Canti orfici / Visioni

0
254
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Stefano Ridolfi
Foto di Stefano Ridolfi

Sabato 30 gennaio alle ore 21 la stagione di prosa “Teatro Abitato”, organizzata dalla Piccola Compagnia della Magnolia presso il Teatro Fassino di Avigliana, accoglie un originale esperimento di poesia incarnata. Dedicato alla straordinaria opera poetica di Dino Campana, CANTI ORFICI / VISIONI è un progetto di Giancarlo Cauteruccio che vede protagonista l’attore Michele Di Mauro e che si arricchisce della collaborazione di Andrea Cortellessa in veste di dramaturg, delle musiche originali firmate da Gianni Maroccolo, delle scene di Paolo Calafiore e della partecipazione della danzatrice Martina Belloni.

Lo spettacolo, prodotto da Teatro Studio Krypton, attinge ai versi di Campana come materia drammaturgica e innesco per un viaggio scenico, poetico e filosofico che amplia lo sguardo su orizzonti inediti rispetto alle interpretazioni convenzionali dell’opera del poeta. 

Già nel 1994, Teatro Studio Krypton si era occupato di Dino Campana, la cui esperienza poetica – come scrive il poeta Roberto Carifi – è forse la più tragica del Novecento italiano. Questo nuovo incontro del regista Giancarlo Cauteruccio con il poeta avviene nel segno di un limpido e profondo rapporto con la sua poesia, con la forza visionaria dei suoi versi, con quella capacità di agglutinare in una straordinaria e fulminante esperienza letteraria temi di una sconcertante comprensione del futuro. La vicenda umana di Campana viene  tenuta in ombra e la regia si concentra esclusivamente sui versi e sulla carne della parola. Suoni, immagini e parole si fondono intimamente facendoci viaggiare nella mente del poeta grazie all’interpretazione magistrale di Di Mauro, alle atmosfere notturne composte da Maroccolo e alle scene di Paolo Calafiore, realizzate in una particolare carta ignifuga che allude alla materia del libro. In questo allestimento la carta diventa pagina in cui si “scrivono” le visioni cariche di simultaneità, intersecazioni di urgenza narrativa che sono le componenti rivoluzionarie dell’unico libro mai composto da uno dei sommi poeti italiani. A diciassette anni dalla pubblicazione in disco del concerto dei Canti Orfici di Dino Campana, ultimo esito della pluriennale e multiforme frequentazione di Carmelo Bene con l’opera del folle di Marradi, Michele Di Mauro affronta l’essenza della parola poetica con rigore, dialogando con l’architettura scenica e la musica senza mai farsi tentare dall’aneddotica biografica.

Come di consueto, al termine dello spettacolo è previsto un breve incontro tra artisti e spettatori, moderato dal critico teatrale Roberto Canavesi, caporedattore della rivista online Teatroteatro.it.

Appuntamento straordinario: martedì 26 gennaio (h. 18.30-19.45) all’interno del nuovo bar “La Fabrica” – recentemente riaperto e annesso al Teatro Fassino di Avigliana – il prof. Valter Alovisio terrà una lezione dal titolo “L’esercizio del pensiero – incontro monografico su Dino Campana” per presentare i temi e le influenze formali che attraversano l’opera del poeta e in particolar modo il suo capolavoro.  Ingresso libero e gratuito con possibilità di apericena durante la lezione.

————

Programma e informazioni sulla stagione teatrale sul sito www.teatroabitato.it

La stagione è realizzata con il sostegno di: Comune di Avigliana, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Regione Piemonte, Fondazione Live Piemonte dal Vivo e con il Patrocinio della Provincia di Torino.

————

PROSSIMO APPUNTAMENTO:

Domenica 7 febbraio h. 16

KLINKE

Circo Teatro Comico Poetico di Milo e Olivia

LEAVE A REPLY