GENESI – pentateuco #1

0
227
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi  Chiara Boscaro

drammaturgia e regia di Marco Di Stefano

con Valeria Sara Costantin

musiche di Lorenzo Brufatto

eseguite e registrate dall’ensemble da camera Il canto sospeso

scene di SCANTINATO AKME

traduzioni in Esperanto di Giovanni Daminelli

progetto La Confraternita del Chianti

produzione Associazione K.

in collaborazione con Teatro Verdi – Teatro del Buratto – Dot Spot Media Productions (Bucarest – Romania)

———-

Un nuovo appuntamento con il Premio Internazionale “Il Teatro nudo” di Teresa Pomodoro: il 17 e il 18 febbraio lo Spazio Teatro NO’HMA ospiterà La Confraternita del Chianti con lo spettacolo GENESI – pentateuco #1, di Chiara Boscaro, con Valeria Sara Costantin.

Lo spettacolo è un monologo ispirato all’episodio biblico della Torre di Babele, vicenda narrata nella Genesi, che definisce il momento in cui gli uomini hanno smesso di capirsi e sono nate tutte le lingue del mondo, con la loro ricchezza culturale e simbolica. La confraternita del Chianti riprende il tema del linguaggio contenuto in questo episodio biblico e lo sviluppa nel modo che più gli è congeniale: lo fa portando in scena il racconto dell’esperienza di una migrante che, all’arrivo in una città “cosmopolita”, si ritrova a dover apprendere un nuova lingua, senza la quale le potrebbe essere precluso il sogno di una nuova vita. Lo spettacolo riflette sull’origine delle parole e dei nomi delle cose, nomi che definiscono identità, circoscrivono mondi e generano certezza. Sono parole che, in questo spettacolo, la compagnia ha voluto tradurre in Esperanto, lingua della fratellanza e della pace.

Genesi è il primo di cinque monologhi del progetto ‘Pentauteco’ della compagnia, ciclo di spettacoli autonomi ispirati ai primi cinque libri della Bibbia.

———

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Per prenotazioni: 02.45485085/02.26688369 – nohma@nohma.it

———–

Spazio Teatro NO’HMA Teresa Pomodoro

Via Andrea Orcagna, 2 – 20131 Milano

LEAVE A REPLY