Selvaggio e divertente, è il Mogwli del Vascello

Con “Il libro della giungla” si conclude la stagione della Compagnia dei Giovani del famoso teatro romano

1238
Foto di Fabio Gatto
Foto di Fabio Gatto

Chiusura “in bellezza” per la Compagnia dei Giovani del Teatro Vascello di Roma. La stagione “dei piccoli”, infatti, si è conclusa con uno spettacolo ben costruito, recitato alla perfezione, modulato su una drammaturgia brillante e originale. “Il libro della giungla”, capolavoro di fine Ottocento del Premio Nobel per la letteratura Rudyard Kipling, è l’ultima fatica dell’ensemble. La rappresentazione ha visto un gruppo di attori davvero versatili (Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari, Chiara Mancuso, Valerio Russo e Pierfrancesco Scannavino), che anche stavolta hanno dato prova di una maturità pienamente raggiunta.

La storia del “cucciolo d’uomo” Mogwli è fin troppo conosciuta, e ci parla di valori come l’amicizia e il rispetto della natura che il testo evidenzia senza didascalismi. La drammaturgia s’intreccia con gag e trovate rubate all’immaginario televisivo (esilarante è un’interrogazione fatta da un’improbabile Alberto Angela), con canzoni dal vivo e danze che vanno dallo swing a Bollywood (come noto, la vicenda si svolge in India), con giochi da teatro delle ombre e proiezioni su schermo che rendono lo spettacolo movimentato e pieno di divertenti sorprese.

Tutti i personaggi sono magistralmente delineati (l’orso Baloo, la pantera Bagheera, il lupo branco Akela, il serpente Kaa, la tigre Shere Khan), il risultato è un lavoro d’insieme che mostra l’affiatamento della compagnia e la capacità degli attori di muoversi su registri diversi. Una citazione, in particolare, va fatta per la ricchezza dei costumi e per le bellissime maschere fatte a mano di Clelia Catalano, pittrice e illustratrice di sicuro talento. Corredano lo spettacolo le musiche di Claudio Corona Belgrave e le videoproiezioni di Paride Donatelli.