Al Teatro de LiNUTILE è di scena “La Nasca” dalla Compagnia Ciotta e Charms

0
287
Condividi TeatriOnline sui Social Network
“La Nasca” Compagnia Ciotta e Charms

Dopo l’appuntamento di gennaio, servito ad “accordare lo strumento”, entra nel vivo sabato 18 febbraio la stagione teatrale 2016/2017 del Teatro de LiNUTILE di Padova. Una stagione importante, per questo centro di produzione e laboratorio di teatro contemporaneo, in quanto coincide con i dieci anni dalla sua fondazione ad opera del regista e attore Stefano Eros Macchi e dall’attrice Marta Bettuolo.

Sotto il titolo di “Guardo e Imparo”, fino ad aprile 2017, il teatro di via Agordat ospiterà tre spettacoli serali il sabato sera e tre seminari la domenica, dedicati ad attori professionisti e non, tenuti dai protagonisti che il pubblico ha avuto il piacere di veder salire sul palco la sera precedente.

La stagione del decennale ha voluto, infatti, riunire i due tratti maggiormente caratterizzanti del Teatro de LiNUTILE. Da un lato l’alta qualità degli spettacoli scelti, che quest’anno vedranno coinvolti la Compagnia Ciotta e Charms, Vincenzo Paci e Alberto Giusta. Dall’altro quello di mantenere al centro della propria attività la formazione che, attraverso l’Accademia de LiNUTILE, nel corso degli anni è riuscita a richiamare attorno a sé un numero sempre maggiore tra i giovani e giovanissimi.

Protagonisti dell’appuntamento di sabato 18 febbraio, alle 21.00, saranno Luigi Ciotta e Rossella Charms, della Compagnia Ciotta e Charms, che, per la regia di Eugenio Allegri, porteranno in scena “La Nasca”, pièce “soprannaturale”, liberamente tratta da Il naso di Gogol.

Uno spettacolo grottesco e surreale, in cui due attori dallo spiccato accento siculo faranno continuamente vacillare il piano del razionale

«Il testo è ancora quello con approdi alla fonte originale di Gogol – racconta il regista Eugenio Allegri –  con lo sguardo conficcato dentro la bellissima biografia di Gogol scritta da Nabokov, con una sbirciatina alla versione per ragazzi del grande siciliano Camilleri e con gli interventi che ci ricordano che Luigi e Rossella arrivano dal teatro di strada e quindi senza rinunciare per esempio ad un prologo con cui avvicinare allusivamente l’assurdità dei personaggi del potere in quella Russia di metà ottocento a quelli, molto più ridicoli e ovunque ubicati, del nostro inizio di nuovo millennio»

“La Nasca” Compagnia Ciotta e Charms

Il giorno 25 di marzo seguì a Pietroburgo un fatto stranissimo… Così inizia la storia incredibile del barbiere Ivan Jakovlevic, dell’Assessore Kovalyov e del naso di quest’ultimo. Un narratore, i personaggi e un naso che si aggira autonomamente sul palco, metteranno a nudo la comica e assurda vanità del mondo degli uomini, che con il passare del tempo, a quanto pare, è rimasta la stessa. Lo spettatore rimarrà infatti colpito di fronte all’incredibile affinità tra la fredda Pietroburgo e la Palermo assolata e lenta, con la sua indolenza, la sua vanagloria, l’ostentazione e la tracotanza.

 “La Nasca” di Ciotta e Charms, è uno spettacolo che fa ridere, fa pensare, ma soprattutto fa dubitare gli spettatori della stabilità dei loro connotati.

Il giorno successivo, domenica 19 febbraio, dalle 10.00 alle 19.00, Luigi Ciotta terrà il seminario “Clownerie e i suoi derivati” per tornare a giocare con niente, staccandosi dalla quotidianità per afferrare l’extra-ordinario.

Per informazioni e prenotazioni: info@teatrodelinutile.com – tel. 049/2022907

LEAVE A REPLY