Pitecus, dopo vent’anni all’Astra

Rezza riparte dalla disgregazione dell'Io

0
295
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Pitecus torna al Teatro Astra di Torino nell’ambito di una mini rassegna dedicata all’attore e performer Antonio Rezza, legato da parecchi anni alla Fondazione TPE. Pitecus è uno spettacolo che ha circa vent’anni, ma non li dimostra per la sua verve dissacrante e le tematiche contemporanee, e porta in scena conflitti e tensioni sociali che ancora oggi accendono gli animi creando dibattito. Omosessuaità, barriere architettoniche, la solitudine del cittadino globale, ricerca dell’identità. Rezza anticipa i tempi, crea un format veloce ed esilarante, fatto di sketch scattanti e divertenti, basati su di uno scambio dialogico fra personaggi creati con il semplice uso della propria faccia infilata in feritoie tagliate nei tessuti stesi sul fondale ad opera della geniale Flavia Mastrella, sua compagna artistica e sentimentale. Drammaturgia contemporanea sospesa tra non-sense ed analisi sociale, sarcasmo e comicità devastanti, sia per la presenza scenica immensa di Rezza che per la sua capacita’ di mantenere costante un dialogo rovente e cuastico con il pubblico, fatto di provocazione e sfida, di scoramento e guida. La coppia Rezzamastrella si riconferma fra le più originali nel panorama performativo italiano con l’intelligenza pungente di un messaggio che mina le basi di una narrazione scenica stantia, all’attacco del perbenismo e del bien fait, verso un risveglio di consapevolezza del pubblico che passa tra le docce fredde di un sarcasmo scenico tagliente e diretto.

——–

di Flavia Mastrella, Antonio Rezza / con Antonio Rezza
quadri di scena Flavia Mastrella / (mai) scritto da Antonio Rezza / assistente alla creazione Massimo Camilli
disegno luci Mattia Vigo / organizzazione generale Stefania Saltarelli
macchinista Andrea Zanarini / sartoria Nennella
produzione REZZAMASTRELLA – TSI La Fabbrica dell’Attore Teatro Vascello

LEAVE A REPLY