FOG 2016: Musikgymnasium Orchester in concerto

0
235
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoLunedì 4 luglio 2016, alle ore 21.15, in Piazza Signoria, sotto la Loggia dei Lanzi, il Festival Internazionale delle Orchestre Giovanili ospita la Musikgymnasium Orchester di Graz.

Ben 40 giovani musicisti austriaci della Graz High School of Music, sotto la direzione di Robert Fischer, loro bacchetta dal 2001, accompagneranno i colleghi Solisti strumentisti e cantanti neo-laureati attraverso un intrigante repertorio lirico-sinfonico all’insegna di baci, tuoni, fulmini e copiature mozartiane.

La soprano Iris Mangeng intonerà Il bacio, la più nota aria del compositore vercellese Luigi Arditi, e Quel guardo il Cavaliere, aria di Norina sui trucchi d’amore usati dalle Donne per sedurre gli Uomini, omaggio all’Italia e al suo melodramma, dall’Atto I del Don Pasquale di Gaetano Donizetti.

La flautista Larissa Werlberger interpreterà l’Allegro aperto dal Concerto per Flauto n. 2 in Re maggiore K 314 del salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart. Un Mozart aneddotico, che sopia se stesso, dato che la composizione coincide con il Concerto in Do maggiore per Oboe K 271 (oggi perduto), scritto per l’oboista italiano della corte di Salisburgo, Giuseppe Ferlendi. Proprio per tale ragione, Mozart riuscì ad ottenere dal flautista amatore De Jean, committente dell’opera, solo la metà del compenso pattuito. Nonostante la copiatura, la creazione è un capolavoro, un tripudio di fuggitive melodie d’inconfondibile leggerezza.

Dal flauto al clarinetto con Michael Sabota che proporrà, dal virtuosistico e romantico Concerto n. 2 op. 74 di Carl Maria von Weber, il terzo e ultimo movimento Alla polacca, uno dei più brillanti e scintillanti finali del repertorio di questo strumento.

Sarà poi la volta dell’oboista Paul Maier, anche compositore, che omaggierà la serata fiorentina con una sua opera, eseguita in prima nazionale, dal titolo Suite toscana per oboe solista e orchestra.

Completeranno il programma della serata le Danze ungherese n. 5 e slava n. 8, rispettivamente di Johannes Brahms e Antonin Dvorak, e una selezione delle più note marce e polke di Johann Strauss figlio, in un tripudio di tuoni e fulmini che concederanno piacevoli momenti di respiro internazionale alla calda estate fiorentina.

Il Concerto è a ingresso libero.

Per informazioni www.festivalorchestregiovanili.com oppure www.florenceyouthfestival.com

LEAVE A REPLY