Ricky Gianco in “È tutta colpa del rock’n’roll”

0
167
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Nino Mascardi
Foto di Nino Mascardi

Giovedì 3 marzo, alle ore 21.30, per la rassegna “Music Pool” presso il Teatro Puccini di Milano (Via delle Cascine, 41 – ingresso 21 euro – www.boxol.it – infoline 055 362067) Ricky Gianco presenterà dal vivo il suo nuovo spettacolo “È TUTTA COLPA DEL ROCK’N’ROLL” accompagnato da Stefano Covri, alla chitarra, Dario Polerani, al basso, Vicky Ferrara, alla batteria.

È TUTTA COLPA DEL ROCK’NROLL”, scritto a quattro mani con Rosaria Parretti (autrice RAI per Stefano Bollani) con la regia di Velia Mantegazza, arriva per la prima volta a Firenze dopo il successo al Castello Sforzesco di Milano e ripercorre l’intera vita di Ricky GIanco nel segno del rock’n’roll, dell’impegno politico ma anche della canzone leggera e dell’ironia.

———-

RICKY GIANCO, nome d’arte di Riccardo Sanna, ha 11 anni quando debutta in pubblico partecipando ad un concorso e vincendolo a Varazze nel 1954. Dopo 5 anni registra i suoi primi 45 giri alla Excelsius (Cetra) fra cui “Ciao ti dirò”, “Bye bye love”, “La notte”, “Twenty flight rock”, ”Senza parole” e “Precipito”. Il primo ad accorgersi di lui è Mike Bongiorno che dopo un paio di spot televisivi lo invita ad alcuni suoi spettacoli in giro per l’Italia. I brani registrati convincono poi il talent-scout maestro Gianfranco Reverberi a farlo entrare nella scuderia Ricordi. Nel frattempo Riccardo si fa chiamare Ricky Sann e ha già formato la sua prima band (i futuri Dik Dik). È il 1960; alla Ricordi Ricky conosce Gaber, Bindi, Endrigo, Jannacci, Tenco e Paoli (col quale realizza il 45 giri “Come un bambino”). Pubblica alcuni 45 giri come “Distrattamente”, “Dubbi” tra cui alcuni dei quali registrati con Enzo Jannacci al piano e Luigi Tenco al sax. Nel 1961 fonda con Adriano Celentano il Clan. Lascia il Clan e, nel 1963, con la Jaguar (etichetta nata per lui) vende più di tre milioni di dischi: “A mani vuote”, “Il tramonto”, “Eva”, “Ti cercherò” e una personale versione rock di “Come facette mammeta” che va ai primi posti della Hit Parade Internazionale in Canada. Il 27 giugno ‘84 al Teatro Carcano di Milano Ricky festeggia 25 anni di Rock con uno spettacolo; con lui: Gianfranco Manfredi, Ornella Vanoni, Sergio Endrigo, Gian Pieretti, Massimo Boldi (suo ex batterista), Gino Paoli, Franco Mussida (P.F.M.) e Giorgio Gaber. Nel corso del 1990 scrive con Gianfranco Manfredi “Parigi con le gambe aperte” e poi parte per Los Angeles dove, grazie alla vecchia amicizia con Armando Gallo e Jeff Porcaro, incide il disco “É Rock ‘n Roll” in compagnia di grandi musicisti quali i Toto e i Tower of Power. Nel 2000 realizza al Teatro Ciak uno spettacolo a favore di Emergency per l’uscita del suo disco “Tandem”. Infine, registra e scrive, insieme a Fernanda Pivano, la canzone “Danni Collaterali” e negli ultimi anni produce alcuni azzeccati programmi radiofonici con Alberto Tonti (su Rai Radio2, Radio24 e RSI), continua a fare spettacoli e registra nuovi dischi (tra cui, nel 2010, il nuovo disco “Di Santa Ragione”).

———-

www.artupart.com; www.rickygianco.com

 

LEAVE A REPLY