Andreas Brantelid e Zhang Xian in concerto

Il 13 e 15 gennaio all'Auditorium di Milano

0
392
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Paolo Dalprato

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Violoncello Andreas Brantelid

Direttore Zhang Xian

——

Fresca della prestigiosa nomina alla guida stabile della New Jersey Symphony Orchestra, Zhang Xian torna a dirigere l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi come direttore ospite, nel primo dei suoi quattro programmi in stagione. E lo fa portando una ventata di freschezza e divertimento a tutto tondo, in un programma interamente dedicato al Valzer viennese, incontrastato protagonista dei decenni dorati della mitica Austria Felix: fra ricevimenti a corte, divertite serate al teatro dell’operetta, sale da ballo della gente comune, uno sguardo alla vivace vita musicale della Vienna dell’Ottocento.

Duplice appuntamento, Venerdì 13 (ore 20.30) e domenica 15 gennaio (ore 16.00), con l’atteso debutto all’Auditorium di Milano dell’astro scandinavo Andreas Brantelid al violoncello solista, impegnato nell’originalissimo Concerto per violoncello e orchestra di Friedrich Gulda, compositore del Novecento, grande innovatore delle tematiche musicali di tradizione ottocentesca. Completano la locandina Franz von Suppé (Ouverture Ein Morgen, ein Mittag, ein Abend in Wien), Johann Strauss jr. (Ouverture Die Zigeunerbaron; Tik Tak Polka schnell; Bitte schön! Polka francaise; Wiener Blut, Walzer; Eduard Strauss (Ohne Aufenthalt, Polka schnell).

Venerdì 13, sempre in Auditorium (ore 18.00, Foyer della balconata, ingresso libero), appuntamento con la tradizionale conferenza di introduzione al programma dal titolo: “Sangue viennese”, relatore Lorenzo Casati.

(Biglietti: euro 36,00/16,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar – dom, ore 14.30 – 19.00, tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org o www.vivaticket.it).

——

Programma

Il valzer è uno dei fili più diretti tra musica erudita e cosiddetta popular music, passando dall’essere il lussuoso divertimento danzante per eccellenza della nobiltà viennese a cimento per vari compositori fino a sbarcare nel Nuovo Mondo, dove entra nel musical newyorkese e si diffonde persino in Sud America col nome di vals o valsa. In breve, il valzer è un esempio musica di massa in senso totalmente moderno, che liquefa le barriere tra arte, cultura e intrattenimento. Friedrich Gulda, famoso pianista e compositore austriaco scomparso nel 2000, è ricordato come uno dei musicisti viennesi più aperti al cambiamento e fa sua questa “liquefazione” arrivando ad accarezzare il jazz ed il rock con un concerto per violoncello assolutamente unico nel suo genere che, come nel Concerto for Myself per pianoforte e orchestra, ricerca un linguaggio musicale universale, in cui virtuosismo e naturalezza sono sempre all’unisono. Interessante anche l’esempio di Franz von Suppè in apertura, autore ottocentesco austriaco di origine dalmata, compositore di operette viennesi, che ebbe una nuova fama postuma nella cinematografia essendo impiegato spesso da Walt Disney nei suoi cartoni animati. Non potevano mancare in locandina i rappresentanti della mitica “saga” degli Strauss.

——

Biografie

Zhang Xian Direttore. Recentemente nominata direttore musicale della New Jersey Symphony Orchestra, a partire dalla stagione 2016/17, è stata direttore musicale dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi da settembre 2009 a dicembre 2016, con la quale ha

Da settembre 2016, Zhang ha assunto la carica di direttore principale ospite della BBC National Orchestra e Coro del Galles, diventando così il primo direttore donna a ricoprire un ruolo di spicco.

Dirige regolarmente la London Symphony e la Royal Concertgebouw. I suoi più recenti importanti impegni includono il debutto con l’Orchestre Philharmonique de Strasbourg e Orquesta y Coro Nacionales de España, nonché appuntamenti con la Netherlands Radio Philharmonic, BBC National Orchestra del Galles ai BBC Proms e Orchestre National de Belgique.

Tra le opere dirette di recente ricordiamo il ritorno alla English National Opera con La bohème (ottobre 2015) e il suo debutto con la Den Norske Opera a gennaio 2016 dove ha diretto La traviata. Dopo il grande successo del Nabucco con la Welsh National Opera, nel giugno 2014, che successivamente è stato allestito al Festival di Savonlinna, è tornata al Festival nell’estate 2016 per condurre Otello, segnando il suo debutto con la compagnia.

Torna spesso nella sua nativa Cina, per dirigere China Philharmonic, Beijing Symphony and Guangzhou Symphony. Un punto di riferimento per i compositori cinesi, nell’ultima stagione ha diretto Iris Devoilee di Qigang Chen con il National Centre for the Performing Arts e la BBC National Orchestra of Wales; nella primavera del 2015, la premiere mondiale di Luan Tan di Qigang Chen con la Hong Kong Philharmonic – un lavoro commissionato dall’Orchestra – e il Resurrection Concerto di Tan Dun con la Los Angeles Philharmonic.

Lavorare con i giovani musicisti di talento continua ad avere un ruolo importante nella sua vita. Nel 2011 è stata nominata direttore artistico della NJO (Dutch Orchestra e Ensemble Academy) e durante quest’estate ha debuttato con la European Union Youth Orchestra a Grafenegg, Amsterdam, Berlin, Rheingau e Bolzano.

Nata a Dandong, in Cina, ha fatto il suo debutto professionale con Le nozze di Figaro alla Central Opera House di Pechino all’età di 20 anni. Ha studiato al Conservatorio Centrale di Beijing – dove ha ottenuto sia il diploma che il Master of Music – dirigendo per un anno prima di trasferirsi negli Stati Uniti nel 1998. Nel 2002 è stata nominata Assistant Conductor della New York Philharmonic, diventandone successivamente direttore associato e prima titolare della “Arturo Toscanini Chair”.

——

Andreas Brantelid, violoncello. È nato a Copenaghen nel 1987 da genitori svedesi/danese. Dopo aver ricevuto lezioni dal padre Ingemar, Andreas ha debuttato da solista all’età di 14 con il concerto di Elgar insieme alla Royal Danish Orchestra di Copenhagen. Oggi è uno dei più acclamati artisti dalla Scandinavia; ha suonato con le più importanti orchestra del mondo: London Philharmonic, City of Birmingham Symphony, BBC Symphony, BBC Philharmonic Orchestra, Tonhalle Orchester di Zurigo, Mahler Chamber Orchestra, Filarmonica di Bruxelles, Yomiyuri Nippon Symphony, Netherlands Radio Philharmonic, la Seattle Symphony, Frankfurt Radio Symphony Orchestra, Leipzig Radio Symphony, Hamburger Symphoniker, Orchestre des Champs-Elysées, Scottish Chamber Orchestra, Monaco di Baviera Chamber Orchestra, così come tutte le grandi orchestre dei Paesi nordici. Ha lavorato con direttori illustri tra cui Andris Nelsons, Esa-Pekka Salonen, Philippe Herreweghe, Vasily Petrenko, Thomas Dausgaard, Pablo Heras-Casado, Andrew Manze, Sakari Oramo, Jukka-Pekka Saraste, Robin Ticciati, e Heinrich Schiff.

La stagione 2016/17 vede i suoi debutti come solista con laVerdi di Milano, Orchestre de la Suisse Romande, Stuttgart Radio Symphony, Berlin Radio Symphony, Rotterdam Philharmonic Orchestra, Bamberger Symphoniker, Kammerakademie Potsdam, Düsseldorf Symphony Orchestra, Presidential Symphony Orchestra di Ankara, Islanda Philharmonic, così come ri-inviti a Dublino RTE Symphony, alla Royal Danish Orchestra, Gävle Symphony, Aarhus Symphony e Aalborg Symphony Orchestra.

Nel dicembre 2017, sarà impegnato in un lungo tour in Cina insieme con la London Philharmonic Orchestra.

Andreas ha anche collaborato con artisti quali Daniel Barenboim, Gidon Kremer, Joshua Bell, Vadim Repin, Nikolaj Znaider, Lawrence Potenza e Paul Badura-Skoda. Recentemente ha formato un trio con la violinista tedesca Veronika Eberle e il pianista israeliano Shai Wosner. Ha suonato nel più importanti auditorium del mondo: Dortmund Konzerthaus, New York (Carnegie Hall e Alice Tully Hall), Londra (Wigmore Hall), Zurigo (Tonhalle), Amsterdam (Concertgebouw), Barcellona (Palau de la Música), Salzburg (Mozarteum) e Tokyo (Teatro Metropolitan).

Il suo disco d’esordio dei concerti per violoncello di Tchaikovsky, Schumann e Saint-Saëns con la Royal Danish Orchestra è stato pubblicato dalla EMI nel 2008. Andreas ha vinto il primo premio agli Young Musicians Eurovision Awards 2006, all’International Paulo Cello Competition 2007 e, negli anni successivi, ha ricevuto diversi premi musicali e fellowship tra cui il Borletti-Buitoni Trust Fellowship nel 2008 e New Generation Artist della BBC 2008-2011. Nel 2015 ha ricevuto il Premio Carl Nielsen a Copenhagen.

Suona lo Stradivari “Boni-Hegar” 1707, messo a disposizione dal collezionista d’arte norvegese Christen Sveaas. Vive con la moglie e le due figlie a Nærum, vicino a Copenaghen.

LEAVE A REPLY