Bent

0
250
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIn occasione del Giorno della Memoria 2016

produzione Cervelli in Tempesta

di Martin Sherman
regia Lorenzo Tarocchi
con Henrj Bartolini, Gabriele Giaffreda, Alessio Nieddu, Alessandro Novolissi, Francesco Tasselli, Davide Arena
voce fuori scena Marcello Sbigoli

scene e luci Eva Sgrò, Loris Giancola

costumi Tedavì ’98

aiuto regia Cristiana Ionda

In collaborazione con Amnesty International Italia

————-

In occasione del Giorno della Memoria 2016, martedì 26 gennaio al Teatro di Rifredi la Compagnia Cervelli in Tempesta presenta BENT di Martin Sherman, la regia è di Lorenzo Tarocchi.

Si parla ancora troppo poco dello sterminio subito da migliaia di persone solo in ragione del proprio orientamento sessuale. Bent, famosissima pièce dell’inglese Martin Sherman, rappresentata per la prima volta al London’s Royal Court Theatre nel 1979, porta alla ribalta questa pagina di storia così importante, eppure così trascurata, quasi rimossa, ponendoci inoltre inquietanti interrogativi sulla realtà di oggi.

Attraverso la storia del giovane Max, il testo racconta l’improvviso e traumatico passaggio da una Berlino relativamente aperta nei confronti dei gay, all’inizio di una durissima repressione e persecuzione (in seguito alla “Notte dei lunghi coltelli” del 1934), che costrinse molti di loro alla fuga o alla detenzione nei campi di concentramento.

Nella Berlino del 1934, Max frequenta i cabaret della capitale del Reich e convive con il ballerino Rudy. Dopo l’assassinio brutale di un SA, con cui aveva trascorso la notte, da parte delle SS, Max tenta di fuggire insieme al compagno, fuga che si conclude tragicamente con la morte di Rudy. Max finisce prigioniero a Dachau dove rinnega la sua omosessualità e, fingendosi ebreo, porta la stella gialla al petto. Nel campo incontra Horst, marchiato dal triangolo rosa degli omosessuali: tra i due nasce una storia d’amore delicata, improbabile, disperata.

La forza di questo spettacolo sta nel porre l’accento, a tratti anche ironico, sulla capacità di prendere coscienza della propria dignità e sul valore dell’amore in una situazione di completa disumanizzazione.

https://youtu.be/uh5XcitEmTY

————-

Orario spettacoli:

martedì 26 gennaio ore 21 – replica mattutina (ore 10) per gli studenti delle scuole superiori.

————-

Per informazioni:

055/4220361 – www.toscanateatro.it

Punto Box Office dal lunedì al sabato dalle ore 16:00 alle ore 19:00

biglietteria@toscanateatro.it

————-

Ingresso:

intero € 16,00 – ridotto € 14,00

————-

Teatro di Rifredi

Via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze

LEAVE A REPLY