Sokurov vs Brodskij: lotta con il tempo

0
252
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Sabato 24 settembre alle 16.00 nell’Odeo del Teatro Olimpico nell’ambito di Talks&Workshops di Conversazioni 2016, si terrà l’incontro SOKUROV VS BRODSKIJ: LOTTA CON IL TEMPO, cui prenderanno parte i critici cinematografici Gianni Canova e Maurizio Porro, Fausto Malcovati traduttore di Marmi di Iosif Brodskij e Alena Shumakova, coautrice dei testi di GO.GO.GO

Interverrà Aleksandr Sokurov

Nell’ambito del 69° Ciclo di Spettacoli Classici in programma in questi giorni a Vicenza, proseguono i Talks&Workshops organizzati in collaborazione con l’Accademia Olimpica. All’incontro Sokurov vs Brodskij: lotta con il tempo (Odeo del Teatro Olimpico, sabato 24 – ore 16.00) parteciperanno i critici cinematografici Gianni Canova e Maurizio Porro, Fausto Malcovati traduttore di Marmi di Iosif Brodskij e Alena Shumakova, coautrice dei testi di GO.GO.GO. Sul palcoscenico del Teatro Olimpico, la prima mondiale di GO.GO.GO sarà l’occasione per un ideale incontro dialettico tra due autentici geni della cultura del nostro tempo: Aleksandr Sakurov e Iosif Brodskij. Il regista e il grande poeta russo, del quale celebriamo il ventennale della scomparsa, hanno affrontato, secondo punti di vista naturalmente diversi, una personale lotta per la negazione dei vincoli del tempo, attraverso i mezzi offerti dal cinema all’uno e dalla letteratura all’altro. L’incontro sarà l’occasione per approfondire questo ed altri temi messi in campo dall’eccezionale evento del debutto di Sokurov come regista teatrale, che metterà a confronto la sua espressività onirica con l’universo poetico di Brodskij nello scrigno della classicità palladiana.

La sezione Talks&Workshops di Conversazioni 2016, cui partecipano alcuni tra i maggiori studiosi e critici delle arti performative, risponde a all’esigenza fortemente sentita dal curatore Franco Laera e dall’Accademia Olimpica di “riconoscere le identità e le specificità nel dialogo dei linguaggi creativi quale chiave per recuperare una reale dimensione di sperimentazione”.

LEAVE A REPLY