Teatro Vascello: ecco i primi appuntamenti della stagione!

0
87
Condividi TeatriOnline sui Social Network

8 settembre 2017 h 21.00

LA FISARMONICA VERDE

di e con Andrea Satta 
e con Ulderico Pesce 
al pianoforte Angelo Pelini 
regia di Ulderico Pesce 
in collaborazione con il Circolo Gianni Bosio
Una produzione Centro mediterraneo delle arti Sardegna Teatro

La fisarmonica verde è il racconto di Gavino Esse, un reduce del campo di concentramento tedesco di Lengenfeld, la cui storia è narrata attraverso gli occhi del figlio Andrea. Dopo la morte del padre, è lui a ricostruire gli eventi della sua vita, a partire da alcuni oggetti ritrovati: un cappottone, una fisarmonica verde e un documento, firmato dal padre e da altri internati politici. È la denuncia di una vera e propria strage commessa da Joseph Hartmann quando, il 14 aprile 1945, chiuse in una baracca di legno un centinaio di prigionieri per dargli fuoco, sparando a quanti tentarono di scappare dalle fiamme.
Dal documento inizia il viaggio di Andrea, che diventerà il viaggio verso le atrocità di questa pagina della nostra storia.

 «Questa è una storia vera, la storia di un uomo normale, mica un eroe.
Uno che partì in guerra perché si doveva partire e che tornò anche se era difficile tornare e, tra andare e svenire, ingoiò momenti di tragedia assoluta e sputò straordinario coraggio. Era mio padre.
Per tutta la vita fu professore di francese nelle scuole serali e poi nelle scuole medie. Amava i suoi ragazzi e anche me, o forse me anche di più. Era un uomo arcaico. Un grande narratore di silenzi. Andavano in scena davanti alla stufa foderata di amianto sulla Casilina i suoi silenzi e, nelle pause, i suoi racconti da fuoco si facevano fumo e si perdevano nel cielo di Roma. L’odore del mirto e del rosmarino, il codice barbaricino e l’onore difeso, le parole ascoltate da sua nonna, Minnanna, in Gallura davanti al granito del camino sono state l’aroma della mia vita di bambino in quella casa al sesto piano sulla ferrovia. Gavino Esse, mio padre, si salvò dal un campo di concentramento nazista di Lengenfeld e dopo mille torture che pesava solo trentanove chili, un treno lo riportò da Dresda in Italia a cavalcioni dei respingenti. Con lui un cappottone russo e una fisarmonica verde smeraldo che in qualche modo gli restituì la vita. Così, dopo la sua morte, ho messo la mia bicicletta sulla nave e ho fatto a ritroso il viaggio che mio padre orfano fece a diciassette anni per il Continente, in cerca della sua Sardegna e dei suoi luoghi, e a Natale dello scorso anno, con mio figlio Lao, un ragazzino di dodici anni, siamo andati a vedere cosa fosse rimasto ancora del campo di concentramento in Germania. Inseguito dai fantasmi, tra camposanti e sabbie deserte, ioni, polveri di ossa, fiumi asciutti e quel che resta, mi sono fatto tre settimane di solitudine, recuperando parole da non dimenticare, immagini da non tradire e raccontare. Solo che una sera scoprii una strana lettera, in cui mio padre denunciava, primo firmatario, Joseph Hartman, il furher del suo Campo di Concentramento. E questo è un gesto eccezionale. Era indirizzata al Comando Americano di Dresda. Veramente un’avventura incredibile… quella di uomo normale.»
(Andrea Satta)

15-16-17 settembre (ven-sab h 21,00 – dom h 18,00) | DANZA

Corpus2.0
Corpi adattivi | musica – danza – scena interattiva

MICHELANGELO LUPONE musica e disegno dello spazio sonoro
RICKY BONAVITA coreografia e regia
LICIA GALIZIA scenografia interattiva

Compagnia ExcursusEnrica FeliciFrancesca SchipaniEmiliano PerazziniYari MolinariValerio De Vita danza
Danila Blasi disegno luci
Daniele Amenta Yari Molinari costumi
Valerio De Vita assistente coreografia
Silvia Lanzalone sistemi interattivi
Michele Papa assistente musicale

Laura Bianchini Theodor Rawyler coordinamento artistico

Realizzazione Centro Ricerche Musicali  | Produzione Compagnia Excursus
in collaborazione con PAC, nell’ambito dell’Estate Romana e Lazio Estate

Corpus 2.0 (prima assoluta) è una libera indagine sul corpo come mezzo espressivo, decontestualizzato da una specifica narrazione, e inserito in un contesto intermediale, ma sempre dispensatore di moti interiori, di azioni e reazioni, creatore di suggestioni fisiche come vuole l’indirizzo stilistico di Bonavita e di Lupone.
Il processo creativo in simbiosi tra la coreografia musica e tecnologie elettroniche consente un’indagine  sull’interazione fra la tridimensionalità del corpo fisico iscritto nel continuum spaziotemporale della scena dinamica disegnata dall’artista Licia Galizia e le suggestioni sonore della musica, immateriali per loro natura, enfatizzandone le possibilità espressive in un contesto astratto, e proprio per questo surreale e onirico.

19 settembre 2017 h 21.00 | TEATRO E MUSICA

IL PERSECUTORE
di  Julio Cortázar

con Massimo Popolizio Javier Girotto
cura registica, adattamento e riduzione Teresa Pedroni
Aiuto regia Elena Stabile 
Assistente alla regia Pamela Parafioriti 
Assistente volontario Francesco Lonano  
Fonica Fabio Rivelli 
Light Designer Stefano Greco

Compagnia “Diritto & Rovescio”
Organizzazione generale Fabrizia Falzetti

Una serata che si prefigge di offrire la magia dell’incontro tra la letteratura e la musica. Un evento che ha come protagonisti un grande attore e un grande jazzista per ricreare l’atmosfera evocata da pagine straordinarie su di un personaggio altrettanto straordinario e mitico come Charlie Parker. Il rapporto tra la lettura attoriale e la lettura musicale per arrivare all’esecuzione di una partitura che esprima al suo meglio le possibilità e i sottotesti nascosti nell’opera letteraria. Quanto al controllo dei tempi di Cortázar, melomane amante del jazz, è di un rigore assoluto attribuendo alla ritmica della prosa una parte fondamentale della sua narrazione. Ed in questo caso in particolare la scrittura è sviluppata e costruita come i ritmi del jazz.
Omaggio al mondo del jazz e alle sue ossessioni creative “Il Persecutore” non è soltanto un racconto biografico ma interrogazione in forma narrativa sull’irriducibile alterità del genio artistico. Cortázar racconta di aver cercato a lungo il protagonista di questa long short–story e di averlo riconosciuto, alla fine, nel profilo biografico di Charlie Parker: “Un individuo che, pur dotato di enorme intuizione, sia molto ignorante, molto primitivo. Un personaggio che non pensi. Un uomo che non abbia pensieri, ma solo sensazioni, che, nella sua musica, nei suoi amori, nei suoi vizi, nella sua infelicità, sempre e dovunque, non agisca che al livello delle sensazioni”.
La figura tragica in “The Bird” è ombra ad uno dei molti volti di Cortázar, la cui opera trova in questo racconto un momento di svolta dalla rarefazione delle atmosfere fantastiche, al confronto “esistenziale” con l’altro, che sempre e comunque, è il simile.

20 settembre 2017 | MUSICA h 21

Calendario civile – Albero della Libertà – Circolo Gianni Bosio

E SE L’ITALIA DORME, PRESTO SE SVEJERÀ
Canzoni e letture sul Risorgimento

Produzione Circolo Gianni Bosio
A cura dell’Albero della Libertà
Sara Modigliani, voce
Gabriele Modigliani, chitarra
Stefano Pogelli, mandolino, banjo, concertina
Gavina Saba, chitarra e voce
Livia Tedeschini Lalli, voce
Laura Zanacchi, voce
e la partecipazione del cantastorie Mauro Geraci: voce, chitarra e letture

Per l’Italia laica e repubblicana, prima dell’avvento del fascismo, il 20 settembre era il perno del calendario civile – il ciclo di festività che nel corso dell’anno segnavano la storia del Risorgimento, della libertà, dell’uguaglianza e della fraternità. Si ricordavano le date delle cinque giornate di Milano, della Repubblica Romana, dell’insurrezione antipapalina soffocata nel sangue a Perugia, e poi la presa della Bastiglia e si cominciava a festeggiare il Primo Maggio.
Le parole dello spettacolo sono di coloro che durante il lungo processo risorgimentale hanno lottato, hanno polemizzato, hanno sofferto perché strade diverse da quelle che hanno preso il sopravvento fossero sperimentate per realizzare l’unificazione italiana. Le parole di chi, insomma, a torto o a ragione, ha continuato a chiedersi: quale nazione per quale Stato? Quale nuova comunità di uomini e donne dovrà partecipare alla sua costruzione?
I canti risorgimentali popolari, O Venezia, Camicia Rossa, Partire partirò partir bisogna, quelli d’autore e del mondo del canto anarchico-socialista, Dimmi bel giovane, Or che innalzato è l’albero, si mescolano alle ballate siciliane tra cui una (L’Italia dei Mille) composta dal poeta/cantastorie siciliano Franco Trincale. Parte del materiale, inedito, proviene dall’Archivio sonoro “Franco Coggiola” del Circolo Gianni Bosio.

 

Per ulteriori informazioni visitare il sito: www.teatrovascello.it

LEAVE A REPLY