La Filarmonica della Scala tra le prime dieci orchestre internazionali in tournée nell’inchiesta del mensile Classic Voice

0
118
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Nell’inchiesta del mensile Classic Voice, in edicola in questi giorni, la Filarmonica della Scala è nella top ten delle più prestigiose compagini sinfoniche presenti all’estero, al settimo posto per numero di concerti in tournée nella stagione 2017-2018, dopo Wiener Philharmoniker, Budapest Festival Orchestra, Berliner Philharmoniker, Gewandhaus, Concertgebouw e München Philharmoniker. L’orchestra inoltre è al quarto posto per numero di paesi visitati (10) e città (14) dopo Wiener, Budapest e Concertgebouw.

La più recente tournée estiva guidata da Riccardo Chailly (seguiranno i concerti di gennaio) ha infatti collezionato numeri importanti: 11 concerti in 9 sale (tappe a Lucerna, Londra Proms, Festival di Edimburgo, Berlino, Bucarest, Friburgo), tre differenti programmi musicali, tre solisti, due cori coinvolti (Edinburgh Festival e Rundfunk).
Il successo degli scaligeri ha avuto ampia risonanza anche sulla stampa estera riportando una copiosa rassegna con oltre trenta recensioni apparse su testate quali The Times, The Sunday Times, The Observer, The Guardian, The Telegraph, Berliner Morgenpost, Der Tagesspiegel, oltre alle testate nazionali Corriere della Sera, La Stampa, Il Messaggero:

The Filarmonica is a wonderful orchestra, the dark-toned strings really coming into their own in the Catacombs section of Pines, and the woodwind sounding exquisite in the outer movements of Fountains.
TIM ASHLEY – The Guardian

There are two ways that visiting orchestras can make an impression: they can lean on their illustrious tradition and distinctive sound, or they can set out to prove that they’re not defined by that tradition and that they can switch between styles as deftly as any other globe-trotting orchestra. For their two Edinburgh Festival concerts, the La Scala Philharmonic in Milan shrewdly opted to do both.
IVAN HEWETT – The Telegraph

Respighi’s Pines of Rome and Fountains of Rome, two parts of an orchestral trilogy of polychromatic extravagance, gave the Filarmonica its moment or, in these episodic works, an awful lot of moments to excel. Here, the string sound was mellow, the brass bright and clear, the woodwind elegant.
FIONA MADDOCKS – The Observer

La seconda metà del programma si apre con l’overture di Verdi “Les Vêpres siciliennes”, nella quale la Filarmonica della Scala rivela una cultura teatrale che nonostante la globalizzazione dei suoni non trova un vero e proprio imitatore.
ULRICH AMLING – Der Tagesspiegel

Chailly’s deluxe conducting of music that neesa idiomatic advocacy could hardly be faulted.
HUGH CANNING – The Sunday Times

Ottimo anche il feeling con i cori inglesi e tedeschi, entusiasti di cantare Verdi con chi ne è l’apostolo ufficiale. Ma quel che più conta è la qualità delle esecuzioni, alta per coesione, intensità espressiva e professionalità.
ENRICO GIRARDI – Corriere della sera

Filarmonica e Chailly in grande spolvero e ottima forma.
ALBERTO MATTIOLI – La Stampa

Dal 2015 Chailly ha plasmato la storia della Filarmonica, e a Lucerna si è potuto sentire quanto egli abbia “spolverato” l’orchestra dalla “patina” dei “bei vecchi tempi”. Flessibilità e apertura.
MARCO FREI – Neue Buercher Zeitung

La Filarmonica riparte a gennaio 2018 con Riccardo Chailly e porta in Europa i programmi esplorati nei primi due concerti di stagione, con la partecipazione dei solisti Benjamin Grosvenor e Denis Matsuev, che si alternano al pianoforte. Si parte dal Barbican Centre di Londra (24 gennaio – solista Grosvenor), due sono le date al Musikverein
di Vienna (29 gennaio, 30 gennaio – solista Matsuev) seguono i concerti di Budapest (25 gennaio, Béla Bartók National Concert Hall), Parigi (26 gennaio, Philharmonie), Lussemburgo (27 gennaio, Philharmonie) e Lucerna (21 marzo, Festival).
A maggio 2018, dopo il concerto alla Scala,
Daniel Harding dirige l’appuntamento del 27 maggio a Istanbul, affrontando l’Eroica di Beethoven e il Terzo concerto di Prokof’ev insieme al pianista russo Daniil Trifonov.

LEAVE A REPLY