La leggerezza di Éric Rohmer

Dal 28 febbraio al 17 marzo presso il MIC - Museo Interattivo del Cinema, Milano

0
194
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Dal 28 febbraio al 17 marzo presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema Fondazione Cineteca Italiana presenta LA LEGGEREZZA DI ÉRIC ROHMER, rassegna dedicata a uno dei maggiori esponenti della Nouvelle Vague, un Autore per eccellenza che durante tutta la sua carriera ha realizzato un cinema personale, morale, enigmatico.

Il programma si articola attraverso i tre cicli filmici che scandiscono la sua produzione.

Nel primo ciclo, Sei racconti morali, Rohmer indaga gli stati d’animo dell’essere umano quando si trova di fronte a delle scelte importanti e difficili. Ne fanno parte: La fornaia di Monceau (1962) dove è il caso a muovere le fila del protagonista-narratore, uno studente di legge; La carriera di Suzanne (1963), dove seduzione e menzogne si intrecciano; La collezionista (1966), opera girata con pochissimi mezzi, racconto morale di un mercante d’arte che si troverà di fronte a una “collezionista” molto particolare; quello che è considerato il suo capolavoro per eccellenza, La mia notte con Maud (1969), nominato anche agli Oscar come Miglior sceneggiatura; Il ginocchio di Claire (1970), una delle sue commedie più eleganti; L’Amore il pomeriggio (1972), ironico e spietato affresco del mondo piccolo borghese.

Il secondo, Commedie e proverbi, si colloca negli anni ’80 e comprende sei film che illustrano famosi detti popolari: La moglie dell’aviatore (1981), riflessione sul caso, sulla comunicazione, sugli equivoci; Il bel matrimonio (1982), con le grandiose interpretazioni di Béatrice Romand e Arielle Dombasle; l’Orso d’argento al Festival di Berlino Pauline alla spiaggia (1982), avventura di intrighi e seduzioni; Le notti della luna piena (1984); il Leone d’oro a Venezia nel 1986 Il raggio verde e L’amico della mia amica (1987), storia di una profonda amicizia che non muterà neanche dopo uno scambio di coppia…

Gli anni ’90 sono invece dedicati ai Racconti delle quattro stagioni, di cui fanno parte quattro film che raccontano ciascuno una storia d’amore e d’amicizia ambientata in una diversa stagione dell’anno: Racconto di primavera (1990), opera molto teatrale che indaga l’incertezza dei sentimenti, dove i dialoghi assumono un’importanza centrale; Racconto d’inverno (1991), che racconta come il caso si prenda gioco di noi, tema molto caro a Rohmer, attraverso la storia di Felicie; Un ragazzo…tre ragazze (1996) – che nella versione originale sarebbe il “racconto d’estate” – che segue due settimane estive di un giovane neolaureato in vacanza in Bretagna, che attende l’arrivo della sua fidanzata ma nel frattempo il “caso” (nelle sembianze di due meravigliose ragazze) lo mette alla prova, e infine Racconto d’autunno (1998), dove Rohmer affronta “l’età della maturità” con la storia di Magali che per gioco rischia di trovare il vero amore.

———-

SCHEDE DEI FILM E CALENDARIO

Martedì 28 febbraio

h 15.00 Racconto di primavera
Éric Rohmer, Francia, 1989, 112’. Con Anne Teyssèdre, Hugues Quester.
Quando un’amica viene a passare qualche giorno a casa sua, Natasha tenta di far nascere una relazione fra lei e suo padre, del quale non sopporta l’amante.

h 17.00 La moglie dell’aviatore
Éric Rohmer, Francia, 1981, 104’ con F. Luchini e Marie Rivière.
Innamorato di Anne, François è geloso del suo passato e, in particolare, della relazione che lei aveva avuto con un aviatore.

***

Mercoledì 1 marzo

h 17.00 La fornaia di Monceau

Éric Rohmer, Francia, 1963, b/n, 26’. Con Barbet Schroeder, Fred Junk.
Uno studente entra ogni giorno in una panetteria di Monceau, non perché attirato dalla particolare qualità del pane, ma per tentare di abbordare una ragazza che gli interessa. 

A seguire
La carriera di Suzanne

Éric Rohmer, Francia, 1963, b/n, 52’. Con Catherine Sée, Philippe Beuzen.
Bertrand, timidissimo, e Guillaume, così sicuro di sé. Due giovani studenti, le cui vicissitudini si intrecciano alla presenza più o meno incombente di due figure femminili.

***

Venerdì 3 marzo
h 19.00 La mia notte con Maud

Éric Rohmer, Francia, 1969, b/n, 110’. Con J.-L. Trintignant, F. Fabian.

Come un amore abbandonato forse troppo in fretta può sconvolgere dopo anni tutte le certezze di un uomo.

***

Sabato 4 marzo

h 17.00 Racconto d’inverno

Éric Rohmer, Francia, 1991, 110’. Con Charlotte Véry, Fredric Van Den Driessche.

Per uno stupido disguido Félicie perde il suo Charles di cui è incinta… Lo ritrova per caso cinque anni dopo su un autobus a Parigi.

***

Domenica 5 marzo
h 19.00 Il bel matrimonio

Éric Rohmer, Francia, 1982, 97’. Con Béatrice Romand, André Dussolier.

A Le Mans una ragazza, decisa a trovar marito, cinge d’assedio un avvocato bello, intelligente, ricco che, però, gentilmente la rifiuta.

***

Giovedì 9 marzo
h 17.00 La collezionista
Éric Rohmer, Francia, 1966, 90’. Con Patrick Bauchau, Haydee Politoff.
La giovane e bella Haydée turba la tranquillità delle vacanze di Adrien e Daniel, che condividono con lei una splendida casa sul Mediterraneo.

***

Venerdì 10 marzo
h 15.00 Pauline alla spiaggia

Éric Rohmer, Francia, 1982, 94’. Con A. Langlet, A. Dombasle.
L’adolescente Pauline, sua zia e un gruppo di amici danno vita a un girotondo amoroso fatto di incontri, chiacchiere e tentativi di seduzione.

h 17.00 Le notti della luna piena
Éric Rohmer, Francia, 1984, 102’. Con Fabrice Luchini, Pascale Ogier.

Louise, giovane arredatrice d’interni, progetta di dividersi fra due case: un compromesso che riesce a far accettare anche al fidanzato Rémi, ma che non eviterà lo sfaldamento del loro rapporto. 

***

Sabato 11 marzo
h 17.00 Un ragazzo, tre ragazze

Éric Rohmer, Francia, 1996, 107’. Con M. Poupaud, A. Langlet.

Un giovane trascorre le vacanze estive sulle spiagge della Bretagna. In attesa che la fidanzata lo raggiunga, conosce altre due ragazze e scopre i dubbi e le insidie dell’amore.

***

Domenica 12 marzo
h 19.00 Il raggio verde

Éric Rohmer, Francia, 1986, 98’. Con Marie Rivière, V. Gauthier.

Delphine non sa decidere dove passerà le sue vacanze, un ragazzo la convince a passare qualche giorno in un villaggio di pescatori: qui assisteranno al fenomeno rivelatore del “raggio verde”. 

***

Martedì 14 marzo
h 15.00 Racconto d’autunno

Éric Rohmer, Francia, 1998, 110’. Con M. Rivière, B. Romand.

Magali, viticoltrice di 45 anni, vive sola in campagna. Crede ancora all’amore ma non è più giovanissima. Sarà la sua migliore amica a farle incontrare quello che potrebbe diventare il nuovo uomo della sua vita.

h 17.00 L’amico della mia amica

Éric Rohmer, Francia, 1987, 102’. Con E. Chaulet, S. Renoir.

Gli incroci amorosi di Blanche e Lèa, che finiranno per scambiarsi i fidanzati ma continueranno a essere amiche.

***

Giovedì 16 marzo
h 17.00 Il ginocchio di Claire
Éric Rohmer, Francia, 1970, 105’. Con Jean-Claude Brialy, Fabrice Luchini,
D’estate sulle rive del lago di Annecy Jerôme, un giovane diplomatico, fa innamorare la liceale Laura, ma è attratto anche da Claire, interessata però al coetaneo Gilles.

***

Venerdì 17 marzo
h 15.00 L’amore il pomeriggio
Éric Rohmer, Francia, 1972, 105’. Con Renaud Verley, Zou Zou,
Felicemente sposato e in attesa del secondo figlio, Frédéric incontra Chloe, una vecchia compagna di scuola, che rappresenterà per lui il fascino della trasgressione.

——–

INFO

info@cinetecamilano.it

www.cinetecamilano.it

T 02 87242114

Cineteca Milano @cinetecamilano

——–

MODALITÀ D’INGRESSO ALLE PROIEZIONI

Biglietto d’ingresso intero: € 5,50

Biglietto ridotto: € 4,00

Biglietto bambino + adulto: € 6,00

LEAVE A REPLY