“Gli impiegati dell’amore” con la brillante coppia Nuzzo-Di Biase

0
395
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoL’era dei social network in cui siamo immersi ci permette di comunicare istantaneamente con amici, parenti ma anche sconosciuti dalla foto profilo di Facebook accattivante per trovare, o meglio tentare di trovare l’amore della nostra vita. Uno dei risultati più immediati dell’amore “mediatico” per così dire, è la chiusura delle famigerate agenzie matrimoniali alle quali si rivolgevano in passato scapoli e single di tutti i tipi per incontrare l’anima gemella.

È questo il tema della commedia francese brillante e spregiudicata di David Foenkinos portata in scena dalla coppia comica conosciuta ai più grazie alla trasmissione televisiva Zelig, composta da Corrado Nuzzo e Maria Di Biase. Lo spettacolo, tradotto e adattato da Michele De Virgilio, è stato diretto da Marie Pascale Osterrieth.

Michel e Sylvie sono due impiegati con contratto a termine in un’agenzia matrimoniale: specializzati nell’accoppiare destini di single incalliti, non hanno fatto i conti con la solitudine con la quale conducono la loro vita non rendendosi conto di avere sotto gli occhi, a distanza di pochi metri dalla propria scrivania, la chiave della felicità. Attraverso sedute psicanalitiche improvvisate, confidenze sempre più intime ed equivoci esilaranti, i due scoprono finalmente di essere fatti l’uno per l’altra.

Un testo frizzante e divertente, che intervalla battute sagaci dalla risata assicurata a momenti seri di riflessione sull’amore, sulla felicità, il divorzio e le differenze a volte quasi incolmabili tra uomo e donna.

Marie Pascale Osterrieth è un regista attento alla dinamicità dell’azione e al gesto degli attori, facilitato in questo senso dagli elementi scenografici mobili come scrivanie e séparé che permettono ai comici di ricreare quadri simbolici di volta in volta diversi.

Corrado Nuzzo e Maria Di Biase sono una coppia affiatata (in teatro come nella vita) e coinvolgono lo spettatore con la loro ironia e un particolare modo di giocare sui doppi sensi e sulle allusioni sessuali mai volgare ma sempre intelligentemente dosato.

LEAVE A REPLY