Cherubini Non Stop

Dal 9 al 30 novembre presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze

0
380
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoSedici ore di musica, in quattro appuntamenti, con quarantadue esibizioni dei migliori allievi del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze: è “Cherubini Non Stop“, l’evento che si terrà da mercoledi 9 al 30 novembre presso la sede centrale dell’istituto di alta formazione musicale di Firenze, situato in piazza delle Belle Arti n.2. Gli appuntamenti si terranno dalle ore 19.00 alle ore 23.00, nella sala del Buonumore, a ingresso libero. Gli altri eventi saranno il 16, il 23 e il 30 novembre. 

Ad aprire la manifestazione, il 9 novembre, sarà il “Trio dei birilli” di Wolfang Amadeus Mozart, eseguito da Marco Maggi al pianoforte, Alexander Cokic al clarinetto e Flaminia Zanelli alla viola. Seguirà, sempre di Mozart, il “Concerto in Re magg. k314” con Noemi Panati al flauto e Daria Aleshina al pianoforte; il “Notturno in Re magg. op.42” di Ludwing Van Beethoven, nell’interpretazione di Mateos Kovakaj alla viola e Paolo Gonnelli al pianoforte; le “Tre romanze op. 28” di Robert Schumann, con Leonardo Ricciarelli al pianoforte; tre brani per violino solo, di Ernani Aguiar, Johann Sebastian Bach e Charles Dancia, con Annalaura Malpelo; la “Sonatina FP. 164” di Francis Poulenc con Agata Smeralda Petrognani al flauto e Angela Panieri al pianoforte; il “Concertino pour Flûte, Op.107” di Cécile Chaminade con Guido Pratesi al flauto e Daria Aleshina al pianoforte.

E ancora: la “Sonata per sassofono alto e pianoforte” di Phil Woods con Simone Brusoni al sassofono e Leonardo Ricciarelli al pianoforte; la “Sonata per violino e pianoforte in Re maggiore” di Jean-Marie Léclair, nella versione di Zino Francescatti, e lo “Scherzo – Tarantella op. 16” di Henryk Wieniawski con Neri Nencini al violino e Seonmi Kim al pianoforte. L’appuntamento si chiuderà con la “Sonata per pianoforte n. 23 in fa min, op. 57, Appassionata” di Beethoven eseguita da Mattia Fusi.    

Per ulteriori informazioni www.conservatorio.firenze.it 

LEAVE A REPLY