Estate Fenice – Incontro con Remo Bodei

0
220
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Remo Bodei sarà protagonista del secondo appuntamento del ciclo Dentro/Fuori. Quattro riflessioni sul limite, le radici e i confini nell’ambito della rassegna Estate Fenice. Professore di Filosofia alla University of California di Los Angeles e professore emerito alla Scuola Normale Superiore e all’Università di Pisa, Bodei presenterà la sua relazione dal titolo Tracciare i nostri limiti lunedì 4 luglio 2016 alle ore 18.00, nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice.

Durante la nostra esistenza sperimentiamo innumerevoli limiti, che segnalano discontinuità, soglie reali o simboliche, barriere da superare, divieti da osservare. Possiamo dividerli in fisici (a partire dall’involucro della nostra pelle fino all’estensione dei nostri sensi, dalla plasticità del nostro cervello ai dati immodificabili della nostra nascita in un determinato tempo e luogo, dai confini geografici al limite invalicabile della nostra morte). Vi sono poi limiti politici (le frontiere), culturali e morali che ciascuno si trova nascendo e che impongono agli individui di impadronirsi a tappe forzate, attraverso le Istituzioni, del senso del suo essere nel mondo e di iniziare una nuova storia. Mentre la modernità ha infranto, rispetto al mondo antico e medioevale, le barriere rappresentate dagli arcana Dei, arcana naturale e arcana imperi (ossia i misteri di Dio, della natura e del potere) e ha progredito velocemente nella conquista del pianeta e allo sviluppo trionfale delle scienze e delle tecniche, la morale e la politica sembrano non essere avanzate tanto, per cui oggi ci troviamo nella paradossale situazione di una morale provvisoria permanente e di una politica che ha perso il suo primato rispetto all’economia e alla finanza. Come tracciare quindi i nostri confini e orientarci nella realtà?

Il ciclo proseguirà martedì 5 luglio con Roberto Esposito, il cui contributo si intitola «Da fuori. Europa e filosofia»; mentre il 7 luglio Armando Massarenti rifletterà sul confine tra conoscenza e ciarlataneria nell’incontro «Dentro e fuori la scienza».

Gli appuntamenti del ciclo Dentro/Fuori nell’ambito di Estate Fenice sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Remo Bodei è professore di Filosofia alla University of California, Los Angeles, dopo aver insegnato a lungo alla Scuola Normale Superiore e all’Università di Pisa, dove ora è emerito. Ha studiato e insegnato in diverse università europee (Tubinga, Friburgo, Heidelberg, Bochum, Berlino, Gimevra, King’s College di Cambridge, École Normale Supérieure di Parigi, Bruxelles, Girona, Madrid) e americane (New York University, Ottawa, Toronto, UNAM di Città del Messico), dedicando le sue ricerche dapprima all’idealismo classico tedesco, all’età romantica, all’estetica e al pensiero utopico. Da oltre due decenni si occupa di teoria delle passioni, di modelli della coscienza e di problemi legati all’identità individuale e collettiva. Tra le opere più recenti, tradotte in molte lingue: Scomposizioni. Forme dell’individuo moderno (Torino, Einaudi, 1987); La filosofía y lo trágico (Madrid, Visor, 1990); Geometria delle passioni (Milano, Feltrinelli, 1991, 20087), Ordo amoris. Conflitti terreni e felicità celeste (Bologna, il Mulino, 20154); Le prix de la liberté (Paris, Éditions du Cerf, 1995); Le forme del bello (Bologna, 2015); La filosofia nel Novecento (Milano, Feltrinelli, 2015), Il noi diviso. Ethos e idee dell’Italia repubblicana (Torino, Einaudi, 1998); Le logiche del delirio. Ragione, affetti, follia (Bari-Roma, Laterza, 2000); Destini personali. L’età della colonizzazione delle coscienze (Milano, Feltrinelli, 20083); Una scintilla di fuoco. Invito alla filosofia (Bologna, Zanichelli, 2005), Piramidi di tempo. Storie e teoria del déjà vu (Bologna, Il Mulino, 2006); Paesaggi sublimi. Gli uomini davanti alla natura selvaggia (Milano, Bompiani, 2008); La vita delle cose (Roma-Bari, Laterza, 2009), Ira. La passione furente (Bologna, Il Mulino, 2011) e Mitezza e coraggio, in Sergio Givone-Remo Bodei, Beati i miti, perché avranno in eredità la terra (Milano, Lindau, 2013); Immaginare altre vite. Realtà, progetti, desideri (Milano, Feltrinelli, 2013); Generazioni. Età della vita, età delle cose (Roma-Bari, Laterza, 2014); La civetta e la talpa. Sistema ed epoca in Hegel (Bologna, Il Mulino, 2015); Limite (Bologna, Il Mulino, 2016).

LEAVE A REPLY