“Requiem” di Mozart

Il 30 dicembre, ore 21, al Teatro Giotto, Borgo San Lorenzo (FI)

0
385
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoVenerdì 30 dicembre 2016, alle ore 21, al Teatro Giotto di Borgo San Lorenzo (Corso Matteotti 151), l’Orchestra Camerata de’ Bardi e la Corale Santa Cecilia 1909 si uniranno alle voci soliste di Laura Andreini (soprano), Laura Brioli (alto), Artemy Nagy (tenore), Daniele Cusari (basso), sotto la bacchetta del M° Andrea Sardi per eseguire il Requiem in Re minore K 626 per soli, coro e orchestra di Wolfgang Amadeus Mozart, nel 73° Anniversario di Commemorazione delle vittime del bombardamento del 1943.

Richiesto dal Conte Franz von Walsegg zu Stuppach per celebrare l’anniversario della morte della moglie, il Requiem si è imposto sulla scena mondiale come una delle composizioni mozartiane più eseguite per la sua forza e la sua potenza musicale ed estatica.

Una composizione su testo latino, fatta eseguire dalla moglie di Mozart, Constanze, il 2 gennaio 1793, e poi dal committente il 14 febbraio 1794.

Il Requiem è così articolato: Introitus (cioè introduzione) costituito dall’invocazione all’eterno riposo contenuta nel Requiem aeternam e seguito dall’invocazione al Cristo salvalore nel Kyrie eleison. Segue la sezione della Sequentia composta da alcuni brani. Il primo è il Dies irae, in cui si descrive il cataclisma del giudizio universale e la fine del mondo. Poi, nel Tuba Mirum è cantato come, al suono della tromba, i morti si risveglieranno. Segue l’apparizione di Cristo giudicante nel Rex Tremendae e la rievocazione salvifica del calvario nel brano successivo, il Recordare. L’attuazione del giudizio divino avviene nel Confutatis, nel quale si dipinge il momento in cui i dannati saranno puniti e i beati saranno salvati. Il Lacrimosa è un’addolorata riflessione sul dramma del giudizio finale e un’ulteriore sottolineatura del ruolo centrale di Cristo come figura salvifica, elemento che caratterizza anche la successiva sezione dell’Offertorium costituita dal Domine Jesu Christe, appassionata richiesta di salvezza, e dal seguente Hostias, in cui si invita il peccatore alla preghiera. Segue il Sanctus, evocazione della grandezza di Dio che termina con il canto dell’Osanna, e il Benedictus, ulteriore omaggio alla figura di Cristo, chiuso ancora dall’Osanna. Nell’Agnus Dei il figlio di Dio compare come agnello sacrificale che dona pace e salvezza. Segue poi la sezione finale della Communio, aperta e chiusa dal Lux aeterna in cui si invoca per i beati la luce eterna della salvazione e si canta la gioia dell’assunzione tra i santi.

Un’intensa pagina drammatica lasciata incompiuta dal compositore salisburghese, nel 260esimo anniversario dalla sua nascita, e terminata dall’allievo Franz Xaver Süssmayer sugli appunti lasciati dal maestro Mozart. Una ‘messa da morto’ scelta per tenere viva la memoria delle 101 anime borghigiane scomparse durante il secondo conflitto mondiale, appuntamento finale della giornata istituzionale del Comune di Borgo San Lorenzo per la 73esima commemorazione dal 1943.

Le donazioni per i programmi di sala saranno destinate alla Fondazione Onlus “Il Cuore si scioglie”.

———-

Biglietti: interi I settore 25€, soci Coop 20€; interi II settore 20€, soci Coop 15€

La prevendita dei biglietti inizierà Lunedì 19 dicembre 2016, dalle ore 10-13 alle ore 15.30-19, presso la Biblioteca Comunale di Borgo San Lorenzo.

Per info: associazione.cameratadebardi@gmail.com, 347.5894311 Sabrina, 348.7389532 Roberta.

LEAVE A REPLY