Oratorio del Gonfalone, “La liberazione di Ruggiero dall’Isola di Alcina”

0
538
Condividi TeatriOnline sui Social Network

foto

In occasione dei 500 anni dalla prima edizione dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto pubblicato nel 1516, il RomaBarocca Ensemble propone La liberazione di Ruggiero dall’isola di Alcina nei magnifici spazi dell’Oratorio del Gonfalone di Roma, in programma giovedì 10 novembre (ore 21) nell’ambito della stagione concertistica 2016-2017.

Il maestro Lorenzo Tozzi, nella duplice veste di Maestro Concertatore e Direttore del RomaBarocca Ensemble, formazione ha già festeggiato i venti anni di attività, specializzata nel repertorio italiano centro-meridionale e romano del Sei-Settecento, propone un melodramma scritto da una donna sull’Orlando furioso dell’Ariosto, esempio di ballo melodrammatico che unisce canto, musica, rappresentazione e danza sulla scia dei fastosi ed eleganti Intermedi fiorentini.

La Liberazione di Ruggiero, che racconta l’affrancamento dell’eroe soggiogato dalla maga Alcina, vanta una storia molto affascinante: fu commissionata dalla Granduchessa di Toscana Maria Maddalena d’Austria, (già vedova del granduca Cosimo II dei Medici) e rappresentata per la prima volta presso la Villa di Poggio Imperiale a Firenze, dal 1618 di proprietà della Granduchessa, in occasione del soggiorno a Firenze di Ladislao Sigismondo, principe di Polonia e Svezia. A curare le scene, l’architetto Giulio Parigi che si era occupato della ristrutturazione della Villa.

Opera composta in musica nel 1625 da Francesca Caccini (figlia del cameratista fiorentino Giulio Caccini), La liberazione, su libretto di Ferdinando Saracinelli, è una rarità da non perdere: la Caccini non è solo una delle prime donne che hanno maggiormente contribuito all’evolversi del nascente stile recitativo all’inizio del Seicento, ma è stata anche la prima donna a comporre un’opera di teatro in musica. E La Liberazione rappresenta uno dei primi tentativi di mettere in teatro musicale la nota vicenda di Ruggiero ed Alcina, tratta dal VI libro dell’Orlando furioso di Ludovico Ariosto: si tratta del primo melodramma scritto da una donna e sull’Orlando furioso dell’Ariosto, un ballo melodrammatico nel genere del Ballo delle Ingrate di Monteverdi.

La musica si alterna al racconto dell’Ariosto offrendo lo spessore emotivo a personaggi e situazioni secondo i modelli del “recitar cantando” fiorentino per avviarsi verso il gran finale, un ballo articolato, maschile, poi femminile ed equestre.

Il ruolo di Ruggiero sarà affidato a Riccardo Primitivo, il ruolo della maga Alcina ad Alessandra Borin, il ruolo della maga Melissa a Marcella Foranna.

Ho cercato di reinserire quest’opera nel suo tessuto coreografico. Non a caso la Caccini la definisce “ballo” e per questo ho dovuto recuperare molte pagine di danza che si ispiravano ai famosi intermedi fiorentini del 1589 scritti per le nozze di Ferdinando I con Cristina Di Lorena – spiega il Maestro Lorenzo Tozzi – È un’operazione di recupero importante fatta con i giovani: in genere l’opera fiorentina è di rara esecuzione eccezion fatta per l’Euridice di Jacopo Peri e di Giulio Caccini. È singolare in fatto che in Italia La liberazione di Ruggiero sia stata eseguita poche volte a differenza dell’estero dove è stata rappresentata in decine di occasioni”.

Info e biglietti del concerto-ballo che rientra nel programma della Stagione Concertistica 2016/17 dell’Oratorio del Gonfalone, su www.oratoriogonfalone.eu. Tel. 06 6875952

LEAVE A REPLY