il racconto profetico de Il magazzino dei mondi nei toni satirici e paradossali di Robert Sheckley; il singolare e commovente arrivo degli alieni sulla Terra nelle pagine di Dei mortali di Orson Scott Card; La Sentinella in cui Fredric Brown ci fa a credere che a parlare sia un umano, per poi scoprire che il protagonista è tutt’altro. Le visioni impossibili di Philip K. Dick ne La formica elettrica, dove un androide è lo strumento per riflettere sulla natura e la consistenza della realtà.

———-

Giovedì 10 settembre, ore 20.45

RADIO RECALL

Ray Bradbury, Clifford Simak, Robert Sheckley

direzione musicale e percussioni Gianluca Ruggeri

tastiere Ivano Guagnelli

con Emiliano Masala

e con Simone Castano, Tania Garribba, Fortunato Leccese, Alice Palazzi, Roberta Zanardo

La scrittura visionaria di Robert Sheckley che ne Il prezzo del pericolo anticipa lo spettacolo dei reality show dove la posta in gioco è la vita umana; La terza spedizione e Cadrà dolce la pioggia in cui il maestro della fantascienza Ray Bradbury svela le insidie nascoste dietro la rassicurante quotidianità della vita. E infine, ne Le bambinaie la narrativa filosofica, sottile e inquietante di Clifford Simak.

———-

Venerdì 11 settembre, ore 20.45

GUIDA GALATTICA PER GLI AUTOSTOPPISTI

di Douglas Adams

musiche e batteria Gianluca Ruggeri

tastiere Ivano Guagnelli

con Simone Castano, Tania Garribba, Arianna Gaudio, Fortunato Leccese, Alice Palazzi, Roberta Zanardo

e con Simone Barraco, Silvio Impegnoso, Lorenzo La Posta, Anna Mallamaci

Arthur Dent scopre all’improvviso che sono arrivate delle ruspe dell’Ente Galattico Viabilità Iperspazio nel suo giardino pronte a distruggere il pianeta Terra… L’esilarante, linguisticamente stravagante e politicamente scorretta Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams è occasione per rivivere l’odissea spaziale a puntate di un gruppo d’irriverenti viaggiatori alle prese con vicende e incontri surreali in giro per tutta la galassia.

———-

Sabato 12 settembre, ore 20.45

SOLARIS

di Stanislav Lem

musiche e live electronics Gianluca Ruggeri

flauti e midi devices Gianni Trovalusci

con Vinicio Marchioni

e con Emiliano Masala, Simone Castano, Tania Garribba, Fortunato Leccese

Il Pianeta Solaris, noto agli umani come il grande pianeta ‘vivente’, è formato da un unico immenso oceano e sembra possedere strani poteri. Può penetrare nelle menti degli astronauti che lo stanno studiando, evocare immagini del loro passato, dare una vita autonoma a quelle stesse immagini e costruire architetture liquide immense come nazioni. Chris Kelvin, ultimo astronauta arrivato sul pianeta e invaso dalla stessa angoscia che domina tutto l’ambiente, s’interroga: Solaris ha una propria vita? Se sì, che forma di vita? Le ‘apparizioni’ che il pianeta produce hanno una qualche spiegazione plausibile? Se tutta questa attività ha un fine, in che modo è legata ai destini esistenziali degli umani? Solaris è una gemma abbagliante, carica di attesa e mistero, ma si potrebbe dire che è anche un’avventura epistemologica, sul tema dell’Identità, del Soggetto e dell’Io.

LEAVE A REPLY