Accademia di Santa Cecilia: Pietari Inkinen sostituisce Myung-Whun Chung

0
226
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Mat Hennek
Foto di Mat Hennek

Per importanti motivi di salute il Maestro Myung-Whun Chung non potrà dirigere – come annunciato – i concerti di Sabato 5, lunedì 7 e martedì 8 marzo.

Sul podio salirà Pietari Inkinen che debutta a Santa Cecilia insieme al pianista Hüseyin Sermet. Il programma non subisce variazioni.

Pianoforte protagonista nella Stagione Sinfonica dell’Accademia (Sabato 5 marzo ore 18 – Lunedì 7 ore 20,30 – Martedì 8 ore 19,30) con i debutti del finlandese  Pietari Inkinen alla guida dell’Orchestra di Santa Cecilia e del pianista turco Hüseyin Sermet per il Concerto n. 23 K 488 di Mozart, di tutti forse il più celebre ed eseguito.

Nella seconda parte, il concerto impagina la Nona Sinfonia di Anton Bruckner. Dedicata “al buon Dio” la Sinfonia è una profonda indagine spirituale dove il compositore trasfonde la sua personale esperienza di credente e la sua ricerca di avvicinamento al divino. Di qui il tono grandioso e drammatico della sua musica, il senso atemporale del suo dipanarsi, elementi espressivi che traducono il senso di un’attesa, di una risposta.

Essa rimase incompiuta, mancante cioè del quarto movimento: per una circostanza accidentale, ossia la sopravvenuta morte dell’autore. Questa assenza fa sì che la Sinfonia si concluda con un ampio, celestiale Adagio che sembra il punto di approdo finale dell’anima dopo i drammatici rivolgimenti del primo movimento e i diabolici sconquassi dello Scherzo.

—–

Stagione Sinfonica

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Sabato 5 marzo ore 18 – Lunedì 7 ore 20,30 – Martedì 8 ore 19,30

 

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Pietari Inkinen direttore

Hüseyin Sermet pianoforte

 

Mozart           Concerto per pianoforte n. 23 K 488

Bruckner       Sinfonia n. 9

 

Biglietti da 19 a 52 Euro

 

——

Spirito Classico – Aperitivo Musicale

Museo degli Strumenti Musicali lunedì 7 marzo ore 19

Una serie di appuntamenti con il musicologo e divulgatore Giovanni Bietti per conoscere le musiche dei più importanti compositori presenti nella Stagione Sinfonica e da Camera 2015-2016 dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Una piacevole introduzione musicale accompagnata da un aperitivo.

I Concerti di Mozart – III parte

Biglietti

Intero                    ……………………………  10 Euro

Under 30              ……………………………  8 Euro

Abbonati              ……………………………  8 Euro

—–

Conferenza – Amici di Santa Cecilia

Sala Coro – domenica 6 marzo – ore 11

“La Terza Sinfonia di Mahler”

Conferenza a cura di Michele dall’Ongaro

Ingresso libero.

 

Stagione di Musica da Camera

Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli

Venerdì 4 marzo ore 20,30

 

Enrico Dindo e i Solisti di Pavia

Prima esecuzione a Santa Cecilia

dei Concerti per violoncello di C. P. E. Bach

 

Hanno festeggiato il quattordicesimo anno di sodalizio Enrico Dindo, violoncellista di caratura internazionale e i Solisti di Pavia, complesso da camera tra i più raffinati, un affiatamento frutto di un lavoro assiduo e di una esplorazione anche eclettica del repertorio che spazia dall’epoca Barocca ai tanghi di Piazzolla.

Nel concerto della Stagione da Camera di Santa Cecilia (Sala Sinopoli, Venerdì 4 marzo ore 20,30) tutta l’attenzione sarà concentrata sulla musica di uno dei più dotati, forse il migliore, dei figli di Bach: Carl Philipp Emanuel e i suoi tre Concerti per violoncello e orchestra.

Scritti tra il 1750 e il 1753, durante l’attività di Carl Philipp Emanuel Bach presso le varie residenze di Federico II, re di Prussia, questi concerti rappresentano un punto fermo nel repertorio per il violoncello. I concerti mostrano la completa padronanza delle possibilità sonore e tecniche dello strumento e in certi passaggi richiamano figurazioni e procedimenti delle Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach.

Seppure ancorati ad un modello rigorosamente classico, i Concerti per violoncelloeseguiti per la prima volta nelle stagioni di Santa Cecilia – si distinguono per verve, brillantezza, immediatezza degli spunti melodici che restituiscono pienamente il gusto musicale di un’epoca in cui la musica veniva scritta, suonata e ascoltata per puro piacere, compendio essenziale di uno stile di vita e di una estetica artistica ancora aliena dagli scardinamenti testuali e concettuali che l’Ottocento porterà con sé.

 

 

Stagione di Musica da Camera

Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli

Venerdì 4 marzo ore 20,30

 

I Solisti di Pavia

Enrico Dindo violoncello

 

C.P.E. Bach    Concerto per violoncello e archi, Wq. 170

                        Concerto per violoncello e archi, Wq. 167

                        Concerto per violoncello e archi, Wq. 172

 

Biglietti da 18 a 38 Euro

 

 

LEAVE A REPLY