Atti di guerra

Dal 17 al 22 ottobre al Pacta Salone, Milano

0
104
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Lorenzo Bolzani

Dal 17 al 22 ottobre 2017 la residenza ATTI DI GUERRA dalla trilogia The war plays di Edward Bond, in prima assoluta al PACTA SALONE affronta il tema del nucleare e della violenza, in uno studio con la regia di Salvino Raco nella traduzione di Margaret Rose e Salvatore Cabras. La produzione Laboratory Experiences si svolge con la collaborazione di Margaret Rose dell’Università degli Studi di Milano e PACTA . dei Teatri: un’operazione coi giovani come era stata concepita da Bond stesso. Con il sostegno di Fondazione Cariplo.

La trilogia “Atti di Guerra” di Edward Bond (Rosso Nero e Ignorante, I Padroni delle Lattine e La Grande Pace) è stata scritta a Casteldaccia in Sicilia con gli studenti dell’Università di Palermo nel 1983. In essa si affronta il tema del nucleare e della violenza: la storia visionaria di un mondo devastato, reso desertico dalle guerre e inabitabile dalle carestie e da un passato susseguirsi di esplosioni atomiche, in preda a eserciti totalitari che tolgono ai pochi cittadini rimasti ogni libertà.

In questa prima fase di studio – spiega il regista Salvino Raco – saranno presentate alcune delle grandi scene della trilogia con lo scopo di restituire al testo il senso più profondo. Il linguaggio emozionante e poetico di Bond sollecita in maniera forte il pensiero dello spettatore e lo induce, da un lato, ad agire per evitare il pericolo delle catastrofi e, dall’altro, alla comprensione dell’origine della violenza. Lo studio ha anche come obiettivo importante quello di coinvolgere e sensibilizzare il pubblico di tutte le generazioni a riflettere sulla storia attuale e sul fatto che la crisi che stiamo vivendo – guerre, conflitti, cambiamento climatico, flussi migratori – puó essere trasformata in atti di riconciliazione con l’altro e che il cambiamento può avvenire se cominciamo a rispettare noi stessi e l’ambiente”.

———

La trilogia “Atti di Guerra” di Edward Bond

Rosso Nero e Ignorante (1983-84), prima parte della trilogia, mette in scena un personaggio terribile “Il mostro” che vive in un mondo violento: rappresenta la vita che avrebbe vissuto se non fosse stato ucciso nel ventre di sua madre da un bombardamento.

I Padroni delle Lattine (1984) è il secondo atto della trilogia: in un mondo ridotto a un deserto dalla bomba, alcuni sopravvissuti devono affrontare l’arrivo di un uomo che provoca la morte brutale di alcuni abitanti.

La Grande Pace (1984), ultimo atto della trilogia, comincia prima della distruzione del mondo: un giovane soldato deve uccidere un bambino di 5 anni per ridurre il consumo di cibo. In circostanze di estrema violenza è costretto a uccidere suo fratello e a scappare, lasciando la madre davanti al fatto compiuto.

———

Edward Bond – È una delle figure più importanti del teatro contemporaneo. Drammaturgo, poeta, sceneggiatore e regista teatrale, è autore di più di cinquanta opere rappresentate in tutto il mondo e di una riflessione essenziale sulla funzione culturale e politica del teatro. La sua opera si distingue per l’analisi delle deformazioni della società contemporanea e per la narrazione di ogni forma di potere e delle compressioni che esso produce. Fra i numerosi testi: Saved (1964), Lear (1971), Estate. Un dramma europeo (1980), Atti di Guerra (1983-85), La Compagnia degli uomini (1988), Existence (2002), The Edge (2011).

Salvino Raco, regista, drammaturgo. Dopo un periodo di formazione al Piccolo Teatro di Milano partecipa ai seminari di Tadeusz Kantor e ai workshops con Bob Wilson.
Studia all’Università Sorbonne di Parigi, Master in Studi Teatrali. Inizia a lavorare come attore con Pier’Alli e Gabriella Bartolomei; partecipa a spettacoli al Festival di Avignone, Berlino, Biennale di Venezia. É assistente alla regia di Carlo Battistoni e Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano. In Italia sue regie sono state presentate al Festival Internazionale di Teatro Biennale di Venezia, Festival Contemporanea, Teatro Metastasio Prato, Ansaldo di Milano, Triennale di Milano, Festival di Asti, Festival di Radicondoli.

———

PACTA SALONE

Dal 17 al 22 ottobre 2017 Vetrina contemporanea – Residenza

ATTI DI GUERRA prima assoluta

dalla trilogia The war plays di Edward Bond

traduzione Margaret Rose e Salvatore Cabras

con Alessandro Betta, Matteo Ferrante, Sara Sacchi, Agnese Troccoli, Valeria Zanolin

visual design George Paparus

sound design Nicola Tripaldi

coordinamento Laura Malacarne

regia Salvino Raco

produzione Laboratory Experiences

in collaborazione con Margaret Rose dell’Università degli Studi di Milano e PACTA . dei Teatri

con il sostegno di Fondazione Cariplo

Studio per una messa in scena

Durata 90’

———

INFO

PACTA SALONE

via Ulisse Dini 7, 20142 Milano

MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa, tram 3 e 15

Per informazioni: www.pacta.org mail biglietteria@pacta.orgpromozione@pacta.orgtel. 0236503740 – ufficio scuole: ufficioscuole@pacta.org

Orari biglietteria: via Ulisse Dini 7, 20142 Milano – dal lun al ven dalle ore 16.00 alle ore 19.00 – nei giorni di spettacolo: dal mar al sab dalle 16 – dom dalle 15

Biglietti: Intero €24 | Rid. Convenzioni €18 | Under 25/over 60 €12 | CRAL e gruppi €10 (min. 10 persone) | gruppi scuola €9 | Prevendita €1,50 – per gli spettacoli della rassegna PARAPIGLIA biglietti € 6,00 per tutti

Orari spettacoli da martedì a sabato ore 20.45, domenica ore 17.30, lunedì riposo

ABBONAMENTI: ALL YOU CAN SEE ingressi illimitati €130,00 – CARTA AMICI DI PACTA 6 spettacoli €60,00 – CARTA TANDEM 2 ingressi a 2 spettacoli €38,00 – CARTA FAMIGLIA (minimo 3 persone) €24,00 – SCIENZAINSCENA (ingresso a tutti gli spettacoli, conferenze e laboratori del festival) €30,00 – TEATRO METROPOLITANO (PACTA SALONE-ScenAperta Tirinnanzi) 2 spettacoli+visita guidata Milano zona 5/Legnano Turismo Sempione euro 18,00

LEAVE A REPLY