I Rusteghi

0
298
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Serena Pea
Foto di Serena Pea

di Carlo Goldoni

con (in ordine alfabetico) Alessandro Albertin, Alberto Fasoli, Piergiorgio Fasolo, Stefania Felicioli, Cecilia La Monaca, Michele Maccagno, Maria Grazia Mandruzzato, Margherita Mannino, Giancarlo Previati, Francesco Wolf

scenografia Federico Cautero

costumi Stefano Nicolao

disegno luci Enrico Berardi

musiche Massimiliano Forza

arrangiamenti Fabio Valdemarin

regia Giuseppe Emiliani

———–

Mercoledì 3 febbraio alle ore 20.30 la Stagione di Prosa 2015-2016 del Teatro Goldoni di Venezia entra nel vivo del Carnevale con I Rusteghi, una produzione del Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale con la regia di Giuseppe Emiliani andata in scena in anteprima nazionale durante l’Estate Teatrale Veronese e che ora inizia la tournée proprio da Venezia. Questa versione di uno dei testi più amati e rappresentati di Goldoni riunisce sulla scena alcuni dei migliori talenti veneti, come Alessandro Albertin, Alberto Fasoli, Piergiorgio Fasolo, Stefania Felicioli, Cecilia La Monaca, Maria Grazia Mandruzzato, Giancarlo Previati, assieme ai giovani Margherita Mannino e Francesco Wolf, diplomati dell’Accademia Palcoscenico, la scuola di teatro dello Stabile diretta da Alberto Terrani. Lo spettacolo resterà in scena fino al 7 febbraio e sarà poi al Teatro Verdi di Padova dal 10 al 14 febbraio.

Giovedì 4 febbraio al termine della replica pomeridiana (inizio ore 16.00) si svolgerà l’incontro con il pubblico.

Scritta nel gennaio 1760 a chiusura del Carnevale, la commedia fu rappresentata per la prima volta al Teatro San Luca di Venezia il 16 febbraio con il titolo La compagnia dei selvadeghi, o sia i Rusteghi incontrando subito un grande successo di pubblico, tanto che nella edizione Pasquali del 1762 Goldoni stesso disse: “Il Pubblico si è moltissimo divertito, e posso dire quest’opera una delle mie più fortunate; perché non solo in Venezia riuscì gradita, ma da per tutto, dove finora fu dai comici rappresentata”.

Quando scrive I Rusteghi – spiega Giuseppe Emiliani – Goldoni è un intellettuale sempre più lucido, aperto alle esperienze e alla cultura europea (nel 1760 avverrà il famoso contatto epistolare con Voltaire), più filosofo insomma, nel senso settecentesco del termine. I Rusteghi nascono anche da questa attenzione ai ‘lumi’ che vengono dall’Europa, e permettono un giudizio più ampio sulla società veneziana”.

I rusteghi del titolo sono quattro uomini – sulla quarantina, in realtà, non i vecchi ormai entrati nell’immaginario collettivo – “alle prese con un eros inquieto e perturbante, con famiglie difficili da governare e con affari ancora prosperi ma già minacciati di crisi. (…) – racconta Emiliani – Si sentono minacciati dai grandi rivolgimenti che stanno per toccare Venezia e riescono a esistere soltanto nel chiuso delle loro mura domestiche, dove agiscono con prepotenza insopportabile vietando visite, divertimenti, sprechi e frivolezze e ogni minima forma di ozio, soprattutto il teatro: lo considerano luogo di corruzione e di spreco, come il carnevale che c’è fuori e a cui è vietato partecipare. Il carnevale negato, tuttavia, alla fine irrompe lo stesso nelle stanze serrate e austere, con tutta la sua carica di comicità trasgressiva. Netta è la polemica di Goldoni con il conservatorismo ormai rozzo della classe cui appartiene e in cui ha per molto tempo ciecamente creduto”.

Una commedia di rara felicità espressiva, di straordinaria abilità scenica, di grande sapienza linguistica. Un’esplosione gioiosa d’inventività a ogni gesto e battuta. Una commedia in cui l’autore affonda il bisturi sulla città che lo circonda, utilizzando con consumata maestria tutte le risorse del suo laboratorio drammaturgico e della sua lingua straordinaria.

Ne I Rusteghi traspare la maggiore fiducia di Goldoni nelle capacità del teatro di affermare la propria funzione sociale e civile. Un teatro moderno. Perché in questo universo domestico di rancori e ossessioni, non ci sono alla fine né cordialità né riscatti: solo l’effimera tenerezza della scena nuziale conclusiva, che non reca un vero sollievo. La commozione finale dei quattro rusteghi, occasionalmente sconfitti, non prelude a significativi cambiamenti. Ed è questa la sottile crudeltà sottesa alla commedia. E la sua straordinaria modernità.

———–

Calendario spettacoli

3 febbraio 2016 20:30

4 febbraio 2016 16:00

5 febbraio 2016 20:30

6 febbraio 2016 19:00

7 febbraio 2016 16:00

———–

Biglietti

Platea: interi 29; ridotti 26; giovani 17

1° ordine: interi 25; ridotti 22; giovani 14

2° ordine: interi 24; ridotti 21; giovani 13

3° ordine: interi 18; ridotti 15; giovani 10

4° ordine: interi 12; ridotti 10; giovani 8

———–

Info biglietteria

-lun – ven 10.00 – 18.30

-nei giorni di spettacolo: aperto anche il sabato dalle 10 alle 19, chiuso il giovedì pomeriggio, un’ora prima dell’inizio di ogni spettacolo (solo per acquistare biglietti della rappresentazione in corso)

-vendita online su www.teatrostabileveneto.it

-Attraverso la rete di vendita VeneziaUnica: presso i punti vendita di Piazzale Roma, Ferrovia Infopoint, Rialto linea 2, Tronchetto, Lido Santa Maria Elisabetta, Mestre, Sottomarina, Dolo; online www.veneziaunica.it/teatrogoldoni; prevendita telefonica tramite call center Hello Venezia 041.2424

———–

Info teatro

041.2402014

biglietteria.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it

LEAVE A REPLY