Orgia

Dal 12 al 15 gennaio al Teatro India, Roma

0
249
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Luigi Laselva

Regia e spazio di Licia Lanera

con Licia Lanera e Nina Martorana

regista assistente Danilo Giuva – consulenza artistica Alessandra Di Lernia

luci Vincent Longuemare – costumi Antonio Piccirilli – dipinti Giorgio Calabrese

tecnico di produzione Amedeo Russi – assistente tecnico Cristian Allegrini

Produzione Fibre Parallele

coproduzione Festival delle Colline Torinesi, CO&MA Soc. Coop. Costing & Management

e con il sostegno di L’Arboreto-Teatro Dimora di Mondaino

Si ringrazia Garofano Verde XXII rassegna a cura di Rodolfo di Giammarco

———-

Dal 12 al 15 gennaio al Teatro India torna la carica poetica di Pier Paolo Pasolini con ORGIA restituita sul palcoscenico dal gruppo pugliese Fibre Parallele, nell’originale versione curata da Licia Lanera, il cui primo studio vide la luce proprio all’India, lo scorso anno, nell’ambito della rassegna Garofano Verde di Rodolfo di Giammarco.

Vittima refrattaria al “potere” a cui per questo è negato l’uso della parola, la protagonista di Orgia è chiusa in un mondo a sé, claustrofobico e lontano dal resto delle cose, a farsi scontrare addosso le violenze e le pulsioni libere dai lacci sociali. Una poltrona nera e due microfoni delimitano la scena. Tre differenti pannelli, raffiguranti pitture del seicento, scendono a chiudere tre simboliche stanze della memoria. “Ci sono due mondi – spiega Licia Lanera – uno fatto di paesaggi sconfinati, consolazioni, inconsapevolezza e armonia, antenati: ‘Il mondo era così da almeno dodicimila anni’. E un altro, quello della camera dei due sposi, fatto di violenza e paura, di piacere e rimorsi. L’uomo e la donna riescono veramente a comunicare tra loro solo attraverso il linguaggio del corpo, il più violento. Ne ho fatto un unico ragionamento chirurgico e straziante su come è costretto ad affrontare la propria esistenza chi non riesce in nessun modo ad essere dalla parte del potere.” Fuori dai recinti delle sottomissioni, c’è una figura in sottana e cappuccio che, sola, si disfa il corpo con sadomasochismi che sono “rito della violenza, voluto e desiderato, con cui cercare di sfuggire ai meccanismi della storia”. Così, va in scena un combattimento tra le diverse anime di chi non trova il proprio posto dentro la società, “ragiona e scalcia, piange, ferisce, si nasconde, si offre e alla fine muore. Muore due volte, muore un’infinità di volte. Si ammazza. Poiché solo nella morte si concretizza la volontà di essere liberi. La mia Orgia – continua Licia Lanera – è la tragedia di chi non sa stare al mondo. Negando la sua definizione (non più tre, ma due: uno che è sia Uomo che Donna, più una ragazza), io sono un’unica voce e un unico corpo che racconta l’impossibilità di un essere umano a sottostare a certe leggi sociali, a subire l’inganno della lingua, a imprigionare il corpo in azioni ripetitive, sempre le stesse nel corso della storia. Ho scelto il microfono per risuonare meglio, un cappuccio per trincerarmi, una sottana per ritrovare la mia femminilità, delle Cult ai piedi per cedere alla tentazione della griffe, la musica di Gurdjief per lo strazio e il rap di Eminem per la rivolta”.

La tragedia in sei episodi, pervasa dal sadomasochismo, si trasfigura come un rito che rivela la vera natura delle relazioni sociali, uno strumento per scoprire come la violenza dei rapporti di potere sorregge ogni realtà della società. Un testo che nonostante sia stato scritto nel 1966 conserva una forte attualità trasmettendo una sua universalità nel ragionamento sull’uomo, nel suo strazio più profondo nel non riconoscersi parte di qualcosa. Così, Licia Lanera e Nina Martorana portano in scena un’atmosfera di violenza e paura, di piacere e rimorsi, in cui la camera della coppia diviene lo stesso teatro: con le macchine sceniche, le convenzioni, le luci. E questo luogo tira in ballo lo spettatore, lo interroga e lo rende testimone di un fatto di morte.

Lo spettacolo si inserisce nel percorso Roma per Pasolini, l’omaggio dedicato al “poeta corsaro” nel quarantennale della sua scomparsa. Un viaggio partito il 2 novembre 2015 con la maratona di lettura da Petrolio e che si chiude con Ragazzi di vita diretto da Massimo Popolizio, passando per L’indecenza e la forma di Giuseppe Manfridi e la riproposta di Sono Pasolini di Giovanna Marini, fino a Ma, il “solo” per attrice di Antonio Latella dedicato alla madre di Pasolini.

INFO TEATRO INDIA_ Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma 

Biglietteria Teatro di Roma _ tel. 06.684.000.311/314 _ www.teatrodiroma.net

Orari spettacolo: tutte le sere ore 21 _ domenica ore 18


LEAVE A REPLY