Teatro Duse (Bologna): ecco la nuova stagione 2016/2017

0
751
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIl Teatro Duse di Bologna cresce. Cresce nel numero degli spettacoli in cartellone. Cresce nella varietà di un’offerta che va dalla prosa classica alla danza contemporanea; dalla commedia musicale al teatro di parola. Un cartellone con oltre 80 titoli, rafforzato in qualità e quantità con un occhio sempre attento al pubblico più giovane e curioso. Il tutto grazie ai risultati della stagione 15/16 che si è chiusa con oltre 3.300 abbonati, una media di spettatori superiore alle 800 presenze a replica e un apprezzamento da parte del pubblico – chiamato a dare il proprio parere al termine della messa in scena – superiore al 96%.

La seconda stagione da quando il teatro è stato riconosciuto – unico in Italia – quale Organismo di Programmazione Multidisciplinare dal Mibact, la sesta firmata dalla direzione artistica composta da Walter Mramor (presidente Teatro Duse Srl e direttore di a.ArtistiAssociati Gorizia), Livia Amabilino (presidente Associazione Teatro Duse e presidente de La Contrada – Teatro Stabile di Trieste), Berto Gavioli (direttore del Teatro Michelangelo di Modena), Stefano Degli Esposti (responsabile di Dems Teatro Srl, società proprietaria del teatro) affianca agli oltre 20 spettacoli di DUSEprosa già presentati a giugno, DUSEdanza, che vede aumentare da cinque a otto i titoli divisi tra classico e contemporaneo e con artisti di prima importanza nel panorama internazionale come Carla Fracci, ospite eccezionale di Shéhérazade e le Mille e una Notte del Balletto del Sud, e Carolyn Carlson al Duse con Short Stories; DUSEvarietà (5 spettacoli) sezione trasversale dedicata al teatro di evasione tra spettacoli brillanti, operette e musical; DUSEoltre (5 spettacoli) dedicato allo spettacolo che si rivolge maggiormente al contemporaneo con protagonisti di assoluto valore come Giuseppe Battiston o Antonio Rezza; DUSEsmile (4 spettacoli), con le ultime novità del teatro comico, da Pucci a Maurizio Battista. Altra sezione che ritorna è DUSE nuova danza, con Circo Massimo programma artistico al quale partecipano i talenti più virtuosi della nuova coreografia internazionale a cura di Fabrizio Favale. Tra le novità 2016/2017 la sezione DUSEracconti (4 spettacoli), dedicata, appunto, al racconto del contemporaneo con protagonisti come Corrado Augias, Gianluigi Nuzzi o Andrea Scanzi.

Si apre una nuova stagione, la seconda da quando il ministero ha riconosciuto il Duse come unico Organismo di programmazione multidisciplinare – ha ricordato il presidente del cda Walter Mramor – Un grande risultato confermato anche dai dati di vendita degli abbonamenti 2016/2017 per la sola prosa che hanno già raggiunto quota 1.500. Il riconoscimento del ministero ha richiesto un maggiore impegno per il rispetto dei parametri e dell’attività preventivata, ma la più organica presenza di prosa, musica e danza nel cartellone ha significato una crescita per il nostro teatro, testimoniata dagli oltre 80 titoli che presentiamo oggi. Grazie all’entusiastica adesione della città al nostro progetto, il Duse si colloca ora tra i più vivaci teatri in Italia, con una proposta ampia, varia e di qualità, percorsi originali e nuovi con uno sguardo attento alle nuove generazioni e un pubblico affezionato e numeroso. Oggi – ha spiegato Mramor – il Duse è uno dei principali luoghi d’incontro e scambio della scena culturale locale e nazionale, collocato al centro di una fitta rete di relazioni con la città di Bologna. Ne fanno parte le istituzioni, che voglio ringraziare per aver accompagnato questo percorso, ed essere ora ancora più presenti in questa fase di grande crescita per il Duse. Il loro appoggio sarà fondamentale anche in futuro per dare continuità ad un progetto di riconosciuto valore.

Per ogni sezione è stato pensato un abbonamento differenziato: oltre ai percorsi dedicati alla prosa (DUSEprosa a 16 spettacoli più 4 in opzione, DUSE8 a 8 spettacoli selezionati nel percorso Rosso o Blu, e 6…socio Coop riservato ai soci Coop per 6 spettacoli) sono per la prima volta tre gli abbonamenti riservati alla danza (DUSEdanza a 8 spettacoli; DUSEdanza classico a 4; e DUSEdanza contemporaneo a 4 spettacoli) oltre all’abbonamento CircoMassimo per il progetto di Fabrizio Favale; infine, gli altri abbonamenti comprendono tutti i titoli di ogni sezione: DUSEvarietà, DUSEoltre, DUSEsmile e DUSEracconti. A questi si aggiungono gli abbonamenti personalizzabili DUSElibero e DUSEgiovani riservato a under26, studenti universitari e possessori della YoungEr Card.

Fuori dagli abbonamenti sono nove gli spettacoli del percorso DUSEextra, compresi i concerti di Tommy Emmanuel e Raphael Gualazzi, il ritorno di Paolo Migone e Caro Lucio ti scrivo, un viaggio nella poetica di Lucio Dalla e nella sua Bologna.

Un altro importante debutto nella stagione 2016/2017 è quello della collaborazione tra due storici spazi bolognesi: il Teatro Duse e il Piccolo Teatro del Baraccano che insieme hanno dato vita a Duse-Baraccano progetto di teatro musicale con Atti Sonori: in programma otto spettacoli nello spazio di via Santo Stefano (BARACCANOduse al Piccolo Teatro del Baraccano) e due in via Cartoleria (DUSEbaraccano al Teatro Duse).

Infine, un’altra prima volta per il Duse nasce dalla collaborazione con il Bologna Festival: è BolognaFestivalDuse, una nuova modalità di abbonamento che unisce quattro spettacoli di teatro (al Duse) e musica (presso la biblioteca del Centro San Domenico), rivolto agli appassionati della prosa e della classica.

Tra le conferme, la collaborazione con l’Orchestra Senzaspine per la terza stagione di Senzaspine@DUSE (4 concerti: il primo il 7 novembre Filmusic); quella con la Compagnia Fantateatro; e quella con la Bernstein School of Musical Theater.

Proprio i cantanti della BSMT saranno i protagonisti della serata inaugurale della stagione presentando, il 21 ottobre, The colours of emotions.

Infine oltre al rinnovato legame con Gli amici di Luca, tornano al Teatro Duse, importanti spettacoli in collaborazione con il festival internazionale Gender Bender (RA-ME in scena i primi due giorni di novembre) e con il Bologna Jazz Festival (il concerto di Steve Coleman il 14 novembre).

La stagione del Teatro Duse si svolge con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna; con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Fondazione Carisbo. Main sponsor è Unipol Banca. Sostengono la stagione anche LavoroPiù, Coop Alleanza 3.0, Acqua Cerelia, Sorbetteria Castiglione, Hotel Touring Bologna e Prime. Media partner è QN il Resto del Carlino.

———–

La biglietteria del Teatro Duse è aperta

-dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19 e da un’ora prima degli spettacoli fino al 26 novembre

-dal martedì al sabato dalle 15 alle 19 e da un’ora prima degli spettacoli dal 26 novembre

Gli abbonamenti sono acquistabili anche nei punti vendita VivaTicket

E on line sul sito www.teatrodusebologna.it

biglietteria@teatrodusebologna.it – Via Cartoleria, 42 Bologna – 051 231836

LEAVE A REPLY