Storie di donne (3° edizione)

Dal 10 gennaio al 12 aprile allo Spazio Teatro 89, Milano

0
265
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoTorna per il terzo anno consecutivo la rassegna di prosa al femminile allo Spazio Teatro 89 di Milano: sul palco dell’auditorium di via Fratelli Zoia 89, dal prossimo 10 gennaio e fino al 12 aprile andranno in scena quattro spettacoli – tre monologhi e un concerto che mescola musica e cabaret – molto diversi tra loro, che hanno per protagoniste le donne. Storie di donne è, per l’appunto, il nome di questa nuova stagione teatrale: donne le cui esistenze vengono analizzate e scandagliate, per lo più, con un registro brillante e ricorrendo all’arma dell’ironia.

Si comincia martedì 10 gennaio (con replica il giorno successivo) con “Adelina-Lucky Love”: l’attrice e regista Isabella Macchi interpreta un’anziana abbandonata improvvisamente dal marito all’età di 84 anni. Ma Adelina, anziché lasciarsi andare allo sconforto o alla rabbia, vive l’abbandono come occasione di crescita individuale, riuscendo a recuperare uno sconosciuto senso di libertà e di autonomia.

Il secondo appuntamento di “Storie di donne”, in programma il 7 e l’8 febbraio, è “Love is in the hair”, ambientato nel salone di un parrucchiere: Laura Pozone presta il volto a cinque personaggi femminili, bloccati da un imprevisto nel negozio per tutta la notte, e dà vita a un’esilarante commedia, offrendo un ritratto ironico delle nostre abitudini e dei nostri pregiudizi.

Martedì 14 e mercoledì 15 marzo lo Spazio Teatro 89 si animerà con il “Concert jouet!”, performance semi-seria per voce e violoncello, che unisce musica, fisicità e comicità in un equilibrio pericolosamente in bilico.

Il tema della precarietà, del resto, è anche al centro del quarto e ultimo spettacolo, in programma martedì 11 e mercoledì 12 aprile: scritto da Alessandra Faiella (pure regista) e Francesca Puglisi, che lo interpreta, “’Cca nisciuno è fisso” è un esilarante monologo che affronta gli aspetti più importanti delle nostre vite (il lavoro, la casa, l’amore) attraverso gli occhi di una giovane attrice di teatro. Quanto dura un amore al giorno d’oggi? Due, tre anni? E un lavoro? Sei, sette mesi? E un telefono cellulare? Sicuramente molto di più. Francesca Puglisi, giovane attrice di formazione accademica dotata di un autentico humor mediterraneo, ci conduce in un viaggio attraverso vicende di ordinaria precarietà. Un percorso esilarante, a tratti malinconico, tra autoironia e satira sociale, nell’incertezza di oggi, dove anziché aggiustare un oggetto si preferisce  sostituirlo con uno nuovo e si finisce per fare la stessa cosa perfino con le persone.

——-

SPAZIO TEATRO 89

Indirizzo: via Fratelli Zoia 89, Milano.

Tel: 0240914901; info@spazioteatro89.org; www.spazioteatro89.org

App GoogleApp Ios

Biglietto: 13 euro intero; 10 euro ridotto (convenzioni, under 25, over 65).

——-

STORIE DI DONNE – IL PROGRAMMA

Martedì 10 gennaio ore 21 – Mercoledì 11 gennaio ore 15.30

ADELINA–LUCKY LOVE

Un progetto di e con Isabella Macchi

Sul tram numero sedici, si avvicina un giovanotto, mi dice: “Lei ha bellissime mani, sono delicate, deve essere bello ricevere carezze da mani così”. L’ho sposato. L’ho tenuto vicino per 63 anni”.

Adelina ha ottantaquattro anni di vita e 63 anni di matrimonio alle spalle, ma oggi ha perso ogni certezza: Antonio, suo marito, se n’è andato. Adelina racconta la sua storia: l’inatteso abbandono e il percorso, tortuoso e buffo, che ne segue. Per lei, il gesto di Antonio diventa un’occasione di crescita individuale e di evoluzione del loro rapporto. Cosa riesce a mettere in discussione di sé una donna abbandonata all’età di 84 anni? Adelina ci racconta quanto le individualità possano essere compromesse dalla vita di coppia e come, nel tempo della separazione, si riesca a guardare alla relazione con occhi diversi. E a vivere in modo differente: “Perché niente cambi – dice Adelina – bisogna cambiare”.

***

Martedì 7 febbraio ore 21 – Mercoledì 8 febbraio ore 15.30

LOVE IS IN THE HAIR

Di e con Laura Pozone

Regia: Laura Pozone e Marta Erica Arosio

Supervisione artistica: Walter Leonardi

Metti un negozio con molta personalità dove da anni si incontrano sempre gli stessi personaggi. Metti cinque donne e un parrucchiere, diversissimi tra loro, che inscenano ognuno la propria commedia. Metti un imprevisto che li blocca nel locale tutta la notte. Si scambieranno confidenze, si toglieranno maschere, si sveleranno le vere personalità. I pregiudizi cadranno come birilli e, forse, cadrà anche qualche extension.

Un monologo brillante, dal ritmo serrato, che scandaglia l’universo femminile.

***

Martedì 14 marzo ore 21 – Mercoledì 15 marzo ore 15.30 e ore 21

CONCERT JOUET!Concerto semi-serio per voce e violoncello

Con Paola Lombardo (voce), Paola Torsi (violoncello) 
Regia: Luisella Tamietto 

L’approssimarsi diventa la regola, l’arrangiarsi l’assoluta normalità, ma d’altronde quando ci si sente pronti per un’esibizione? “Concert jouet!” è un concerto bislacco che unisce musica, fisicità, e comicità in un equilibrio costantemente incerto. Una cantante e una violoncellista coinvolgono il pubblico in una performance squilibrata, dove l’incidente è una risorsa che il duo comico riesce a ottimizzare e valorizzare musicalmente. “Concert jouet!” esordisce nel marzo 2016, ottenendo da subito un notevole successo di pubblico.
La regia di Luisella Tamietto (Cirko Vertigo, Sorelle Suburbe) ha saputo guidare e fondere magistralmente esecuzioni virtuose con gag, lazzi e battute.

***

Martedì 11 aprile ore 21 – Mercoledì 12 aprile ore 15.30

CCA NISCIUNO E’ FISSO – L’ERA DELLA PRECARIETA’

Di Alessandra Faiella e Francesca Puglisi

Con Francesca Puglisi. Regia: Alessandra Faiella

Testo finalista al premio “Anima e corpo del personaggio femminile 2015”

Ccà nisciuno è fisso” è un monologo esilarante sul tema della precarietà. Argomenti principali?  Il lavoro, la casa e l’amore visti attraverso gli occhi di Francesca, giovane attrice di teatro – lavoro precario per eccellenza – che racconta con umorismo partenopeo e autoironia la sua realtà quotidiana. La sua satira sociale,  grazie ad una spassosa autocritica, mira ad un rapporto di grande empatia con il pubblico.

 

LEAVE A REPLY