Francesca Dego e Mannheimer Philarmoniker in concerto

Il 27 febbraio, ore 20.30, all'Auditorium di Milano

0
337
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Mannheimer Philarmoniker 

Violino Francesca Dego

Direttore Boian Videnoff

——–

Nata nel 2009 a Mannheim (Germania, Baden-Württemberg) con l’obiettivo di offrire ai migliori talenti una significativa e qualificata opportunità per entrare nel mercato del lavoro, la Mannheimer Philarmoniker è ospite dell’Auditorium di Milano per un concerto straordinario, lunedì 27 febbraio (ore 20.30), insieme alla violinista lombarda Francesca Dego, volto (e violino) “di casa” a laVerdi.

Sul podio, il fondatore dell’orchestra Boian Videnoff, nato nel 1987 in Bulgaria da famiglia di musicisti, e cresciuto musicalmente Italia e Germania.

Francesca Dego eseguirà il Concerto per violino e orchestra in Re maggiore di Ermanno Wolf-Ferrari, scritto nel 1943, in pieno secondo conflitto mondiale; la parte sinfonica della locandina prevede invece Träumerei am Kamin, interludio dall’opera Intermezzo di Richard Strauss (1924), e la Sinfonia n. 4 in Re minore di Robert Schumann (1841), l’ultima pubblicata dal compositore tedesco.

L’evento, organizzato in collaborazione con CIDIM – Comitato Italiano Nazionale Musica, con il supporto di Fineco, si inserisce nel progetto “Circolazione musicale in Italia”, realizzato grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del TurismoDirezione Generale per lo Spettacolo dal vivo.

(Biglietti: euro 36,00/16,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar/dom, ore 10.00/19.00, tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org o www.vivaticket.it).

——–

Programma

Richard Strauss 

Träumerei am Kamin, Interludio Sinfonico dall’opera Intermezzo, Op. 72  

***

Ermanno Wolf-Ferrari

Concerto per Violino in Re maggiore, Op. 26

Fantasia

Romanza

Improvviso 

Rondo Finale

***

Robert Schumann

Sinfonia N. 4 in Re minore, Op. 120 

Ziemlich langsam – Lebhaft 

Romanze 

Scherzo & Trio

Langsam-Lebhaft-Schneler-Presto 

——–

Biografie

Francesca Dego è considerata fra le migliori interpreti italiane di oggi. Artista Deutsche Grammophon dal 2012, il suo debutto discografico con i 24 Capricci di Paganini suonati sul Guarneri del Gesù appartenuto a Ruggiero Ricci ha riscosso unanime consenso di critica e pubblico. Dal 2013 al 2015 si è dedicata all’incisione delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven. Regolarmente ospite delle più prestigiose orchestre internazionali, negli ultimi mesi si è esibita con la Philharmonia Orchestra/Grant Llewellyn alla Royal Festival Hall di Londra, Tokyo Symphony alla Suntory Hall, l’Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo, Grosses Orchestre Graz al Musikverein della città, Orchestra Filarmonica di Oviedo, Kyushu Symphony, Filarmonica Armena, Tarstastan State Symphony Orchestra (Russia), Filarmonica Nazionale Ucraina, Fresno Philharmonic, Reno Chamber Orchestra, Santa Barbara Symphony, Orquesta Sinfonica de Guanajuato (Messico), Filarmonica di Tblisi (Georgia), Northern Czech Philharmonic (Repubblica Ceca), Wuhan Philharmonic (Cina), Thailand Philharmonic, Wyoming Symphony e la Philharmonique du Liban. Tra i prossimi impegni i debutti con la Gürzenich Orchestre Köln/Sir Roger Norrington alla Philharmonie di Colonia, City of Birmingham Symphony Orchestra, Netherlands Symphony in tournée in Olanda, Mannheimer Philharmoniker e Orchestra Filarmonica del Teatro Regio di Torino.

Vincitrice di numerosi concorsi internazionali, nel 2008 è stata la prima violinista italiana ad entrare in finale al Premio Paganini di Genova dal 1961, aggiudicandosi inoltre il premio speciale “Enrico Costa” riservato al più giovane finalista.

Nata a Lecco nel 1989, Francesca debutta da solista a soli 7 anni in California con un concerto di Bach, in Italia a 14 con Beethoven e l’anno dopo esegue la Sinfonia Concertane di Mozart con Shlomo Mintz al Teatro d’Opera di Tel Aviv e il Concerto di Brahms in Sala Verdi a Milano diretta da Gyorgy Gyorivanyi-Rath. Tra le successive collaborazioni si ricordano i Cameristi della Scala, l’Orchestre Philharmonique de Nice, l’Orquesta Sinfonica Portuguesa, la European Union Chamber Orchestra, la Verdi di Milano, la Sinfonica Arturo Toscanini, l’Orchestra Sinfonica del Teatro Colon di Buenos Aires, la Sofia Festival Orchestra, l’Orchestra dell’Arena di Verona, la Sinfonica del Comunale di Bologna, Opera North Symphony Orchestra di Leeds, l’Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari,la Israel Sinfonietta, la Haydn di Trento e Bolzano, l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova e la Sinfonica del Teatro “Verdi” di Trieste a fianco di solisti e direttori del calibro di Salvatore Accardo, Gianluigi Gelmetti, Gabriele Ferro, Bruno Giuranna, Paul Goodwin, Nir Kabaretti, Julian Kovatchev, Joel Levi, Jan Lisiecki, Wayne Marshall, Diego Matheuz, Antonio Meneses, Domenico Nordio, Donato Renzetti, Daniele Rustioni, Zhang Xian, Jader Bignamini.

E’ stata ospite di festival e stagioni concertistiche prestigiose in tutto il mondo tra cui la Wigmore Hall e la Royal Albert Hall di Londra, Oriental Arts Center di Shanghai e NCPA di Pechino, Sala Tchaikovsky a Mosca e Filarmonica di San Pietroburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Auditorium di Milano Fondazione Cariplo a Milano e Auditorium Parco della Musica a Roma, Teatro Sao Carlos a Lisbona, Festival Cervantino in Messico, in Francia al Festival “Les Flâneries Musicales” di Reims e “Generation Virtuoses” di Antibes, in Libano al Festival Al Bustan, in Peru’ per la Sociedad Filarmonica di Lima. Ha partecipato da solista ai Concerti per la Vita e per la Pace a Betlemme e Gerusalemme con l’Orchestra Giovanile Italiana diretta da Nicola Paszkowski, al Concerto per il Giorno della Memoria 2014 al Parco della Musica a Roma, e a gennaio 2015 alla Camera dei deputati, tutti eventi trasmessi dalla RAI in mondovisione. A giugno 2014 è stata invitata ad aprire i Mondiali di Calcio in Brasile con un recital al Teatro Municipal di Rio de Janeiro. La sua registrazione del concerto di Beethoven a 14 anni è stata usata come colonna sonora per il film documentario americano “The Gerson Miracle”, vincitore della Palma d’Oro 2004 al prestigioso Beverly Hills Film Festival. E’ inoltre stata invitata a duettare come guest artist con il celebre tenore Vittorio Grigolo nel suo disco Sony International “Ave Maria” (2013). Diplomata al Conservatorio di Milano sotto la guida di Daniele Gay, si è perfezionata con Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona e all’Accademia Chigiana a Siena e con Itzhak Rashkovsky al Royal College of Music a Londra. Francesca suona un prezioso violino Francesco Ruggeri (Cremona 1697) e il Giuseppe Guarneri del Gesu’ ex-Ricci (Cremona 1734), per gentile concessione della “Florian Leonhard Fine Violins” di Londra. 

——–

Boian Videnoff, fondatore e direttore artistico dei Mannheimer Philharmoniker, è costantemente ospite di importanti orchestre come la Filarmonica della Radio tedesca, la WDR Orchestra della Radio di Colonia, l’Orchestra della Radio della Svizzera italiana, la Biel-Solothurn Symphony Orchestra, la Filarmonica Slovacca e Slovak Radio Symphony Orchestra, il Basilea Sinfonietta, la Filarmonica George Enescu Bucarest, l’Orchestre de Limoges et du Limousin.

Appassionato promotore della musica classica ad un pubblico sempre più vasto, ha ideato con la Mannheimer Philharmoniker un progetto educativo denominato “Junior Philharmoniker”, cui si aggiunge una serie di concerti educativi per i bambini, favorendo la partecipazione alle prove delle famiglie. Per favorire una sempre maggiore divulgazione della musica colta, ha ideato e sviluppato la Home Symphony®, la piattaforma Mannheimer Philharmoniker per le trasmissioni dei concerto dal vivo su internet, che al momento registra più di 10.000 utenti al mese, e la realizzazione dello schermo video al Rosengarten di Mannheim. 

——–

La Mannheimer Philarmoniker ha rapidamente raggiunto l’attenzione internazionale grazie al riconoscimento tanto del pubblico che della critica dell’eccezionale livello delle sue esecuzioni, unito ad una straordinaria gioia del far musica che traspare immediatamente all’ascolto. 

E’ stata fondata nel 2009 da Boian Videnoff con obiettivo di offrire ai migliori talenti una significativa e qualificata opportunità per entrare nel mercato del lavoro. In pochi anni l’orchestra si è esibita nelle più prestigiose sale da concerto in Europa (Philharmonie al Gasteig e la Herkulessaal di Monaco di Baviera, l’Auditorio Nacional di Madrid, la Meistersingerhalle Norimberga e il Liederhalle Stoccarda) e realizzato tournée in Asia. Collabora con solisti di fama internazionale quali, tra gli altri, Mischa Maisky, Johannes Moser, Sergei Nakariakov, Igor Levit, Alena Baeva e Julian Steckel. Nella stagione 2011/12 la Filarmonica di Mannheim ha fatto la sua prima tournée in Cina, articolata in 13 concerti, e una trasmissione in diretta per 30 milioni di spettatori sulla televisione nazionale cinese. Nell’ ottobre 2013 l’orchestra ha tenuto quattro concerti nell’ambito del Festival Internazionale di Musica Eurasia in Russia. Nel novembre 2014 ha realizzato un tour in Spagna con solista Mischa Maisky e nel mese successivo ha debuttato con la IX Sinfonia di Beethoven al Gasteig di Monaco di Baviera. 

LEAVE A REPLY