Totò è risorto

Il 30 maggio, ore 15.30, all’Anfiteatro Martesana, Milano

0
253
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Con Massimo de Vita
Ingresso libero

———

L’EVENTO

Festeggiamo il bellissimo regalo che il Piccolo Teatro di Milano, in occasione del suo 70° fa a zona 2, via Padova e dintorni, e a tutta la città: l’Arlecchino servitore di due padroni, spettacolo-manifesto dell’istituzione teatrale milanese che andrà in scena all’Anfiteatro del Parco Martesana martedì 30 maggio alle ore 16.

Sarà preceduto alle 15,30 dalla messa in scena di Totò è risorto di e con Massimo De Vita del Teatro Officina, storica istituzione culturale di zona 2, i cui spettacoli su via Padova e poi con gli immigrati stranieri sono stati ospitati dal Piccolo Teatro, suggellando una dialettica opportuna fra luoghi del centro città e luoghi della vita delle persone. Qui la dialettica trova un’ulteriore e curiosa declinazione, in un gioco di maschere: Arlecchino, la grande maschera di tutti i tempi e Totò, la maschera popolare del nostro ‘900.

L’Arlecchino sulla Martesana si inserisce nella attenzione che il Sindaco e la Giunta di Milano, in dialogo con enti e associazioni territoriali, intendono riservare alla rigenerazione culturale e urbanistica di quelle che impropriamente continuano a essere definite periferie.

In una prospettiva policentrica, il nostro quartiere dà autonomamente molti segnali di vitalità, animato dalle iniziative di tante associazioni storiche e di nuova fondazione.

Quartiere di antica e recente immigrazione, accoglie anche molti di quei 50 mila giovani provenienti da ogni luogo d’Italia e d’Europa che nell’ultimo anno sono arrivati a Milano per vivere, studiare e lavorare.

Una straordinaria riserva di energie e di innovazione che si prepara a riservarci molte sorprese.

———

TOTO’ E MASSIMO DE VITA

Principe della risata, come era stato soprannominato, Antonio De Curtis, abbreviazione di un lunghissimo nome nobiliare, semplicemente Totò per chi lo ha amato e apprezzato, è un simbolo dello spettacolo comico italiano di tutti i tempi, uno dei maggiori interpreti di teatro e cinema del nostro Paese oltre che poeta, drammaturgo, paroliere, cantante. Insomma un grande. Anticonformista come è sempre stato, la sua morte non è sfuggita a questo suo essere contro le regole. Convinto di non essere stato all’altezza delle infinite possibilità offerte dal palcoscenico e di avere fatto poco in vita, chiese di avere un funerale semplice. E invece, ben tre funerali gli furono celebrati: il primo a Roma, nel quale ricevette l’omaggio delle maggiori personalità dello spettacolo e di oltre duemila persone, il secondo a Napoli: la città sospese ogni attività, il traffico si fermò in segno di rispetto e di dolore. Il terzo, infine, nel suo quartiere, il Rione Sanità, con la bara vuota.
Il Teatro Officina, nella persona del suo direttore artistico, Massimo de Vita, rende omaggio con testi dello stesso Totò, al quale la sua carriera artistica è legata sin dagli anni di studio alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Quale modo migliore di commemorarlo che con i suoi scritti e con qualche sana, intelligentissima risata?

Non è una cosa facile fare il comico, è la cosa più difficile che esista. Molta gente sottovaluta il film comico, ma è più difficile far ridere che far piangere. A. de Curtis

———

Ingresso libero

Per info www.teatroofficina.it | Tel. 02.2553200

———–

Martedì 30 maggio 2017 ore 15.30

All’anfiteatro Martesana a Milano – Largo Parco Martiri della Libertà Iracheni

 

LEAVE A REPLY