Festival Piccolo Grande Cinema (10° edizione)

Dal 3 al 12 novembre presso Cinema Spazio Oberdan e MIC – Museo Interattivo del Cinema a Milano, e Area Metropolis 2.0 a Paderno Dugnano (MI)

0
144
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Piccolo Grande Cinema, Festival Internazionale della Nuove Generazioni, è giunto all’entusiasmante traguardo della decima edizione. A cura di Fondazione Cineteca Italiana, il Festival si svolgerà quest’anno dal 3 al 12 novembre 2017 presso le sale di Milano Cinema Spazio Oberdan e MICMuseo Interattivo del Cinema, e Area Metropolis 2.0 a Paderno Dugnano.

——-

PICCOLO GRANDE CINEMA IN BREVE

__21 anteprime di film tra cui La signora dello zoo di Varsavia di Niki Cairo con Jessica Chastain, protagonista di una storia di speranza ambientata nella seconda guerra mondiale e Nut Job – Tutto molto divertente diretto da Cal Brunker, la nuova esilarante avventura dell’incorreggibile scoiattolo Spocchia e i suoi amici, che sarà presentata con un’anteprima solidale per Medicinema Italia Onlus.
__Il
Convegno internazionale The Film Corner, incentrato sulle più innovative tecniche di alfabetizzazione cinematografica rivolte al pubblico del futuro, tenuto dai maggiori esperti europei di film education.
__
La personale e un seminario dedicati al maestro del cinema Ken Loach.
__Il
Concorso Rivelazioni: cinque inediti lungometraggi italiani, opere prime o seconde valutate da una giuria popolare.
__Il
Concorso Tempo Limite: dieci cortometraggi finalisti del bando lanciato dalla Cineteca nell’anno del 70esimo anniversario della Fondazione.
__
Il Concorso Cinecinemondo: 5 anteprime internazionali per ragazzi valutate dalla Giuria Scuole.
__L’attesissima
Notte al Museo del Cinema per 20 impavidi bambini che dormiranno nel museo scoprendo i suoi magici segreti.
__Serata inaugurale del Festival con
red carpet e dress code: “Da grande farò…”
__
Seminario itinerante “La materia dei sogni”, per scoprire tutto quel che c’è da sapere sulla pellicola ma non avete mai osato chiedere.
__
A merenda con la volpe e due film con protagonista il furbo canide
__Lancio dell’iniziativa
Cattivissimo MIC Club – Giovani spettatori alla riscossa
__
Giuria specializzata scuole: 70 studenti in Cineteca per uno stage di orientamento professionale nel mondo del cinema
__
L’Open Day delle Scuole e dei Corsi di Cinema per scoprire le professioni del cinema.

——-

IL TEMA DEL FESTIVAL

Felicità è la parola d’ordine di Piccolo Grande Cinema, il Festival internazionale delle nuove generazioni. E proprio con le divertenti avventure del piccolo Spirou, intraprendente e sensibile, che ostinatamente combatte per la sua felicità malgrado l’ottusità degli adulti che lo circondano, inaugureremo l’edizione numero 10 del Festival.
Felicità di diventare grandi, quindi, e di guardare con coraggio al futuro, proprio come il Festival stesso che giunge al compimento del decimo anno offrendo al pubblico un programma di ampio respiro: 21 grandi anteprime, 20 laboratori, 3 seminari, 3 sezioni di Concorso (CineCineMondo per le Scuole, Rivelazioni per le opere di giovani registi italiani indipendenti, Tempo limite di cortometraggi per celebrare il 70esimo compleanno della Cineteca), l’Omaggio al grande maestro Ken Loach, 2 Giurie (la Giuria specializzata scuole, in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale, e la Giuria Popolare di Rivelazioni) e la Conferenza Internazionale Film Corner, che trasformerà Milano nel cuore delle più avanzate ricerche di Film Education d’Europa e con cui lanceremo una piattaforma online per le scuole ad alto tasso tecnologico e creativo.
Felicità anche di crescere liberi di urlare il proprio diritto a essere quel che si è e di farlo anche grazie alla propria creatività: questo racconteranno i corti girati dai nostri bambini e ragazzi dei Campus estivi che presenteremo orgogliosamente nel primo weekend del Festival, e molte delle storie raccontate dai grandi film in Anteprima per piccoli e grandi.
E
felicità, per la Cineteca in questo suo 70esimo compleanno, significa infine guardare con fiducia e curiosità al futuro del cinema grazie agli occhi giovani dei nuovi registi del Concorso Rivelazioni e dei corti Tempo Limite, dei bambini e ragazzi che incontriamo in tutte le nostre attività durante l’anno, dei giovani studenti che ci affiancano nel lavoro ogni giorno come volontari o stagisti, dei ragazzi dei Campus estivi con cui trascorriamo settimane di energia allo stato puro, dei giovani critici di Long Take che con competenza e generosità ci affiancano in molte nostre avventure: questi sguardi nuovi e freschi, appassionati e stralunati, talvolta solo apparentemente strabici, ci dicono con chiarezza che il cinema, al di là di tutte le più pessimistiche visioni, è sempre vivo e lotta con e per noi. Buon divertimento a tutti.

Silvia Pareti, Direzione Artistica Festival Piccolo Grande Cinema

——-

IL PROGRAMMA FAMILY

OPENING NIGHT CON DRESS CODE “DA GRANDE FARO’…”
La X edizione del Festival si apre
venerdì 3 novembre con l’anteprima di Petit Spirou (Le avventure di Spirou) di Nicolas Bary, versione live action dell’omonimo popolarissimo fumetto franco-belga, pubblicato anche in Italia da Nona Arte.
Grazie alla collaborazione con i magazine RCS MediaGroup, 
Insieme e Style Piccoli, i bambini si sentiranno delle vere star alla prima cinematografica del film: un vero red carpet con tanto di luci e fotografo stile Hollywood sarà ad attenderli per una passerella dal dress code “Da grande farò…”, ispirato al tema del film.
La grande Opening Night del Festival Piccolo Grande Cinema si concluderà
con l’esclusiva NOTTE AL MUSEO DEL CINEMA, durante la quale venti coraggiosi bambini avranno la possibilità di trascorrere una notte all’interno del Museo Interattivo del Cinema scoprendo le sue meraviglie.


LE ANTEPRIME

Evento speciale – Nut Job – Tutto molto divertente
Tornano sul grande schermo, distribuiti da Notorious Pictures, i protagonisti di NUT JOB con una nuova ed esilarante avventura. Questa volta a far ballare Spocchia e i suoi amici saranno le note di ‘Andiamo a comandare’, la canzone che ha lanciato Fabio Rovazzi, diventata un tormentone anche tra i più piccoli. L’anteprima del film è realizzata in collaborazione con MediCinema Italia Onlus con l’obiettivo di raccogliere fondi per la realizzazione della sala cinema integrata nel Grande Ospedale Metropolitano Niguarda. Una proiezione speciale benefica che supporterà la creazione della prima sala cinema sensoriale a Milano, già attiva in alcuni altri ospedali nazionali, che si basa sulla realizzazione di uno spazio cinema dedicato alla terapia di sollievo per pazienti e familiari con un programma innovativo e strutturato per i bisogni dei pazienti, finalizzato al concreto miglioramento nell’assistenza psicologica ai pazienti degenti.
La signora dello zoo di Varsavia
In anteprima nazionale con M2 Pictures l’adattamento cinematografico dell’omonimo best-seller di Diane Ackerman, edito in Italia da Sperling & Kupfer. Diretto da Niki Caro e interpretato dalla due volte candidata all’Oscar Jessica Chastain, il film racconta la storia di Antonina Żabińska, moglie, madre e lavoratrice che per molti, durante la Seconda Guerra Mondiale, divenne un barlume di speranza nella Varsavia occupata dai nazisti.
Little Spirou (le avventure di Spirou)
Ispirato alla serie
Le Petit Spirou di Tome e Janry (17 volumi dal 1987), il film di Nicolas Bary è la versione live action dell’omonimo popolarissimo fumetto franco-belga, pubblicato anche in Italia. Il film racconta la gioventù del piccolo Spirou, un ragazzino molto irriverente che, insieme ai suoi amici, vivrà un’incredibile avventura alla ricerca del proprio talento.
La mélodie – La melodia
Da un’idea originale di Guy Laurent – scrittore, tra gli altri, di
Non sposate le mie figlie! – e diretto dal regista algerino Rachid Hami, La mélodie è stato presentato fuori concorso alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia 2017. E’ la storia di un famoso ma disilluso violinista che ritrova la passione grazie al talento dei suoi scapestrati studenti.
Sea Sorrow
Ispirandosi alla
Tempesta shakespeariana, Vanessa Redgrave – Oscar alla miglior attrice non protagonista nel 1978 per il film Giulia di Fred Zinnemann – debutta alla regia con un documentario sul tema dell’immigrazione. Presentato a Cannes 2017 e in programma in contemporanea alla Festa del Cinema di Roma, il film vede nel cast ospiti d’eccezione come Ralph Fiennes e Emma Thompson.
Just Charlie
Il film diretto da Rebekah Fortune, vincitore del Premio del pubblico a Edimburgo, segna il debutto di Harry Gilby che offre un’interpretazione indimenticabile, degna di una stella di Hollywood. Il film segue il quattordicenne Charlie, impegnato alla scoperta della propria identità – soprattutto di genere – attraverso un racconto di formazione immerso in un clima musicale e fotografico fiabesco e sognante.
Barbiana ’65 – La lezione di Don Milani
Presentato all’ultima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il film di Alessandro D’Alessandro ci riporta una testimonianza unica di Don Lorenzo Milani, l’occasione per far riemergere con forza l’attualità del messaggio del Priore a cinquant’anni dalla morte, ricordando a tutti la sua grande lezione. Il film è realizzato grazie al recupero del materiale girato nel 1965 dal padre Angelo, che si era recato in quegli anni presso la Scuola di Barbiana.
Il regista Alessandro D’Alessandro sarà presente in sala per un incontro con il pubblico.
CERN – Il senso della bellezza
Diretto da Valerio Jalongo e presentato al Festival Internazionale del Cinema Documentario di Nyon, in Svizzera, il film vuole raccontare delle scoperte del CERN dall’anno della sua fondazione, 1954, ad oggi. Il parallelismo tra scienza e bellezza è la cifra narrativa di tutto il racconto. La proiezione del film è in collaborazione con Fondazione AEM.
Sing
Il corto vincitore del Premio Oscar per il miglior cortometraggio 2017 del regista Kristóf Deák, che si lascia ispirare da una storia vera e racconta la competizione che una ragazzina ha dovuto affrontare entrando a far parte del coro della scuola.
Sami Blood
Primo lungometraggio della regista Amanda Kernell,
Sami Blood è stato presentato alla Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia 2016, dove ha vinto l’Europa Cinemas Label Award e il Premio Fedeora per il miglior debutto cinematografico. Il film è inoltre tra i finalisti del Premio Lux 2017 del Parlamento europeo. Sami Blood parte da un precedente corto della regista, Stoerre Vaerie, che aveva ottenuto una nomination al Sundance Film Festival 2015.
The Big Bad Fox & Other Tales – La grande volpe cattiva e altre favole
Il nuovo film d’animazione del fumettista francese Benjamin Renner, regista di
Ernest & Celestine, candidato agli Oscar 2016 come miglior film d’animazione. Il film prende ancora una volta ispirazione dai fumetti, ma questa volta da uno scritto dallo stesso regista, ovvero Le Grand Méchant Renard, et autres contes, e racconta le divertenti avventure di alcuni animali tra i quali una volpe imbranata.
At Eye Level – Ad altezza occhi
Diretto da Joachim Dollhopf, Evi Goldbrunner, il film ha vinto il Lola al miglior film per bambini in occasione del Deutscher Filmpreis, il più importante premio cinematografico tedesco. Una storia raccontata dal punto di vista dei bambini, che tratta valori universali quali l’amicizia, la famiglia, la diversità, la dignità e l’essere umani. La proiezione del film è realizzata con la collaborazione di Ledha, Lega per i diritti delle persone con disabilità (
www.ledha.it). Il film verrà presentato in sala da Matteo Schianchi, storico, studioso di storia sociale della disabilità presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e responsabile delle attività di Mediateca Ledha.
Maman à tort (
Mum’s wrong)
Diretto da Marc Fitoussi, il film approccia la scoperta del mondo degli adulti da parte degli adolescenti, in particolare la difficoltà a comprendere le dinamiche che regolano il mondo del lavoro.
Next Door Spy – La detective della porta accanto
Next Door Spy è il primo lungometraggio della regista d’animazione danese Karla von Bengtson, che già ha ottenuto fama con il corto The Shadow in Sara, presentato nel 2004 alla Berlinale e all’Annecy International Animated Film Festival. Protagonista è la giovane detective Agatha-Christine, che organizza il suo quartier operativo nel seminterrato del palazzo in cui si è appena trasferita.
Mountain Miracle
Presentato nella sezione Generation del Festival internazionale del cinema di Berlino 2017 e approdato al Giffoni Film Festival, il film del regista Tobias Wiemann tratta il tema della formazione e della ricerca della propria identità da parte di un’adolescente nella difficile accettazione di sé e delle proprie debolezze.
Una volpe a corte
Uno dei primissimi e rari esempi di sorprendente animazione a passo uno, diretto dall’animatore di pupazzi lituano Ladislav Starevitch. Ispirato al racconto
La volpe Reinhart di Johann Wolfgang Goethe, è il primo lungometraggio dell’autore, realizzato insieme alla figlia Irène. Il film fu proiettato in Germania nel 1937 e in Francia nel 1941, ma la sua realizzazione risale a molto tempo prima. Il film racconta le malefatte di una volpe di nome Reynard, che crea scompiglio nel villaggio e, grazie alle sue astuzie, la fa sempre franca. Il film ha ispirato il visionario Wes Anderson nella realizzazione del suo noto Fantastic Mr. Fox (2009).

 

——-

IL CONCORSO RIVELAZIONI
Il Concorso “Rivelazioni”, giunto alla sua XV edizione, presenta 5 cinque film italiani indipendenti firmati da giovani registi, opere prime o seconde, non ancora distribuite.
I film del concorso, programmati presso il Cinema Spazio Oberdan e presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema, saranno valutati da una giuria del pubblico costituita da spettatori e studenti. Saranno presenti in sala i registi dei film in Concorso.


I CINQUE FILM IN GARA IN ANTEPRIMA

Cratere
Firmato dalla coppia di documentaristi Luca Bellino e Silvia Luzi, opera prima accolta da dieci minuti di applausi all’ultima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e l’unico italiano in concorso a competere per il Grand Prix di Tokyo. Un’indagine sul rapporto padre-figlia in un contesto, quello della Campania sottoproletaria, sempre più in rilievo nello scenario cinematografico nazionale. Tra vendite di peluche per strada e sogni di riflettori neomelodici, un dramma familiare irradiato dalla splendida performance della giovanissima Sharon Caroccia.

 

Controfigura
Opera prima dell’artista Rä di Martino, presentato nella sezione fuori concorso Cinema nel Giardino a Venezia 2017 e in concorso all’Annecy Cinema Italien. Iconica riflessione sulla genesi di un film, “Controfigura” (The Stand In) è interpretato da Corrado Sassi, Valeria Golino e Filippo Timi nei panni di un personaggio ispirato al Burt Lancaster di “The Swimmer” del 1968.
In linea con la ricerca artistica di Rä Di Martino, che sviluppa i suoi lavori a partire da citazioni e rimandi alla storia del cinema per svelarne il potere manipolatorio, “Controfigura” racconta le peripezie di una troupe italiana a Marrakech impegnata nella preparazione di un film.

L’assoluto presente
Opera seconda di Fabio Martina, un thriller dall’atmosfera sospesa nell’attesa di conoscere il perché di un’aggressione. Un lavoro che vuole mostrare al pubblico una fotografia cruda e amara del mondo giovanile dell’Italia di oggi, in cui vige l’incertezza e lo stato d’ansia perenne per quello che avverrà.
I lavori di Fabio Martina trattano di temi sociali, etici e filosofici e mettono in discussione i cliché e gli stereotipi della società moderna, trovando larga diffusione in festival internazionali, nei circuiti cinematografici e sulle televisioni nazionali in chiaro, ottenendo successi di pubblico e di critica.

Al di là del risultato
Primo lungometraggio di Emanuele Gaetano Forte, che racconta lo stile di vita e il disagio di una generazione. L’angusta provincia di Formia accoglie le vite di quattro ragazzi universitari, i quali si trovano nella fatidica fase di stallo della propria vita. Il film ha ottenuto il Prix Etudiat pour la Première Oeuvre al festival Cinema Mediterranéen Montpellier, la Menzione speciale Nuovo Cinema Italia e il Premio Cinemaitaliano.info al Napoli Film Festival e il Premio Giuria Giovani al Valdarno Cinema Fedic.

Dopo la guerra (Après la guère)
Opera prima di Annarita Zambrano con protagonisti Barbora Bobulova, Giuseppe Battiston. Presentata all’ultimo festival di Cannes nella sezione
Un certain regard, è un’opera sulle ferite aperte della lotta armata che insanguinò l’Italia negli Anni Settanta.

——-

THE FILM CORNER INTERNATIONAL CONFERENCE
MILANO CAPITALE EUROPEA DELLA MEDIA EDUCATION
Il convegno internazionale coordinato dalla Cineteca di Milano incentrato sulle più innovative tecniche di alfabetizzazione cinematografica rivolte al pubblico del futuro, tenuto dai maggiori esperti europei di Film Education.

Il 10 novembre Milano ospiterà la The Film Corner International Conference, una preziosa occasione di dialogo e confronto sui temi della Media Education tra i massimi esperti del settore.
La conferenza sarà occasione del lancio ufficiale del progetto europeo “The Film Corner”, una piattaforma digitale e interattiva volta a diffondere presso i più giovani una maggiore consapevolezza del mezzo audiovisivo attraverso attività didattiche e video ludiche, realizzata da Fondazione Cineteca Italiana (Milano) in collaborazione con The Film Space (London, UK); The Nerve Centre (Derry, Northern Ireland); the National Cinémathèque of Serbia (Serbia, Belgrade); e il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università Milano-Bicocca e co-finanziato nell’ambito del Programma Europa Creativa dell’Unione Europea.
L’impetuosa affermazione delle nuove tecnologie audiovisive nel panorama mediale contemporaneo, ha reso stringente la necessità di promuovere presso i giovani membri della Comunità europea apparati didattici che consentano un uso consapevole di simili tecnologie. Molteplici e di varia natura sono stati gli approcci metodologici tentati dai diversi paesi europei e altrettanto numerose sono state le proposte provenienti dal mondo accademico.
In Italia, in particolare, di recente si è registrata una rinnovata attenzione all’Educazione all’Immagine in linea con le più recenti disposizioni ministeriali: la legge n. 220 del 14 novembre 2016, intitolata “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”, sostiene infatti il cinema e l’audiovisivo quali fondamentali mezzi di espressione artistica, di formazione culturale e di comunicazione sociale (art.1); il Mibact, in raccordo con il MIUR, secondo quanto disposto dalla legge n. 220/2016 (art. 10), promuove programmi di educazione all’immagine nelle scuole di ogni ordine e grado.
Per far fronte ad una simile eterogeneità di metodologie proposte e per stimolare un confronto su scala europea, il prossimo 10 novembre Milano ospiterà la “The Film Corner International Conference”, organizzata da Fondazione Cineteca Italiana. Numerosi ospiti internazionali ed esperti del settore, infatti, dialogheranno tra loro sui temi della Media Education e della Film Literacy, rendendo questa giornata di studio una preziosa opportunità per chiunque voglia approfondire o conoscere le più recenti metodologie di educazione all’immagine e all’audiovisivo.
Un ringraziamento speciale al maestro del cinema Ken Loach, a cui il Festival dedica un’ampia retrospettiva, la cui preziosa collaborazione ha permesso a The Film Corner di acquisirne la produzione filmica.

——-

LA PERSONALE E IL SEMINARIO DEDICATI A KEN LOACH
Durante il festival, presso le sale Cinema Spazio Oberdan e MIC – Museo Interattivo del Cinema, verrà proposta una retrospettiva in
diciotto film dedicata al maestro del cinema Ken Loach, per celebrare la fortunata acquisizione dell’intera produzione filmica, che il regista ha gentilmente messo a disposizione di Fondazione Cineteca Italiana per il progetto europeo di educazione all’immagine “The Film Corner.
A partire dal primo lungometraggio
Poor Cow (1967) e da Family Life (1971), che segnano l’appartenenza di Loach alle schiere del movimento d’avanguardia noto come “Free Cinema”, la rassegna cattura l’impegno e la dedizione con cui il regista ha affrontato i temi della lotta operaia (Riff Raff, In questo mondo libero), delle ineguaglianze sociali (Piovono Pietre, Ladybird Ladybird, My name is Joe) e dell’immigrazione (Bread and Roses). Con un linguaggio filmico asciutto, diretto e semplice, Ken Loach si mostra inoltre abile nel raccontare con straordinaria profondità i complessi rapporti umani che legano personaggi disadattati ed emarginati, da Sweet Sixteen e Il mio amico Eric, fino al recente I, Daniel Blake, vincitore della Palma d’Oro alla 69ª edizione del Festival di Cannes.
Completano la personale del cineasta inglese i titoli
L’agenda nascosta, Il vento che accarezza l’erba e La parte degli angeli.
Martedì 7 novembre alle ore 19 presso il cinema Spazio Oberdan, Piccolo Grande Cinema in collaborazione con Inail – Direzione Regionale Lombardia, propone un
seminario sull’intensa cinematografia di Ken Loach a cura di LongTake, incentrato sulla tematica del lavoro, molto cara al regista.

——-

CONCORSO TEMPO LIMITE
Nell’anno del 70esimo anniversario della Fondazione Cineteca Italiana è stato lanciato, in collaborazione con SIAE – Società Italiana Autori ed Editori, il bando Tempo Limite, un concorso per
corti di 7 minuti o cortissimi di 70 secondi che raccontassero storie legate al concetto di tempo. Oltre cento giovani creativi da tutta Italia hanno raccolto la nostra sfida e si sono cimentati sul tema proposto. La giuria composta dalla Direzione artistica della Cineteca ha selezionato i 15 corti finalisti: i due vincitori (il primo classificato nella sezione “Cortissimi” riceverà un premio di 700 €, mentre il primo nella sezione “Corti” riceverà un premio di € 1.300) saranno poi decretati dalla giuria specializzata scuole, coordinata dalla redazione di LongTake (www.longtake.it).


IL SEMINARIO ITINERANTE “LA MATERIA DEI SOGNI”
Domenica 5 novembre alle ore 15 è la volta del seminario itinerante La materia dei sogni, alla
scoperta della materia del cinema del passato, la pellicola cinematografica, e del futuro, il digitale.
Il laboratorio, aperto a tutti i ragazzi dai 9 anni in su, si pone l’obiettivo di dare delle nozioni storiche e tecniche sulla pellicola cinematografica e affronta tutti i principali aspetti teorici e pratici del cinema in tutte le sue caratteristiche tecnologiche. Partendo dal cinema delle origini e dalla creazione e la percezione dell’immagine in movimento, si studieranno i formati, i pregi e i limiti della pellicola. Si scoprirà cosa significa conservare un film, di cosa è fatto e come si proietta.
Un percorso che si svolgerà in tre luoghi: la sala cinematografica con proiezione di scene di film e slide con immagini, l’Archivio Film di Fondazione Cineteca Italiana, dove dormono i film, e il MIC Lab, il laboratorio di restauro e post produzione della Cineteca.

 

——-

A MERENDA CON LA VOLPE
Sabato 11 novembre il Festival Piccolo Grande Cinema dedica un focus alla volpe, furbissimo animale protagonista di tanti libri e film per bambini. In programma la proiezione del divertente
The Big Bad Fox and Other Tales, il nuovo film d’animazione del fumettista francese Benjamin Renner, regista di Ernest & Celestine. Il film prende ancora una volta ispirazione dai fumetti, ma questa volta da uno scritto dallo stesso regista, ovvero Le Grand Méchant Renard, et autres contes, e racconta le spassose avventure di alcuni animali di una fattoria tra i quali una volpe imbranata.
Al termine della proiezione verrà offerta ai bambini una
merenda “boscosa”.
Compiendo uno straordinario viaggio indietro nel tempo verrà proiettato inoltre, in edizione restaurata,
Una volpe a corte (1930), uno dei primissimi e rari esempi di animazione a passo uno, diretto dall’animatore di pupazzi Ladislav Starevitch. Il film ha ispirato il visionario Wes Anderson nella realizzazione del suo noto “Fantastic Mr. Fox” (2009).


CATTIVISSIMO MIC CLUB
Sabato 4 novembre alle ore 15 presso il Cinema Spazio Oberdan sarà presentato il progetto CATTIVISSIMO MIC CLUB – Giovani spettatori alla riscossa, un’azione pensata per condividere, scoprire e amare il cinema tutti insieme nel tempo libero. Il Club, che prenderà il via da gennaio 2018, è un progetto a cura di Fondazione Cineteca Italiana, pensato per ragazze e ragazzi tra gli 11 e i 14 anni e finalizzato all’organizzazione di eventi, gite, proiezioni, incontri riservati agli iscritti, nonché alla formazione di un pubblico giovane consapevole, dotato di spirito critico e partecipante. Il Club permetterà ai giovani iscritti di scoprire nuove sale cinematografiche di alta qualità, di visitare luoghi, musei e collezioni di prestigio legate al cinema, di partecipare a workshop di cinema con professionisti del settore e tanto altro ancora. La tessera per iscriversi al Club sarà disponibile a partire dal 4 novembre presso le sale della Cineteca.

 

——-

IL PROGRAMMA SCUOLE
Realizzato in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, il programma scuole del Festival si svolgerà dal 6 al 10 novembre con tanti incontri, proiezioni di anteprime e laboratori pensati per avvicinare bambini, ragazzi e insegnanti al mondo del cinema con divertimento e competenza. Il programma prevede il
Concorso Cinecinemondo: alle classi verranno proposte cinque anteprime selezionate dai migliori Festival.
Anche per l’edizione 2017 le pellicole saranno sottoposte, oltre che al giudizio delle classi, anche al giudizio di una
giuria specializzata, quest’anno formata da 70 studenti delle scuole secondarie di secondo grado della Lombardia che parteciperanno a uno stage di orientamento professionale in alternanza scuola-lavoro nel mondo del cinema.

Ma le attività per le scuole saranno tantissime altre: il Laboratorio di cinema motore…azione!, le visite guidate con la realtà aumentata al Nuovo Archivio Storico dei Film, un laboratorio di critica cinematografica, e due workshop sull’era digitale e l’animazione, e sulla materia del cinema, per scoprire come si proietta un film.

Al MIC – Museo Interattivo del Cinema sabato 4 novembre si terrà inoltre la terza edizione dell’Open Day delle Scuole e dei Corsi di Cinema per dare la possibilità alle famiglie e ai ragazzi di scoprire le professioni del cinema. Le scuole che parteciperanno – tra cui le Scuole Civiche di Cinema, il Centro Sperimentale di Cinematografia, lo IED e la NABA – presenteranno il proprio piano di studi dando un quadro delle professioni del settore cinematografico e dell’audiovisivo.

——-

BIGLIETTI

Adulti: ingresso gratuito con *Cinetessera 2018 / ingresso intero € 5
Bambini: ingresso unico € 5
Proiezioni Concorso Rivelazioni: ingresso gratuito con Cinetessera 2018 / ingresso intero € 5
Speciale Una notte al museo: € 35
Seminario Il mondo del lavoro nel cinema di Ken Loach: ingresso libero
Laboratorio La materia dei sogni: € 5
Proiezioni Tempo Limite: ingresso libero
*La Cinetessera 2018, la tessera annuale delle sale della Cineteca, ha un costo di € 10.

——-

INDIRIZZI DELLE SALE
CINEMA SPAZIO OBERDAN Viale Vittorio Veneto 2, Milano MM1 Porta Venezia
MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA Viale Fulvio Testi 121, Milano MM5 Bicocca

INFO
INFOLINE 02.87242114
www.piccolograndecinema.it

LEAVE A REPLY