Evita, il musical

In scena fino al 4 dicembre 2016 al Politeama Genovese, Genova

0
418
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoDi solito si è un po’ scettici nei confronti dei musical nella versione italiana: se siete mai andati a Londra a vedere “The Phantom of the Opera” o se avete visto il corrispondente film in lingua originale, avete di certo paura di restarne delusi. Figuriamoci poi per “Evita”, il cui film interpretato da Madonna ha ricevuto molte nomination e premi, tra cui l’Oscar e il Golden Globe per la migliore canzone con “You Must Love Me”. Eppure Massimo Romeo Piparo ha realizzato davvero un magnifico spettacolo, per non parlare dell’azzeccata scelta per la protagonista. Malika Ayane presta la voce ad una delle donne più forti di sempre: Eva Perón, che, nei suoi trentatré anni di vita è stata attrice e politica, diva e sindacalista, prima donna e santa.
Il palco del Politeama Genovese si trasforma, dunque, in una Buenos Aires di luci e ombre, di un popolo che sogna di riscattarsi e di una aristocrazia impegnata a divertirsi. La simpatia e la bellissima voce di Filippo Stocchi ci descrive l’arrivo di una giovanissima Evita e la sua rapida ascesa prima sulle riviste, poi alla radio e infine a teatro. Dopo essere passata da un amante all’altro, incontra finalmente Juan Per
ón e tra i due nasce fin da subito qualcosa. Sarà lei, sicura dell’affetto che provano i descamisados, a sostenere il compagno e poi marito durante le fasi della carriera politica e il colpo di stato…
Quella che vediamo in scena è senza dubbio una donna di carattere, che è stata capace dalle sue umili origini di arrivare il più in alto possibile, ma anche una donna con le sue debolezze, come la passione per gioielli e vestiti. Fu un’icona per l’Argentina, sia per la sua lotta politica sia per la sua attività filantropica e fu anche una donna innamorata.
La nota cantante italiana rivela alcuni lati di sé totalmente inaspettati, dalla grande interpretazione recitativa ai passi di tango! La sua voce così particolare emoziona e interpreta a modo suo “Don’t Cry for me Argentina”, che diventa “Da ora in poi in Argentina”. Il tutto in una scenografia ricca di effetti speciali… Assolutamente da non perdere!

——–

di Andrew Lloyd Webber, Tim Rice
con Malika Ayane, Filippo Strocchi, Enrico Bernardi,Tiziano Edini, Linda Gorini
orchestra dal vivo diretta dal M° Emanuele Friello
scene Teresa Caruso
luci Umile Vainieri
suono Alfonso Barbiero
costumi Cecilia Betona
coreografie Roberto Croce
direzione musicale Emanuele Friello
adattamento italiano e regia Massimo Romeo Piparo

LEAVE A REPLY