Come ne venimmo fuori: la satira di Sabina Guzzanti si proietta dal futuro

0
523
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoFin dai suoi esordi, Sabina Guzzanti ci ha abituati ad una comicità esilarante, ma sempre arguta, derivante dalla capacità di fotografare l’attualità e ridicolizzare i vizi umani che degenerano in un malcostume spesso diventato intollerabile.

Non fa eccezione anche il suo ultimo spettacolo “Come ne venimmo fuori (proiezioni dal futuro)”, andato in scena sabato 20 febbraio al Teatro Il Celebrazioni di Bologna che, per l’occasione, ha registrato il tutto esaurito ospitando sulle sue poltrone un pubblico eterogeneo, coinvolto dalla satira dell’attrice che fa riflettere e che, in molti punti, tocca tutti noi.

Il titolo sembrerebbe di buon auspicio, e forse vuole esserlo, ma l’intero monologo, scritto e interpretato dalla stessa Guzzanti, è una feroce satira sui tempi moderni che non risparmia nessuno, dai grandi economisti liberisti e neoliberisti, ai politici e anche alla gente comune che si è assopita e vive in una sorta di torpore intellettuale in cui scarseggia lo spirito critico e la reazione a quanto ci viene imposto dall’esterno e che è obiettivamente sbagliato.

L’idea di fondo è geniale perché l’azione si proietta nel futuro, quando il mondo ha superato con successo il periodo che va dal 1990 al 2041, definito senza mezzi termini “il secolo di merda”. Una donna (la stessa Guzzanti) sale su un piedistallo e ha a disposizione due leggii per recitare il “discorso delle celebrazioni” che si propone di rivivere, rielaborare e non dimenticare quel periodo storico perché è importante tramandare il ricordo alle nuove generazioni.

Se l’abbigliamento dell’oratrice è buffo ed esagerato, per effetto di pantaloni a zampa di elefante e di un cappello con lunghe piume blu, le sue parole taglienti non fanno sconti al punto da definire l’uomo di oggi “merdolano”. Tra una battuta e alcune riuscitissime imitazioni (Berlusconi, Marcegaglia, Meloni) l’attrice ci dimostra come in questo secolo l’opinione pubblica sia stata strumentalizzata e anche gli intellettuali (o presunti tali), in realtà, parlano senza dire nulla perché non devono smuovere le coscienze.

Nel monologo la Guzzanti dice una cosa molto vera e cioè che “Pensare è l’attività che più di tutte provoca sofferenza”. Leggiamo poco, non affrontiamo i problemi, non ci mettiamo in discussione, non ci misuriamo nella dialettica e nel confronto con gli altri, esprimiamo concetti di cui non abbiamo approfondito l’essenza ma che, magari, abbiamo estrapolato da un post su un social forum.

Vengono presi di mira anche la tecnologia e i social network come Facebook che però non viene mai citato se non con le due lettere FB, spiegando che ci trascorriamo tanto tempo perché abbiamo l’impressione di contare qualcosa. In realtà, in questo secolo, l’essere umano non conta “nulla di nulla”. La tecnologia, spesso ci priva del piacere di goderci attimi della realtà: fotografiamo e riprendiamo ogni situazione che poi non rivedremo mai fino a quando dovremo cancellare i file per liberare la memoria del cellulare, liberandoci da una sorta di senso di colpa per non aver mai visionato quel materiale.

Non poteva mancare anche la critica del sistema economico post- capitalista o neoliberista su cui la Guzzanti lavora già da qualche anno nonché il degrado di una classe politica corrotta e abitualmente dedita al delinquere senza alcun timore di essere puniti. Critica allo stesso modo il ventennio berlusconiano che il passaggio al Governo Monti e a quelli di Renzi privo di una legittimazione popolare.

A me lo spettacolo è piaciuto molto. Sabina Guzzanti è bravissima nella sua recitazione in equilibrio tra prosa e satira, tra comicità e trasmissione di concetti storici ed economici. Si sorride, direi che spesso si ride, e anche se non si è d’accordo su tutto, il testo ben articolato e ben scritto, scuote la sensibilità interiore, spingendo alla riflessione. Mi sono sentito molto spesso davanti ad uno specchio e ho riconosciuto molti atteggiamenti superficiali che sicuramente fanno parte di molti di noi e che la nostra pigrizia intellettuale ci induce a non affrontare nel modo giusto.

Ma come si può venire fuori da tutto questo, riacquistando l’orgoglio di un popolo e di un paese come l’Italia ricchissimo di storia, di arte e di talenti? Dal futuro, la Guzzanti ipotizza una via di uscita, immaginando che arriverà la fortuna quando torneremo a comportarci da esseri umani dotati da audacia, tenacia, spirito critico e intraprendenza. Mi sembra un consiglio da prendere seriamente in considerazione.

LEAVE A REPLY