Concerto in ricordo di Claudio Cavazza

0
244
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotopianoforte Enrico Pieranunzi

special guest Simona Severini

brani di Enrico Pieranunzi 

———–

La Fondazione Festival dei Due Mondi dedica alla memoria di Claudio Cavazza uno speciale concerto jazz, offerto agli spettatori e alla città di Spoleto per ricordare il fondatore di Sigma-Tau, il suo appassionato impegno a favore della diffusione della cultura scientifica, e rendere omaggio alla sua generosa dedizione al Festival. Imprenditore fuori dagli schemi, pioniere dell’industria farmaceutica italiana che aveva a cuore il futuro del settore e del proprio Paese, acuto mediatore in ambito politico-istituzionale, uomo di cultura, appassionato di arte moderna e musica Jazz, nel 1989 Claudio Cavazza stringeva un sodalizio con il Festival dei Due Mondi con l’innovativo intento di far dialogare la Scienza con le Arti, ideando e promuovendo SpoletoScienza, la sezione scientifica del Festival, che fin dal suo esordio, per circa vent’anni, si affermò come uno dei maggiori appuntamenti dedicati alle questioni scientifiche ed epistemologiche dei nostri tempi.

Fin dagli anni ’70, Enrico Pieranunzi ha un rapporto privilegiato col piano solo, per lui luogo di riflessione, terreno di sperimentazione ed efficace strumento di comunicazione. Nei suoi vari songbooks riunisce con disinvoltura sue composizioni originali, improvvisazioni, noti standard americani e diversioni in ambito classico. L’ultima opera discografica di Pieranunzi è My songbook che raccoglie 11 composizioni del pianista, autore anche dei testi. In alcuni brani è affiancato dalla cantante Simona Severini.

———–

ENRICO PIERANUNZI | Pianista, compositore, arrangiatore è tra i più noti ed apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale. Ha registrato più di 70 CD a suo nome spaziando dal piano solo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio d’incisione, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron. Si è esibito sui palcoscenici dei principali paesi europei, in Sud America, in Giappone, e, numerose volte, negli Stati Uniti. È l’unico musicista italiano ad aver suonato e registrato a suo nome nello storico “Village Vanguard” di New York. Tra i numerosi riconoscimenti per la sua attività musicale, le tre affermazioni (1989, 2003, 2008) come miglior musicista italiano nell’annuale referendum “Top Jazz” della rivista “Musica Jazz”, il “Django d’Or” francese 1997 come miglior musicista europeo, l’Echo Jazz Award 2014 in Germania come “Best International Piano Player” e il  premio “Una vita per il jazz” assegnatogli ancora nel 2014 dalla rivista Musica Jazz. Nel 2009 il musicologo e giornalista francese Ludovic Florin ha presentato alla Sorbona come sua tesi di Dottorato un ampio scritto dedicato al linguaggio musicale del pianista italiano. Parecchie sue composizioni sono diventate veri e propri standard suonati e registrati da musicisti di tutto il mondo. Tra queste Night BirdDon’t forget the poetLes AmantsFellini’s WaltzJe ne sais quoiCoralie. Alcune di esse sono state pubblicate nei prestigiosi “New Real Book” statunitensi.

———–

SIMONA SEVERINI | È cantante e cantautrice dalla formazione poliedrica. La sua carriera di esecutrice si è sviluppata nell’ambito della musica jazz contemporanea attraverso le collaborazioni con alcuni grandi musicisti italiani tra i quali Giorgio Gaslini, Enrico Pieranunzi, Gabriele Mirabassi, Enrico Intra, Tiziana Ghiglioni, Antonio Zambrini, Alessandro Galati. Si è esibita nei principali festival e sale da concerto in Italia e in Francia (Umbria Jazz, Jazz Expo, Parco della Musica, Blue Note, Auditorium Di Milano, Festival Jazz Vocal di Parigi, Sunset di Parigi). Ha inoltre lavorato con cantautori come Pacifico e Ron. Nel 2011 esordisce con La belle vie (My Favorite Records), una raccolta di brani dedicati e ispirati alla musica di Gabriel Fauré. La prima traccia della collaborazione con Enrico Pieranunzi è un’incisione di Futura di Lucio Dalla nel disco Dalla in Jazz (Sony2012).

———–

BIGLIETTI

Il Concerto è offerto al pubblico del Festival al prezzo simbolico di 1 euro – posto unico.

durata: 70 minuti circa

****

Programma

in piano solo

Don’t forget the poet

Come rose dai muri

Seaward 

Leaves

Si peu de temps

Castle of solitude

B.Y.O.H.

Anne Blomster Sang

in duo con Simona Severini

Just a song

Premier moment

Fairy flowers

Coralie

Io non saprò mai perché

LEAVE A REPLY