Romeo e Giulietta

0
296
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotocon Compagnia Junior BallettO di ToscanA diretta da Cristina Bozzolini

regia e coreografia Davide Bombana

musica di Sergej Prokofiev

luci Carlo Cerri

costumi Santi Rinciari realizzati da Opificio della Moda e del Costume

——–

Dopo la prima nazionale al Teatro Rossini di Pesaro, arriva al Teatro di Rifredi per la consueta residenza la Compagnia Junior del Balletto di Toscana con questo Romeo e Giulietta firmato da Davide Bombana. Una versione del tutto nuova, appassionata, teatrale e avvincente che riporta la vicenda dei due sfortunati amanti veronesi al giorno d’oggi, ai conflitti sociali e culturali che viviamo quotidianamente.

Ancora una volta, in un inesorabile ritorno, la cronaca ci ripresenta atrocemente il contrasto tra due mondi opposti -due visioni antitetiche della società, della politica, della religione- che entrano in rotta di collisione, e nella loro follia travolgono ogni sentimento di umanità. E tra questi, proprio quello più forte e innocente: l’amore.

Questa nuova versione di Romeo e Giulietta, sembra cogliere in profondità questo senso di frustrazione di fronte all’incapacità di invertire una dinamica antica come l’uomo. Nell’invenzione del coreografo la leggenda shakespeariana di Romeo e Giulietta si è infatti andata a sovrapporre all’eco della reale vicenda di Admira e Bosko – lei musulmana, lui il suo fidanzato serbo – uccisi da un cecchino nel tentativo di fuggire dal macello di Sarajevo, durante il conflitto balcanico, appena venti anni fa.

Dalle note di Davide Bombana: “Romeo e Giulietta è il balletto che ho danzato con più frequenza nella mia carriera di ballerino impersonando i ruoli di Romeo e Mercuzio innumerevoli volte in diverse versioni coreografiche. Il capolavoro di Prokofiev, lacerante nella sua tragicità, mi sta a cuore forse più di ogni altro balletto. Personalmente trovo che la vicenda di Romeo e Giulietta sia di grande attualità oggi più che mai. L’intolleranza, la violenza, gli odi atavici, gli scontri tra faide ed etníe diverse hanno raggiunto oggi un grado di tensione come forse mai in passato. La vera tragedia di Romeo e Giulietta rimane la sconfitta dell’amore, al suo stadio più puro, davanti alla cecità ed alla barbarie dell’odio razziale, del conflitto di ideologie e religioni”.

———–

Davide Bombana, milanese, ha studiato alla scuola di Ballo del Teatro alla Scala. Nel 1977 ha debuttato nella parte principale ne “L’uccello di Fuoco” di M.Béjart con la compagnia del Teatro alla Scala dove é promosso solista e in seguito primo ballerino. Danza ruoli principali in balletti di M.Béjart, G.Tetley, R.Nureyev, J.Robbins, G,Balanchine e L.Falco. Dopo la sua carriera di primo ballerino nelle più importanti compagnie di danza a livello internazionale, si dedica alla coreografia e dal 1993 al 1998 a Monaco crea per il Bayerische Staatsballett diversi balletti astratti e narrativi che vincono premi prestigiosi di danza come “Bayerischer Theaterpreis” a Monaco di Baviera e il “Benois de la danse” a Mosca. Nel 1998 é nominato direttore della compagnia fiorentina “Maggio Danza” dove ricrea diversi suoi lavori e crea in prima mondiale, per il 62° Maggio Musicale Fiorentino, “Teorema” tratto dal libro di P. P. Pasolini. In occasione dell’inaugurazione del Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze crea il balletto “La Valse” su musiche di Maurice Ravel, sul podio il Maestro Zubin Metha.

———–

Per info: 055/4220361 – www.toscanateatro.it

ingresso: intero € 16,00 – ridotto € 14,00

Punto Box Office dal lunedì al sabato dalle ore 16:00 alle ore 19:00

biglietteria@toscanateatro.it

———–

Teatro di Rifredi

Via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze

LEAVE A REPLY