Live Show in Vincoli: “Cyrano” da Edmond Rostand

Andato in scena a San Pietro in Vincoli Zona Teatro (TO)

0
186
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Terzo appuntamento di Live Show in Vincoli, rassegna teatrale in 5 appuntamenti (4 gli spettacoli, uno dei quali con doppia replica) da Marzo a Maggio. È grazie alla collaborazione con Il Mutamento Zona Castalia, compagnia residente in San Pietro in Vincoli Zona Teatro, che nasce il Progetto MuMu insieme alla compagnia under35 Mulino ad Arte, già attiva sul territorio nazionale e in particolar modo piemontese: dal 2013 dirige le stagioni teatrali professionali del Teatro Pertini di Orbassano e del Teatro Carena di Cumiana con il sostegno dei relativi Comuni e della Fondazione Piemonte dal Vivo/Cortocircuito Piemonte. Dopo Live Show Orbassano e Live Show Cumiana, il 2017 ne vede la nascita che contribuirà ad arricchire l’offerta culturale di una cornice suggestiva quale è San Pietro in Vincoli. Spazio inquietante per alcuni versi, sede di un antico cimitero ha però caratteristiche interessanti. Si trova nella zona misteriosa e nera di Torino per via di antiche storie di fantasmi e magie e per questo inserito nel Tour della Torino Magica, a due passi dal Baloon (uno dei più grandi mercati d’Europa) e per questo multietnico e ricco di fermento culturale, è anche a poche centinaia di metri dalla nuova zona di passaggio pedonale ricco di ristorantini e trattorie che non ha nulla da invidiare a Montmartre . Siamo nella seconda metà di Aprile e la primavera concede serate tiepide e profumate. Un po’ meno le strade. Lo spettacolo che stiamo per vedere era stato già recensito almeno un paio di anni fa, sempre in modo positivo. La struttura è rimasta la stessa ed anche i testi non sono variati, si tratta di “Una fedele riduzione in versi della famosa pièce di Edmond Rostand che mette al centro il dramma della disparità tra l’essere e l’apparire e il rapporto con la parola poetica”. Regista ed attore principale è sempre Pierpaolo Congiu, chi cambia sono gli altri : Lia Tomatis e Daniele Ronco, rispettivamente la bella Rossana ed il prode Cristiano. Daniele interpreta anche un altro paio di personaggi : il Cantante d’opera che verrà infilzato dal nasuto spadaccino ed un amico di Cyrano, e ad entrambi dà spessore e credibilità, mettendo in mostra caratteristiche comiche ed attoriali davvero notevoli. Lia è attrice conosciuta a Torino, drammaturga e co-fondatrice di Onda Larsen (bel gruppo teatrale) dimostra sempre una grande capacità di autoironia, anche quando è una convincente innamorata che piange il suo bel Cristiano morto, intuiamo che c’è dell’altro. E’ un classico esempio di attrice bella e brava e intelligente. Categoria di cui, nonostante i colleghi maschi a volte neghino l’esistenza, siamo fortunatamente ricchi. Pierpaolo Congiu è rimasto cardine centrale di questa storia, sicuro e coerente con il suo personaggio, a volte sembra patire un po’ la presenza scenica dei compagni, che non sono più spalla ma a tendono ad essere primi attori. Le scelte registiche sono interessanti ed essenziali, a cominciare da questa grossa ruota posizionata nel centro della scena, che ha funzioni spaziali e temporali a seconda del momento della storia, di chi viene trasportato e da chi trasporta. Costumi e ritmo perfettamente intonati con il testo e la potenza di questa bellissima storia d’amore, a mio avviso perfino superiore al famoso Romeo e Giulietta. E non è facile considerato che tutto è recitato in rima di alta qualità, spesso in coppia o addirittura in terzetto. Che gli attori si siano divertiti lo dimostrava l’allegria che pervadeva il pubblico, che ha occupato tutti gli spazi disponibili ed ha costretto gli organizzatori ad inventarne di nuovi con l’ausilio di cuscini da usare a mò di sedia. Abbiamo molte volte applaudito a scena aperta ed abbiamo anche apprezzato la sistemazione originale delle sedie e panche rispetto al palco. Praticamente a contatto fisico con gli attori, e potevamo assistere in modo quasi circolare. La storia è nota: “Cyrano ama, non ricambiato, la bella cugina Rossana, a sua volta innamorata del giovane e bel Cristiano il quale, tuttavia, non sa parlare d’amore. Cyrano, per amore di entrambi, presta al giovane penna e capacità oratoria e i tre saranno legati dal segreto delle celate identità fino al dramma finale.” Come di consueto la votazione finale, con farfallina di pasta da mettere nella apposita scatola, per esprimere il gradimento dello spettacolo. L’impressione è che la scatola dei no sia rimasta pressoché vuota.

——–

CYRANO da Edmond Rostand
con Pierpaolo Congiu, Lia Tomatis, Daniele Ronco
regia Pierpaolo Congiu

LEAVE A REPLY