“Go.Go.Go” di Aleksandr Sokurov

0
611
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoliberamente ispirato a Marmi ed altri testi di Iosif Brodskij

Prima assoluta

progetto e regia Aleksandr Sokurov

testi originali e adattamento scenico di Aleksandr Sokurov e Alena Shumakova

spazio scenico & art direction Margherita Palli

***

Interpreti principali:

Max Malatesta (Tullio) e Michelangelo Dalisi (Publio)

con la partecipazione di Elia Schilton (Iosif Brodskij)

e Olivia Magnani / Karina Arutyunyan, Paolo Bertoncello, Alessandro Bressanello, Giulio Canestrelli

e gli interventi di Piero Ramella, Schola Poliphonica del Santuario di Monte Berico, Spazio Voll e NextArea Parkour

prodotto da CRT Teatro dell’Arte / Milano

commissionato da Teatro Olimpico di Vicenza / Conversazioni 2016

con la collaborazione del Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone

———

Andrà in scena in anteprima mondiale assoluta mercoledì 28 settembre alle ore 20.30 al Teatro Olimpico di Vicenza GO.GO.GO, lo spettacolo che segna l’esordio teatrale del grande regista russo Aleksandr Sokurov, che ha scelto, per il suo debutto sul palcoscenico, di ispirarsi liberamente a Marmi e ad altri testi di Iosif Brodskij. GO.GO.GO sarà in cartellone fino al 2 ottobre nell’ambito di Conversazioni 2016 – 69° Ciclo di Spettacoli Classici del Teatro Olimpico curato da Franco Laera, con Adriana Vianello e Virginia Forlani. Lo spettacolo sarà poi al CRT – Teatro dell’Arte di Milano dal 7 al 30 ottobre e al Teatro Verdi di Pordenone il 3 e 4 novembre.

Sokurov nel suo cinema combina in modo sapiente ed originale la sua personale visione onirica con la storia, le arti figurative, la letteratura e il teatro. Per la prima volta Aleksandr Sokurov realizza un lavoro per il palcoscenico, che dialoga con il celebre monumento palladiano a partire dal testo teatrale di Iosif Brodskij Marmi e da altri suoi testi poetici. In GO.GO.GO sono in scena due personaggi che, opposti per origine, cultura e carattere, fanno della tensione insita nella loro diversità la ragione stessa della loro sopravvivenza in una assurda condizione umana. Il loro aspetto è strano, ibrido. Topi che sembrano uomini, o forse uomini che sembrano topi. Predatori, carnefici invece di prigionieri, entrano in dialogo con il poeta stesso sullo sfondo vivido della vita quotidiana di una città italiana. Perché in GO.GO.GO, oltre ai due protagonisti, in scena ci sono gli abitanti della città (Vicenza? Roma? È una città italiana che raffigura un intero universo, che si può leggere come Italia, Europa o, più in generale, il Vecchio Mondo). Il serrato confronto dialettico tra i due e la città stessa, il mondo circostante permette a Sokurov di generare una trama di situazioni che si compongono in un quadro nel quale trovano posto le illusioni, gli errori, le speranze. Il tempo, lo spazio, la libertà e la costrizione, la vita del corpo e quella dello spirito. Il cibo e i libri, il cinema… La capacità creativa di Sokurov ne fa l’occasione per portare in scena anche alcune figure iconiche del cinema italiano.

Lo spettacolo è presentato in occasione del ventennale della morte di Iosif Brodskij, grande poeta russo, Premio Nobel per la letteratura nel 1987.

———-

Aleksandr Sokurov, il regista russo amico di Andrej Tarkovskij del quale è artisticamente considerato l’erede, è l’autore della nota trilogia filmica sulle dittature della storia Moloch, Toro e Il Sole, in riferimento rispettivamente a Hitler, Lenin e Hirohito. Il ciclo diviene una vera tetralogia con Faust, Leone d’Oro alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia. Dedicati, invece, al mondo dell’arte sono Arca Russa, girato all’Hermitage in un unico piano-sequenza di novanta minuti, e il più recente Francofonia, ambientato al Louvre durante l’occupazione nazista. Pluripremiato dalla critica internazionale, numerosi altri importanti premi gli sono stati riconosciuti ai festival di Berlino, Cannes, Toronto e Locarno.

———-

Il 69° Ciclo di Spettacoli Classici è promosso dall’Assessorato alla crescita del Comune di Vicenza in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza e curato da Franco Laera. È sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Vicenza Belluno e Ancona e da AIM Vicenza.

Gli spettacoli e gli incontri, in programma tra il 13 settembre e il 9 ottobre a Vicenza, quest’anno, si svolgeranno oltre che, come tradizione, al Teatro Olimpico, anche in Basilica Palladiana e al Teatro Astra.

———

Teatro Olimpico – Vicenza

28 settembre ore 20.30

29 e 30 settembre e 1 ottobre ore 20.30

2 ottobre ore 18.00

———–

Informazioni e prevendite:
www.tcvi.it (http://classici.tcvi.it)

LEAVE A REPLY