Cecilia Bartoli, grande successo a Roma con Antonio Pappano

Il concerto si è tenuto il 27 gennaio all'Auditorium Parco della Musica, Roma

0
431
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Riccardo Musacchio & Flavio Ianniello

Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Antonio Pappano, direttore e pianista

Cecilia Bartoli, mezzosoprano

———–

Grande successo per il concerto di Cecilia Bartoli in occasione dei festeggiamenti per il  261° anniversario della nascita di Mozart con Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretti da Antonio Pappano. Il celebre mezzosoprano, accolto da applausi e standing ovation in una Sala Santa Cecilia particolarmente gremita, ha regalato al pubblico l’Alleluja dall’Exultate, jubilate K 165 (158a) come bis al termine del concerto.

———

Cecilia Bartoli festeggia Mozart

Per la prima volta insieme a ROMA CECILIA BARTOLI e ANTONIO PAPPANO per un concerto straordinario in occasione del 261° anniversario della nascita di Mozart

Unica data italiana per una serata straordinaria che ha visto per la prima volta insieme a Roma Cecilia Bartoli e Antonio Pappano con l’Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale  di Santa Cecilia e che è stato occasione per celebrare il 261° anniversario di Wolfgang Amadeus Mozart, venerdì 27 gennaio alle ore 20.30 nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un rapporto speciale quello che lega il celebre mezzosoprano a Santa Cecilia, di cui è Accademico effettivo dal 2006, in cui Sir Antonio Pappano e la celebre star della lirica saranno i protagonisti di un Gala interamente dedicato alla musica del Genio di Salisburgo.

Nel programma la verve effervescente di Cecilia Bartoli ha fatto rivivere il brio delle più belle arie mozartiane. I brani scelti spaziano a tutto tondo nella produzione mozartiana per cui si potranno gustare i brani eseguiti nelle Accademie musicali che Mozart teneva in pubblico e le più belle arie d’opera. Tra queste il mottetto Exultate Jubilate scritto da Mozart a Milano nel 1772 per il celebre castrato Venanzio Rauzzini, adorato perché ‘cantava come un angelo’; l’aria Laudate Dominum dai Vesperae Solennes de confessore per soli, Coro e Orchestra composti a Salisburgo nel 1780 o l’aria Ch’io mi scordi di te, scritta per la Anna Selina Storace, amica di Mozart, una delle cantanti più affascinanti e ricercate nella Vienna di fine Settecento.

Cecilia Bartoli è una delle pochissime cantanti liriche che nel corso della sua brillante carriera è riuscita a coniugare talento e professionalità ad altissimo livello con una popolarità senza confini: dieci milioni di cd e dvd venduti, premi prestigiosi come i sei Gramophone Music Awards, i cinque Grammy Awards, sono solo alcuni dei traguardi raggiunti dalla star romana.

Stagione Sinfonica

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Venerdì 27 gennaio ore 20.30

——-

BUON COMPLEANNO AMADEUS!

Exultate Jubilate K 158

Ave Verum Corpus K 618

Misericordias Domini K 222

Vesperae solennes de Confessore K 339: Laudate Dominum

“Ch’io mi scordi di te” K 505

Sinfonia n. 31 “Paris” K 300a

“Chi sa, chi sa qual sia” K 582

Concerto per Arpa e Flauto K 299: II movimento

La Clemenza di Tito: “Parto, parto” K 621

Sinfonia n.41, K551 Jupiter: IV movimento

 

 

LEAVE A REPLY