Il lavoro di vivere

In scena fino al 15 gennaio 2017 al Teatro Sperimentale di Ancona

0
451
Condividi TeatriOnline sui Social Network

di Hanoch Levin
traduzione dall’ebraico e adattamento Claudia Della Seta e Andrée Ruth Shammah

con Carlo Cecchi, Fulvia Carotenuto, Massimo Loreto

uno spettacolo di Andrée Ruth Shammah

con la collaborazione:
per l’allestimento scenico di Gianmaurizio Fercioni
per le luci di Gigi Saccomandi
per i costumi di Simona Dondoni

musiche di Michele Tadini

Produzione Teatro Franco Parenti / MARCHETEATRO

——–

Il testo di Hanoch Levin, il più importante autore e drammaturgo israeliano, premio Bialik per la letteratura 1994, è portato in scena con consapevolezza e mestiere dalla regista Andrée Ruth Shammah, che ha visto la verità di un testo che porta “a sfiorarsi commedia e tragedia con la tipica ironia della disperazione” e con spiccato gusto ebraico.

Carlo Cecchi interpreta magistralmente il ruolo di Yona, un uomo di mezz’età che si risveglia dal sonno degli anni passati insieme a sua moglie e si riscopre, o per lo meno crede, pieno di vitalità, ansioso di rompere con la quotidianità del focolare domestico: vuole lasciare sua moglie, le sue abitudine assopenti rinnegando tutto ciò che ha vissuto e costruito fino a quella notte.  

Yona e Leviva stanno insieme da trent’anni, abituati dunque a non nascondersi nulla neanche la reciproca decadenza. La forza di questa pièce sta proprio nella vivida rappresentazione di una coppia qualunque che arriva a logorarsi.

Lo spazio scenico dominato da un enorme lettone, e gli spettatori, seduti a semicerchio di fronte a una pedana inclinata verso il basso, sono chiamati a guardare, quasi spiare i due in scena, conoscendo e riconoscendosi in quei litigi.

Il linguaggio di Levin è originale, intriso di comico e tragico. La crudeltà dei dialoghi è bilanciata dalla consapevolezza che tutto fa parte della farsa quotidiana, in cui anche i bisogni interiori più veri si scontrano e si arrendono per pigrizia e convenienza.

Una menzione speciale va a Massimo Loreto nel ruolo Gunkel, l’amico e vicino di casa che spezza il litigio dei due per portare in quel loro microcosmo la testimonianza della miseria e della solitudine umana. L’interpretazione efficace e ficcante dell’attore racchiude in sé tutta l’ironia e la drammaticità che sono il cuore dell’opera così beffarda e intensa.

LEAVE A REPLY