Il Giappone incontra l’Argentina

0
384
Condividi TeatriOnline sui Social Network

musikè 2014

Venerdì 13 novembre alle 21.00 concerto dei Gaia Cuatro

Venerdì 13 novembre alle 21.00 al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (PD) i colori della musica argentina incontrano la raffinatezza e l’eleganza della musica giapponese con il concerto dei Gaia Cuatro, quartetto d’eccezione, nato dal sodalizio tra due dei musicisti più emblematici della scena jazz giapponese e due musicisti argentini particolarmente attivi sulla scena europea. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.rassegnamusike.it

locandina gaia cuatro«La loro musica non è più tango e non è più musica di sapore continentale. Diviene una ricca tavolozza timbrica di colori inusuali che si legano straordinariamente bene e che raccontano e incarnano il vero senso della contemporaneità, che è culturale e geografica».

Così Paolo Fresu descrive i Gaia Cuatro, il quartetto jazz che si esibirà venerdì 13 novembre alle 21.00 al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (PD) per Musikè, la rassegna di musica, teatro e danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Due musicisti giapponesi e due musicisti argentini si incontrano casualmente a Parigi nel 2003, gli uni affascinati dalle caratteristiche opposte degli altri. Il risultato è la fusione di due mondi diversissimi che si uniscono attraverso la musica: l’Argentina, un Paese che non è solo tango, ma è folclore colorato da incredibili varietà ritmiche, da passionali armonie, da poesia che è parole e musica al tempo stesso; il Giappone, dove la tradizione è fatta di estetica, eleganza, raffinatezza, dove le forme sono delicate, il tempo è rarefatto e l’anima è pacata.

I ritmi di Gaia Cuatro sono quelli del folklore argentino (chacarera, baguala, zamba), suonati tuttavia con uno stile venato di funk e con i preziosismi tipici della contaminazione. Il virtuosismo mozzafiato della violinista Aska Kaneko, star del jazz nel suo Paese d’origine, è servito dalla scrittura sofisticata e infuocata delle composizioni del pianista Gerardo Di Giusto, mentre la ritmica sottile si deve al sorprendente dialogo tra il bassista Carlos “El Tero” Buschini e il percussionista Yahiro Tomohiro.

I quattro musicisti portano l’arte dell’improvvisazione all’eccellenza, con una libertà tonale agli antipodi delle convenzioni stabilite, lavorando alla definizione di una musica totalmente inedita e allo stesso tempo familiare grazie alla sua naturale eleganza. Le composizioni di Gaia Cuatro esprimono maturità e spontaneità al tempo stesso, e le loro performances dal vivo si animano di improvvisazione ad altissimi livelli.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it

Per informazioni:
www.rassegnamusike.it
tel. 345 7154654

Previous articlePrometeo. Quadri d’azione
Next articleGiovanni Allevi ospite al XIV Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY