“Oedipus Rex” di Stravinskij a Santa Cecilia, Roma

0
283
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Benjamin Ealovega
Foto di Benjamin Ealovega

Assente dai programmi dal 1998, Santa Cecilia ha finalmente riproposto al suo pubblico Oedipus Rex di Stravinskij, l’intensa l’opera-oratorio tratta dall’omonima tragedia di Sofocle (27, 29 febbraio, 1 marzo).

Scritta nel 1927, l’opera-oratorio in due atti tratta dall’Edipo Re, appartiene al periodo neoclassico del compositore, ma già l’idea di per sé appare tremendamente moderna: Stravinskij ha manipolato l’oratorio sulla tragedia di Sofocle scrivendo il testo a quattro mani con Jean Cocteau nella traduzione latina di Jean Daniélou.

Il risultato è un capolavoro audace e senza simili: 50 minuti di musica sacrale e inattesa, che ricalca la pietrificata ieraticità della tragedia greca e che spazia fra diversi generi. La tensione resta sempre sospesa, la musica si fa inquieta, ma continuamente venata di sottile e tremenda ironia tragica, quasi a precludere il precipitare degli eventi.

La stessa ironia viene continuamente ricalcata dalle parole del Narratore per l’occasione interpretato da un imperturbabile, ma a tratti sarcastico, Massimo De Francovich, storico volto del teatro italiano.

Potente protagonista della partitura è stato indubbiamente il Coro maschile, nel ruolo dei Tebani, diretto da Ciro Visco: grandioso in ogni sfumatura e colore, ha supportato i solisti, l’intensa Giocasta di Sonia Ganassi, l’Edipo di Mati Turi, il Tiresia di Marco Spotti, Alfred Muff nel doppio ruolo di Creonte e del Messaggero, il tenore Simone Ponziani nel ruolo del pastore.

Precisa e intensa l’esecuzione musicale dell’Orchestra diretta dal finlandese Sakari Oramo (che ha debuttato a Santa Cecilia nel 2012), Direttore principale della BBC Symphony Orchestra, della Royal Stockholm Philharmonic Orchestra, della West Coast Kokkola Opera e della Ostrobothnian Chamber Orchestra.

L’Oedipus Rex, pezzo forte della serata, è stato anticipato in apertura da tutta la leggerezza brillante della Sinfonia n. 22 in mi bemolle maggiore Il filosofo di Franz Joseph Haydn. Applausi del pubblico per un programma intenso e decisamente interessante.

LEAVE A REPLY