Santa Cecilia, Cecilia Bartoli e Antonio Pappano festeggiano Mozart

Concerto straordinario fuori abbonamento per il 261esimo anniversario della nascita del genio di Salisburgo. Il 27 gennaio in Sala Santa Cecilia a Roma

0
429
Condividi TeatriOnline sui Social Network

È Wolfgang Amadeus Mozart il musicista che ha venduto di più, oltre un milione di cd nel 2016, secondo la classifica stilata dalla rivista americana Billboard e sarà un omaggio alla musica del genio di Salisburgo, nato il 27 gennaio 1756, il concerto evento fuori abbonamento che riunisce per la prima volta insieme Cecilia Bartoli, Antonio Pappano, il Coro e l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia. L’occasione è particolarmente ghiotta e coincide con il 261esimo anniversario della nascita di Mozart, nella serata di venerdì 27 gennaio (alle ore 20.30) in Sala Santa Cecilia, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Eclettico, ma non affatto scontato il programma selezionato per il gala musicale dedicato al genio di Salisburgo che unisce sul palco il talento della star internazionale Cecilia Bartoli, mezzosoprano popolarissimo non solo in Italia, ma anche all’estero che si distingue per briosa verve interpretativa e il virtuosismo non comune e che vanta oltre dieci milioni di cd e dvd venduti oltre a un consistente numero di premi (fra gli altri, sei Gramophone Music Awards e cinque Grammy Awards) e la classe di Sir Antonio Pappano, amatissimo direttore musicale dell’Orchestra ceciliana da oltre dieci anni, che sarà impegnato nella duplice veste di direttore e di pianista.

Il programma di una serata all’insegna della musica e della festa, è scintillante e cristallino intento a mostrare la bellezza pura della musica di Mozart con una scaletta a 360 gradi che si apre con lo splendente mottetto per soprano ed orchestra Exultate Jubilate composto dal musicista di Salisburgo a Milano nel 1772 per il più celebre castrato dell’epoca, Venanzio Rauzzini, ma spazia fra le note di alcune celebri composizioni di musica sacra con il Laudate Dominum dai Vesperae Solennes de confessore, ultimo lavoro chiesastico composto da Mozart all’epoca al servizio dell’Arcivescovo di Salisburgo, che coinvolgerà i soli, il Coro e Orchestra, il mottetto per archi e organo Ave Verum Corpus K 618 (del 1791), lo sfolgorante Misericordias Domini K 222.

Non mancheranno alcune celebri arie, Ch’io mi scordi di te, brillante pezzo composto nel 1786 per Anna Selina Storace, celebrata cantante della Vienna di fine Settecento e amica di Mozart, Chi sa, chi sa qual sia K 582 o Parto, parto tratto da La Clemenza di Tito K 621, ma in una serata celebrativa che spazia un po’ a tutto tondo fra la sterminata produzione di Mozart, saranno proposte anche la Sinfonia n. 31 “Paris” K 300, il II movimento del concerto Concerto per Arpa e Flauto K 299 prima di chiudere con la bellezza del IV movmento della Sinfonia n.41, K551 Jupiter. Biglietti da 50 a 200 Euro, info su www.santacecilia.it, info: tel. 068082058.

LEAVE A REPLY