Prometeo: Astronomia

0
258
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Nexus
Foto di Nexus

Doppio appuntamento con il progetto biennale della danzatrice e coreografa bolognese di attraversamento del mito di Prometeo: un estratto in solo del primo quadro Prometeo: Contemplazione e la prima nazionale di Prometeo: Astronomia. A Torino, giovedì 28 aprile.

Cinque quadri tra il 2015 e il 2016, per giungere a un’opera conclusiva il cui debutto è previsto il prossimo mese di novembre: è questa la scansione temporale del grande progetto che la Compagnia Simona Bertozzi/Nexus dedica al mito di Prometeo e alla sua trasposizione nella contemporaneità.

Il Festival Palcoscenico Danza, a cura di Fondazione Teatro Piemonte Europa, presenta due quadri: un frammento in solo di Prometeo: Contemplazione (con il quale si è aperto il progetto nel giugno scorso) e la prima nazionale di Prometeo: Astronomia.

«Nell’estratto di Prometeo: Contemplazione, la sola figura che appare non rivela un incipit del proprio agire né una provenienza» suggerisce Simona Bertozzi, anche interprete del lavoro «Si tratta di una palestra ritmica, dove incidono la reversibilità delle regole e la loro mescolanza. Un quadro d’azione, la cui contemplazione è affidata al pubblico».

Prometeo: Astronomia vede in scena Miriam Cinieri, Lucia Guarino e Stefania Tansini, «corpi tesi a una misura condivisibile della pulsazione dinamica ma sempre sulla soglia, colti sul limite di un disequilibrio che possa procurare un rinnovato orientamento. Una scintilla, che getti altrove la prospettiva degli sguardi», spiega Simona Bertozzi. «È in questi bagliori che, mutando le orbite del costrutto coreografico, prende forma la danza delle tre figure. Una volta è nettamente visibile, densa e geometrica, come Cassiopea, un’altra si dispone sul limite dello spazio, vibrante e luminosa come Carina, costellazione che risiede sul bordo della via Lattea. Sempre, comunque, una danza collocata sul bilico del desiderio, intrecciata nella tensione verso ciò che non si può completamente cingere… E a ricordarci, che in fondo, la nostra anatomia e le stelle son fatte della stesa materia».

Il dittico, che si avvale anche delle musiche del compositore elettronico Francesco Giomi, andrà in scena giovedì 28 aprile alle ore 21 al Teatro Lavanderia a Vapore in Corso Pastrengo 51 a Collegno, comune della città metropolitana di Torino.

Info sulla serata: 011 5634352, http://fondazionetpe.it/

Info sulla Compagnia: http://www.simonabertozzi.it/

LEAVE A REPLY