Festival estivo dei Giardini dell’Accademia Filarmonica Romana, il Maghreb e l’India

Il 5 luglio alla Sala Casella, Roma

0
102
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Mercoledì 5 luglio ai Giardini della Filarmonica, per Desideria il festival estivo della Filarmonica Romana, sarà una giornata dedicata alle millenarie tradizioni del Maghreb e dell’India, ai loro antichi strumenti e alle loro musiche. Ma anche un incontro fra queste culture e la nostra, come dimostra il primo appuntamento di questa giornata (Sala Casella ore 20), dal titolo Liu’ud, in cui si trovano a dialogare due strumenti ‘cugini’: l’ud – uno tra i più affascinanti strumenti della musica araba e persiana, suonato dal cantante tunisino e musicista dell’Orchestra di Piazza Vittorio Ziad Trabelsi – e il liuto, simbolo della cultura rinascimentale, intepretato da Francesco Tomasi. A questi due strumenti si affiancano il colascione, strumento popolare a corde napoletano molto usato nei secoli XV-XVII (ne sarà interprete Fabrizio Cardosa anche viola da gamba), e altri strumenti a percussione del mondo arabo suonati da Simone Pulvano. Attraverso le melodie e le sonorità di questi strumenti, si racconta dunque l’incontro di entità diverse che superano la loro provenienza etno-musicale e si riconoscono, a confronto con le altre, nella loro sonorità e nelle possibilità di crearsi e reinventarsi. Un’idea che rappresenta il mood di Liu’ud, un monito, se vogliamo, in un’epoca in cui si lavora per il dialogo nella diversità, costruendo ponti (ma rimanendo spesso impreparati a questa presunta novità), e dimenticando che tutto questo esisteva già da tempo e che esiste un canale che da sempre ha messo in comunicazione i popoli: la musica.

Dal Maghreb si passa all’India, con il secondo appuntamento (Sala Casella ore 21.45) in collaborazione con FIND – Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi. Dhyana, il cui termine proviene dalla radice dhi (mente) e yana (movimento), è una sofisticata tecnica meditativa che richiede una profonda concentrazione mentale. Dhyana è l’aspetto vitale delle arti performative indiane. Durante i lunghi anni di apprendimento, pratica e performance, gli artisti sono tenuti a sviluppare la facoltà di una profonda concentrazione mentale, nonché una propensione spirituale verso la Dea Saraswati, patrona della musica e delle arti, e nei confronti dei propri guru e la loro fonte d’ispirazione. Sia il Maestro Krishna Mohan Bhatt, che Sougata Roy Chowdhury sono stati ispirati e influenzati dalla grande musica e conoscenza del grande Maestro di sarod Ustad Ali Akbar Khan, cui è dedicato il concerto per l’importante contributo che la sua musica ha lasciato a generazioni di musicisti indiani. Il concerto è diviso in tre parti. Inizialmente, Krishna Mohan Bhatt e Sougata Roy Chowdhury si esibiranno in brevi interpretazioni individuali. Il concerto si concluderà con un Raga di Ustad Ali Akbar Khan al quale prenderà parte anche Nihar Mehta alle tabla.

———

Tutto il programma sul sito www.filarmonicaromana.org

Info: 06-3201752, promozione@filarmonicaromana.org

Biglietti: 10 euro concerto delle 20 (Maghreb) 15 euro concerto delle 21.45 (India). Biglietto cumulativo dei due concerti 17 euro.

———

Mercoledì 5 luglio MAGHREB / INDIA

SALA CASELLA ore 20

LIU’UD

Ziad Trabelsi ‘ud orientale, ‘ud andaluso

Francesco Tomasi liuto, tiorba, chitarra medievale

Fabrizio Cardosa colascione, viola da gamba

Simone Pulvano percussioni

Musiche barocche e della tradizione araba

in collaborazione con Fondazione Fabbrica Europa

———

SALA CASELLA ore 21.45

DHYANA

con

KRISHNA MOHAN BHATT sitar

Suogata Roy Chowdhury sarod

Nihar Mehta tabla

Musica classica indiana

Promosso da FIND – Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi con Accademia Filarmonica Romana

LEAVE A REPLY