Santa Cecilia, Honeck e Rubino con Haydn, MacMillan e Beethoven

La Settima di Beethoven e la star italiana delle percussioni per MacMillan. Il 6, 7 e 8 aprile a Roma

0
263
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Uno dei migliori e richiesti direttori della scena internazionale e una giovane star delle percussioni sullo stesso palco: saranno il direttore d’orchestra Manfred Honeck e il giovane percussionista italiano Simone Rubino i protagonisti del nuovo inedito concerto della stagione sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (giovedì 6 aprile ore 19.30 – venerdì 7 ore 20.30 – sabato 8 ore 18) di Roma.

Un concerto da non perdere costruito intorno ai concetti di ritmo ed energia e con un programma che spazia da Haydn a Beethoven a MacMillan, ma all’insegna dello spettacolo.

Rubino, una passione incontrollabile per le percussioni fin dalla tenera età, si è specializzato a Monaco dove ha già conquistato il prestigioso primo premio ARD di Monaco (unico italiano nel primato), ha suonato anche al Festiva di Lucerna con i Wiener ed è considerato l’unica vera star italiana nel settore delle percussioni.

Per il suo debutto con l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, il percussionista proporrà Veni, Veni, Emmanuel, travolgente concerto del 1992 per concerto e percussioni del compositore scozzese James MacMillan, inno latino che nasce sulla ripetizione di un unico frammento di canto gregoriano che torna per tutto il concerto. E in 25 minuti Rubino metterà in bella mostra le sue funamboliche caratteristiche di solista dividendosi fra percussioni di ogni sorta, dal vibrafono alle campane tubolari, dal gong alla marimba in un’esecuzione crossover in grado di attirare pubblico e appassionati di ogni età.

Prima della performance tra tecnica e spettacolo di Rubino, il pubblico romano sarà deliziato dalla Sinfonia n. 93 di Haydn, la prima delle dodici Sinfonie londinesi, ma se si parla di energia, non possiamo non pensare a Beethoven.

Il pezzo forte del programma resta la meravigliosa Settima Sinfonia di Beethoven, già ribattezzata da Richard Wagner, e non a caso “apoteosi della danza” che sarà affidata alla solida direzione di Honeck, direttore d’orchestra austriaco, classe 1958, nato a Nenzig, ospite abituale di Santa Cecilia (ma solo dal 2013), attualmente direttore musicale della Pittsburgh Symphony Orchestra e profondo conoscitore del repertorio musicale mitteleuropeo.

Il concerto di venerdì 7 aprile sarà trasmesso in diretta radiofonica su RAI Radio 3 e successivamente differita il 1 giugno alle ore 21,15 su RAI 5. Biglietti da 19 a 52 Euro, info su www.santacecilia.it.

LEAVE A REPLY