Les Pêcheurs de perles

Dal 10 al 18 marzo al Teatro Verdi, Trieste

0
82
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Fabio Parenzan

I pescatori di perle” ritorna al Teatro Verdi, per la direzione del Maestro Oleg Caetani e la regia di Fabio Sparvoli ripresa da Carlo Antonio De Lucia. 

In scena da venerdì 10 marzo a sabato 18 marzo, “Les Pêcheurs de perles” si propone al pubblico triestino con un cast di assoluto livello. 

L’allestimento, curato dalla Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e proposto con grandissimo successo a Dubai a settembre 2016 in occasione dell’inaugurazione della Dubai Opera, porta con sé tutto il fascino di un’opera dal sapore esotico e di raffinata eleganza e coloritura melodica. 

La storia, da libretto di Eugene Cormon e Michel Carré, non è soltanto quella di un triangolo amoroso (tra i personaggi di Nadir, Zurga e Leila) e di una donna contesa da due pretendenti. 

Quella de “I pescatori di perle” è anche una storia di amicizia maschile, un universo di valori in cui ciò che conta è la lealtà in grado di spingersi a estreme conseguenze.

I pescatori di perle” è un’opera giovanile del compositore francese – appena ventiquatrenne – che non ebbe subito un grande successo presso il pubblico parigino, per il quale era stata commissionata dal direttore del Théâtre Lyrique, ma che trovò successiva fortuna in patria decenni dopo, grazie a un suo rilancio da parte dei tanti teatri italiani ed europei che la rappresentarono con successo.

A curare la ripresa della regia di Fabio Sparvoli, c’è Carlo Antonio de Lucia, regista che da poco il pubblico del Verdi ha potuto apprezzare nel dittico Gianni Schicchi e Cavalleria Rusticana, nonché Direttore Artistico della Stagione Lirica Tradizionale di Lecce. Le scene portano la firma di Giorgio Ricchelli, mentre i costumi sono di Alessandra Torella

A dirigere gli artisti impegnati sul palco, il Coro, preparato dal Maestro Francesca Tosi, e l’Orchestra del Verdi ci sarà l’elegante bacchetta del Maestro Oleg Caetani, direttore di calibro internazionale molto amato dal pubblico triestino: il Maestro Caetani torna a Trieste dopo lo splendido concerto di apertura della stagione sinfonica del 2015 dedicato a Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Entrambi i cast impegnati sul palcoscenico si annunciano di ottimo livello. 

Nel ruolo di Nadir ci sarà il tenore messicano Jésus Léon  un protagonista affermato della scena internazionale: formatosi alla UCLA Opera Studio grazie a una borsa di studio, Leon ha debuttato nel 2009 alla Royal Albert Hall con la Royal Philharmonic Orchestra per poi continuare la sua carriera nei principali teatri d’opera del mondo. Nei panni di Zurga, il baritono Domenico Balzani che recentemente si è esibito a Trieste nel Barbiere di Siviglia; mentre nel principale ruolo femminile, Leila, ci sarà Mihaela Marcu, già Rosalinde nel Pipistrello rappresentato al Verdi a giugno 2016. Per il secondo cast, nei principali ruoli maschili ci saranno il tenore Merto Sungu, che il pubblico ricorda come Tamino nel “Flauto magico” di questo gennaio, e Stefano Meo, apprezzato nel secondo cast del “Rigoletto” che ha inaugurato questa stagione lirica. Il soprano coreano Hye myung Kang sarà Leila, mentre in tutte le rappresentazioni Gianluca Breda interpreterà Nourabad.

Infine, una bella novità per il pubblico del Verdi: a partire da venerdì 10 marzo (e fino alla fine della Stagione), il Teatro applicherà su tutte le rappresentazioni infrasettimanali – dal martedì al venerdì – uno sconto del 50% sui biglietti della categoria “Ingressi” di gallerie e loggione. I biglietti “last minute” sono acquistabili in biglietteria un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

———-

Rappresentazioni:

Ven 10.03.2017 ore 20:30 TURNO A

Sab 11.03.2017 ore 20:30 TURNO B

Dom 12.03.2017 ore 16:00 TURNO D

Mar 14.03.2017 ore 20:30 TURNO C

Gio 16.03.2017 ore 20:30 TURNO E

Sab 18.03.2017 ore 16:00 TURNO S

LEAVE A REPLY